Recensioni libri

Claude Lévi Strauss

Claude Lévi Strauss biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20345

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Zam è anche

Recensioni Film
Canzoni
Programacion TV
Programme Tv
Programação TV
Tv Programm

Claude Lévi Strauss biografia

Claude Lévi Strauss Claude Lévi-Strauss (Bruxelles, 28 novembre 1908) è un grande antropologo francese. Egli ha applicato il metodo di indagine strutturalista agli studi antropologici. Claude Lévi-Strauss nasce a Bruxelles ma si trasferisce presto con la famiglia a Parigi dove suo padre lavorava come ritrattista e pertanto la sua formazione culturale avviene nel clima intellettuale parigino. Studia legge e filosofia alla Sorbona di Parigi non concludendo gli studi in legge, ma laureandosi in filosofia nel 1931. Inizia ad insegnare in un liceo di provincia condividendo questa sua esperienza con Maurice Merleau-Ponty e con Simone de Beauvoir. Le sue posizioni filosofiche sono molto critiche nei confronti delle tendenze idealiste e spiritualistiche della filosofia francese del periodo fra le due guerre, soprattutto perché egli riconosce in se stesso un'esigenza di concretezza che lo porta verso direzioni completamente nuove. Egli scopre presto nelle scienze umane, in particolare nella sociologia e nell'etnologia, la possibilità di costruire un discorso più concreto e innovatore sull'uomo. Decisivo fu per Lévi-Strauss l'incontro con Paul Rivet, che conobbe in occasione dell'esposizione di Jacques Soustelle al Museo Etnografico, e con Marcel Mauss del quale fu allievo. Egli rimane affascinato dal forte senso del concreto che scaturisce dall'insegnamento di Mauss e dal metodo che egli utilizza per spiegare e analizzare i riti e i miti primitivi. Nel 1935 viene offerto a Lévi-Strauss di andare ad insegnare sociologia a San Paolo in Brasile, dove una missione culturale francese aveva avuto l'incarico di fondare l'università. Questa sarà l'occasione per conoscere un mondo completamente diverso da quello europeo ma soprattutto per entrare in contatto con le popolazioni indie del Brasile che diventeranno l'oggetto delle sue ricerche sul campo. Il suo esordio nel campo dell'antropologia avviene gradualmente. Nei primi tempi, quando è libero dagli impegni universitari, compie brevi visite nell'interno del paese. Organizza poi una spedizione, della durata di qualche mese, tra i Bororo e infine una missione, che durerà un anno, nel Mato Grosso e nella foresta amazzonica dove incontrerà "i veri selvaggi", cioè le popolazioni meno acculturate e nello stesso tempo più interessanti. L'analisi di queste esperienze di antropologo sul terreno si trovano in Tristi Tropici, un'opera pubblicata nel 1955 Tornato in Francia nel 1939 viene mobilitato allo scoppio della seconda guerra mondiale ma nel 1941, subito dopo l'armistizio, a causa delle persecuzioni contro gli ebrei, è costretto a fuggire e riesce ad imbarcarsi per gli Stati Uniti. A New York conosce e inizia a frequentare molti altri intellettuali emigrati e ad insegnare presso "La Nuova Scuola per le Ricerche Sociali". Insieme a Jacques Maritain, Henri Focillon e Roman Jakobson, egli è considerato uno dei fondatori dell'École Libre des Hautes Études, una specie di università-in-esilio per accademici francesi. Gli anni trascorsi a New York sono per Lévi-Strauss molto importanti per la sua formazione. La sua relazione con il linguista Jakobson gli è d'aiuto per mettere a punto il suo metodo di indagine strutturalista. (Jakobson e Lévi-Strauss sono infatti considerati le figure centrali dello strutturalismo). Lévi-Strauss è anche considerato, insieme a Franz Boas, uno degli esponenti maggiori della antropologia Americana. Insegna questa disciplina presso la Columbia University a New York e il suo lavoro gli fa ottenere un titolo che gli servirà per essere accettato con facilità negli Stati Uniti. Nel 1948 Lévi-Strauss ritorna a Parigi e in quell'anno consegue il suo dottorato alla Sorbona con una tesi maggiore e una minore, come era tradizione in Francia, dal titolo "La famiglia e la vita sociale degli Indiani Nambikwara" (The Family and Social Life of the Nambikwara Indians) e le "Le strutture elementari della parentela" ( The Elementary Structures of Kinship). The Elementary Structures of Kinship viene pubblicata l'anno seguente e immediatamente considerato uno degli studi più importanti di antropologia sui rapporti di parentela fino a quel momento effettuati. Già Emile Durkein, aveva pubblicato un famoso studio, dal titolo Forme elementari della vita religiosa, frutto di una analisi su come i popoli organizzano le loro famiglie esaminando le strutture logiche che vengono a formarsi nelle relazioni tra i vari componenti. Mentre, tra gli antropologi inglesi, Alfred Reginald Radcliffe-Brown sosteneva che la parentela era basata sulla discendenza da un comune antenato, Lévi-Strauss sostiene che la parentela era basata sull'alleanza tra due famiglie che si viene a creare quando una donna proveniente da un gruppo sposa un uomo appartenente ad un altro gruppo. Tra gli anni 1940 e 1950 Lévi-Strauss continua le sue pubblicazioni e ottiene sempre maggior successo. Al suo ritorno in Francia lavora come amministratore della CNRS, al Musée de l'Homme e in seguito all'École Pratique des Hautes Études, alla sezione di 'Religious Sciences', sezione precedentemente fondata da Marcel Mauss e rinominata "Comparativie Religion of Non-Literate Peoples". Lévi-Strauss era conosciuto nei circoli accademici ma, nel 1955, con la pubblicazione della sua opera "Tristes Tropiques" egli viene considerato uno dei migliori intellettuali francesi. Tristi Tropici è essenzialmente un diario di viaggio nel quale egli annota le sue impressioni, frammiste a una serie di geniali considerazioni sul mondo primitivo amazzonico, che risalgono al periodo intorno al 1930 quando egli espatriò dalla Francia. L'opera di Lévi-Strauss viene presa in considerazione dall'organizzazione del Premio Goncourt, ma viene rifiutata con la giustificazione che "Tristes Tropiques" era una "non-fiction". Nel 1959 Lévi-Strauss diventa titolare della cattedra di Antropologia sociale presso il Collège de France. Dopo qualche tempo egli pubblica "Structural Anthropology" che comprendeva una collezione dei suoi saggi con esempi e teorie strutturaliste. In quel periodo egli sviluppa un programma che comprende una serie di organizzazioni, come un Laboratory for Social Anthropology e un nuovo giornale, l'Homme, per poter pubblicare i risultati delle sue ricerche. Nel 1962 Lévi-Strauss pubblica quello che per molti venne ritenuto il suo più importante lavoro, "Pensée Sauvage". Nella prima parte del libro viene delineata la teoria della cultura della mente e nella seconda parte questo concetto si espande alla teoria del cambiamento sociale. Questa seconda parte del libro coinvolgerà Lévi-Strauss in un acceso dibattito con Jean-Paul Sartre riguardo la natura della libertà umana. Ormai diventato una celebrità, Lévi-Strauss trascorre la seconda metà degli anni sessanta alla realizzazione di un grande progetto, i quattro volumi di studi dal titolo Mythologiques. In esso, Levi-Strauss analizza tutte le variazioni dei gruppi del Nord America e del Circolo Artico esaminando, con una metodologia tipicamente strutturalista, le relazioni di parentela tra i vari elementi. Nel 1971, Lévi-Strauss completa l'ultimo volume di Mythologique e nel 1973 viene eletto dall'Académie Française, uno dei più grandi onori per un intellettuale francese. Egli è anche membro dell'American Academy of Arts and Letters. Nel 1973 ha ricevuto l'Erasmus Prize, nel 2003 il Meister-Eckhart-Prize per Filosofia e ha ricevuto la laurea ad honoris dalle Università di Oxford, di Harvard e dall'Università della Columbia. Egli è anche stato onorato della Croce d'onore, e gli è stato attribuito il merito di Commandeur de l'ordre national du Mérite e di Commandeur des Arts et des Lettres. Pur essendosi ormai ritirato egli continua a pubblicare occasionalmente meditazioni sull'arte, sulla musica e sulla poesia, e se intervistato racconta le reminiscenze della sua vita. Da wikipedia Claude Lévi-Strauss – Lo Strutturalismo

Di Silvia Iannello

L’antropologo sociale e filosofo francese Claude Lévi-Strauss fu un importante esponente dello Strutturalismo. In polemica con l’impostazione storico-evolutiva dell’antropologia, ha studiato il rapporto tra Natura e Cultura analizzando alcuni fondamentali sistemi culturali, ridotti all’essenziale e astratti dal contesto storico (scrisse: «L’antropologo rispetta la storia, pur non assegnandole il valore che le spetta»). Si occupò della parentela (intesa come l’insieme di quei riconosciuti rapporti di sangue, o meglio di matrimonio, che in una cultura formano le basi dell’organizzazione sociale), del Totemismo e dei miti e riti primitivi (relazioni d’ordine religioso); tutti questi sistemi culturali erano considerati alla luce delle relazioni strutturali esistenti tra i loro elementi. Mediante processi di scomposizione e di formalizzazione delle diverse culture, riuscì ad enucleare alcuni principi strutturali di significato universale. Egli vedeva le culture come sistemi di comunicazione di carattere simbolico e formale, per interpretare i quali - influenzato dal lavoro del linguista e filologo russo Roman Jakobson - aveva costruito dei modelli basati sia sulla linguistica strutturale e sulla fonematica (scrisse: «Il linguaggio è una forma della ragione umana, con una sua logica interna della quale gli uomini non conoscono nulla»), sia sulla cibernetica. Tutte le forme di vita sociale rappresentano l’operazione di leggi che regolano le attività innate e universali del pensiero: l’attività inconscia dell’uomo consiste nel dare una forma a un contenuto, e le forme sono in fondo identiche per tutti gli uomini mentre non lo sono i contenuti. In ciò, Lévi-Strauss si poneva in polemica con la teoria dell’inconscio collettivo dello psicanalista svizzero Carl Gustav Jung (1875-1961), che accanto all’inconscio individuale sosteneva un inconscio collettivo ancestrale che si manifesterebbe chiaramente nei sogni. Per Lévi-Strauss «Lo scienziato non è l’uomo che fornisce le vere risposte ma quello che pone le vere domande» e «L’antropologo è l’astronomo delle scienze sociali, che s’incarica di scoprire il significato comune di fenomeni molto diversi». Lo Strutturalismo e i classici di antropologia strutturale di Claude Lévi-Strauss hanno influenzato certamente la scienza, la filosofia e la letteratura del 20° secolo, e senza di lui non avremmo avuto la “Nouvelle Critique”. Disincantato sull’attuale evoluzione dell’umanità, è stato considerato in Francia come l’erede di Jean-Jacques Rousseau (del quale egli stesso si dichiarò discepolo), che in modo pessimista vedeva nella società un luogo dispersivo di snaturamento, capace di creare disarmonia tra l’Uomo e la Natura. Anche per Lévi-Strauss, l’uomo è sia un essere naturale che un essere culturale che vive nella società, ma ciò che è naturale è proprio quel che è universale mentre ciò che è culturale dipende dalla norma (e l’uomo è il solo essere che s’impone delle norme). Esiste, pertanto, una sorta di contrapposizione tra Natura e Cultura e per Lévi- Strauss «Le società primitive espongono, forse meglio delle società più complesse, le risorse intime di ogni vita sociale ed alcune delle sue condizioni che possiamo tenere per essenziali».

Di Silvia Iannello

A cura di Mr.Blue

Modifica biografia

I Libri di Claude Lévi Strauss

Sociologia2014
Dentro il pensiero selvaggio. L'antropologo e i filosofi2013
Lo sguardo da lontano (La cultura)2011
TRISTI TROPICI (Maestri del '900)2011
Le origini delle buone maniere a tavola (Saggi)2010
Il totemismo oggi (Stella variabile)2010
Euromedia2010
Mirar, escuchar, leer2010
Il pensiero selvaggio (Saggi)2010
Mito e significato. Cinque conversazioni radiofoniche (Saggi)2010
Lezioni giapponesi. Tre riflessioni su antropologia e modernità (Le bighe)2010
Antropologia strutturale (Saggi)2009
Elogio dell'antropologia (Einaudi tascabili. Saggi)2008
Tristi tropici (La cultura)2008
Dal miele alle ceneri (Saggi)2008
Il crudo e il cotto (Saggi)2008
Cristi di oscure speranze (Gransassi)2008
L'uomo nudo (Saggi)2008
Il crudo e il cotto (Quality paperback)2006
Mito e significato. Cinque conversazioni radiofoniche (Quality paperback)2006
Il pensiero selvaggio (Quality paperback)2006
Saudades do Brasil. Immagini dai tristi Tropici (Saggi)2006
Le origini delle buone maniere a tavola (Quality paperback)2006
Antropologia strutturale (Quality paperback)2006
Guardare, ascoltare, leggere (Est. Quality paperbacks)2005
Tropici più tristi (I sassi)2005
Le origini delle buone maniere a tavola (Est. Quality paperbacks)2005
Il crudo e il cotto (Est. Quality paperbacks)2005
Diogene coricato. Una polemica su civiltà e barbarie (Argonauti)2004
Tristi tropici (Terre. Idee)2004
Le strutture elementari della parentela (Universale economica. Saggi)2003
Razza e storia-Razza e cultura (Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie)2002
Dal miele alle ceneri (Est. Quality paperbacks)2001
L'uomo nudo (Est. Saggi)1998
Lo sguardo da lontano (Einaudi Paperbacks e Readers)1997
La via delle maschere (Gli struzzi)1997
Storia di Lince. Il mito dei gemelli e le radici etiche del dualismo amerindiano (Einaudi Paperbacks e Readers)1997
La vasaia gelosa. Il pensiero mitico nelle due Americhe (Einaudi Paperbacks e Readers)1997
Parole date (Einaudi Paperbacks e Readers)1997
L'identità (Nuovo prisma)1996
Babbo Natale giustiziato (Il divano)1995
Il totemismo oggi (Universale economica)1991
Le strutture elementari della parentela (Campi del sapere)1984
L'identità (Prisma)1980
The Raw and the Cooked. [Paperback] by Levi-Strauss, Claude1969
Saudades do Brasil1900
Razza e storia e altri studi di antropologia (Nuovo Politecnico)1900
Antropologia strutturale: 1 (La cultura)
Guardare ascoltare leggere (La cultura. Saggi)
La vita familiare e sociale degli indiani Nambikwara. Un modello di ricerca antropologica (Einaudi Paperbacks e Readers)
Antropologia strutturale (Oscar saggi)
Antropologia strutturale: 2 (La cultura)
Tristi tropici (Oscar saggi)
Primitivi e civilizzati. Conversazioni con Georges Charbonnier (Problemi attuali)
Il crudo e il cotto (La cultura)
Guardare ascoltare leggere (Est. Saggi)
Il pensiero selvaggio
Lingua, discorso, società
Tristi tropici (Il Saggiatore economici)
Dal miele alle ceneri (Oscar saggi)
Il crudo e il cotto (Oscar saggi)
Antropologia strutturale (Est. Quality paperbacks)
Mito e significato (Il Saggiatore economici)
Il pensiero selvaggio (La cultura)
Da vicino e da lontano (Osservatorio straniero)
Il totemismo oggi (Universale economica)
Tristi tropici (Est. Saggi)
Il pensiero selvaggio (Est. Saggi)
Tristi tropici (Nuovi saggi)
Claude Lévi Strauss I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Claude Lévi Strauss?
Inserisci il link su zam.it

 

Ultimi libri pubblicati di
Claude Lévi Strauss
Sociologia
Sociologia
Dentro il pensiero selvaggio. L'antropologo e i filosofi
Dentro il pensiero selvaggio. L'antropologo e i filosofi

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Leonardo. Un ariete nato troppo presto
[04-04-2014]
La Bologna Children's Book Fair per la prima volta apre le porte al pubblico
[31-03-2014]
Gli autori inseriti oggi
[09-02-2014]
Avere cinquecento anni e non dimostrarli!
[23-07-2013]
La ballata lirica
[21-05-2013]
Quali sono i programmi Tv che parlano di libri?
[24-03-2013]
Per favore niente eroi
[18-02-2013]
Ma i farmaci antidepressivi servono davvero?
[14-11-2012]
Leggi le altre News