Recensioni libri

Imre Kertesz

Imre Kertesz biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Imre Kertesz

Imre Kertesz

Intervista

di Maria Serena Palieri, tratta da “l’Unità”, 6 settembre 2003
Fiasco è un romanzo che lei ha pubblicato a Budapest nel 1988. E la storia contiene, come in un gioco di scatole cinesi, il "fiasco" che l’Ungheria del socialismo reale aveva decretato per il precedente Essere senza destino, il romanzo sul lager, che lei aveva impiegato dieci anni a pubblicare e che aveva provocato la sua definitiva messa al bando. Ma qual è il "fiasco", la sconfitta, che narra più ampiamente?
È un romanzo che ho scritto sotto il regime comunista e il cui protagonista è un uomo che scrive sotto lo stesso regime. All’inizio è chiuso in una stanza piccolissima, cioè in una situazione come quella dell’epoca brezneviana, quando la vita era una pozzanghera di acqua stagnante. Ma il significato va oltre: ci sono due vie, una è quella dell’uomo che vuole creare se stesso e l’altra è quella dell’oppressione senza speranza che il regime impone. Chi opta per la prima, sceglie la libertà, ma incappa nella tragedia perché non è possibile agire basandosi su di essa. Il romanzo è, perciò, tragico: è la storia di Sisifo rivisitata alcuni decenni dopo il capolavoro di Albert Camus.

Lei ha sperimentato il nazismo e il regime sovietico. Qual è stato, nella sua esperienza, il nesso tra i due totalitarismi?
Dico sempre che il regime comunista, su di me, ha avuto l’effetto che la madeleine inzuppata nel tè ha avuto sulla memoria di Proust: ha sprigionato i sapori del passato. Cosa ho vissuto ad Auschwitz l’ho ricordato e capito nell’Ungheria comunista, specie dopo il fallimento della rivoluzione del 1956, quando ho visto come un popolo possa venire sottomesso e i suoi ideali possano essere distrutti. Come i moti dell’animo umano possano essere ritorti contro le stesse persone: allora la speranza diventò uno strumento del male e portò gli individui, passo dopo passo, ad accettare il totalitarismo. Il totalitarismo ti concede di sopravvivere solo se accetti le sue regole. Questa, a ben vedere, è stata la mia esperienza più tremenda. Di questo parlo nel mio nuovo romanzo che esce in Ungheria e in Germania a fine mese: il titolo in italiano significa Resa dei conti.

Lei ha spiegato che, ogni volta che immagina un nuovo romanzo, pensa ad Auschwitz. Perché?
Perché Auschwitz ha costituito la frattura etica più grande in duemila anni di storia europea. L’arte che non "sente" questa frattura non è arte, è solo intrattenimento di massa.

Da uomo sempre sotto scacco lei si è trasformato in premio Nobel. E intanto l’Ungheria è diventata un paese libero. Nel rileggere Fiasco in occasione dell’uscita in Italia, le è venuta la tentazione di un epilogo meno tragico?
Non ritocco mai quello che ho scritto. Quello che ho scritto sotto il comunismo è autentico tanto quanto ho scritto dopo. È cambiata solo la situazione. E questo si vede nel nuovo stile del mio nuovo romanzo.

Cosa racconta?
Si svolge negli anni del crollo del Muro, quando le persone sentono che il passato è scomparso e anche il presente si sta dissolvendo: gli intellettuali d’opposizione, in particolare, escono comunque perdenti, perché immaginavano un futuro diverso e vedono mancare il loro stesso ruolo. So che molti sono in disaccordo con me, ma io continuo a credere che non bisognasse approfittare neppure dei buchi di libertà che il totalitarismo concedeva. Nello scrivere Essere senza destino, il mio primo romanzo, sono stato attentissimo a non diventare in alcun modo noto prima di averlo finito, per non cedere ad alcun compromesso.

Ma vuol dire che anche oggi, nonostante tutto, regna l’Assurdo che lei ha saputo raccontare così bene?
La democrazia è un’assurdità non facile: chiede allo scrittore una responsabilità complessa, chiede il consenso. Ha lo stesso potere manipolatorio di altri sistemi, solo che sotto le dittature le persone si nascondono, mentre in democrazia non lo fanno volentieri. Ma dobbiamo stare attenti a non far manipolare il nostro, personale, segreto romanzo.

Imre Kertesz I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Imre Kertesz
Lo spettatore
Lo spettatore
Liquidazione
Liquidazione
Lo spettatore
Lo spettatore
Liquidazione
Liquidazione
L'ultimo rifugio. Romanzo di un diario
L'ultimo rifugio. Romanzo di un diario
''\'\\\'\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\'
''\'\\\'\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\'\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\\'

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit
[04-08-2018]
Leggi le altre News