Recensioni libri

Antonio Maraini

Antonio Maraini biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Antonio Maraini
Antonio Maraini
Modifica bioCronologia

Antonio Maraini, nato a Roma nel 1886 e laureato in Giurisprudenza, ebbe la fortuna di crescere in un ambiente vivace, in una casa frequentata da scrittori, musicisti e artisti, come Giulio Bargellini, Angelo Zanelli, Adolfo De Carolis, Giulio Aristide Sartorio, Duilio Cambellotti e Giovanni Prini. Si dedicò presto all’arte, seguendo la sua vocazione per la scultura, per il bassorilievo in particolare. Nel 1912 vinse il concorso per il monumento a Adelaide Ristori a Cividale del Friuli e da allora, e soprattutto poi negli anni Venti, le sue opere – la tre statue per il Teatro Savoia (attuale Odeon) di Firenze del 1922, i bassorilievi per la Tomba di Giacomo Puccini a Torre del Lago (1924), la sala personale alla Biennale di Venezia del 1926, la Via Crucis di Rodi del 1927, i pannelli in bronzo per la Porta di San Paolo a Roma, per la Scala Nuova dei Musei Vaticani e l’Arengario di Brescia del 1932, per citarne alcune – rivelano una spiccata grazia ornamentale, organizzata in composizioni monumentali che rispondono a cadenze architettoniche e ad un’esigenza di ordine, simmetria e proporzione. Nel Fascismo, promotore proprio di grandi imprese monumentali, Maraini vide realizzate le sue aspirazioni. L’architetto con il quale si trovò a collaborare più spesso fu Marcello Piacentini, al quale era legato da amicizia già in gioventù. Antonio non fu solo artista ma anche uomo d’azione, di studio, scrittore, oratore e organizzatore. Fu critico d’arte per il giornale La Tribuna di Roma e non solo; collaborò con Domus, Dedalus e La Nazione. Fu Segretario Generale della Biennale di Venezia dal 1927 al 1938 e si devono a lui la sua costituzione in Ente Autonomo, la creazione di un Archivio Storico della Biennale, così come l’aumento dei Padiglioni stranieri (dove esposero, tra gli altri, Matisse, Gauguin, Nolde, Marc, Modigliani, Moore, Toulouse-Lautrec, Klee), e le grandi mostre dedicate alla ‘Scuola di Parigi’ e al Futurismo. Il suo spirito ‘europeista’ non fu apprezzato da Hitler, in vista alla Biennale nel 1934. Ma egli s’adoperò per un’apertura ‘internazionale’ delle arti e, al momento delle Leggi Razziali, per garantire la presenza di artisti come Corrado Cagli. Con la creazione della Mostra del Cinema Maraini fu anche il promotore dell’ammissione del Cinema come forma d’arte alla Biennale, e di altre manifestazioni collaterali come il Festival della Musica, del Teatro e della Poesia. Fu inoltre Commissario Nazionale del Sindacato Nazionale Fascista di Belle Arti e rappresentante degli artisti alla Camera dei Deputati oltre che Membro delle Corporazioni, dando grande impulso all’arte italiana e contemporanea all’estero, con mostre tra le quali restano memorabili quella di Parigi al Musée du Jeu-de-Paume nella primavera del 1935 e quella di Berlino nell’autunno del 1937. Nel dopoguerra, e a partire dagli anni ‘50, Antonio rallentò la sua frenetica attività, si ritirò nella sua villa fiorentina di Torre di Sopra e lì morì nel 1963.

Antonio Maraini I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Antonio Maraini?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 19/04/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana