Recensioni libri

Ernesto Rossi

Ernesto Rossi biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Ernesto Rossi
Ernesto Rossi
Modifica bioCronologia

Ernesto Rossi nacque a Caserta nel 1897. Di ritorno dal fronte, l’ostilità per i socialisti condusse Ernesto Rossi ad accarezzare le stesse speranze e i medesimi obiettivi dei nazionalisti prima e dei fascisti poi. Fu precisamente in quel periodo, tra il 1919 e il 1922, che egli conobbe Gaetano Salvemini a cui Ernesto Rossi si legò fin da subito in un’amicizia basata sulla piena intesa intellettuale, a cominciare dal giudizio via via sempre più spietato sul nascente regime. Di qui discende l’implacabile determinazione con la quale Rossi combatté la dittatura ricevendo una condanna a venti anni di carcere. A Ventotene, dove dovette scontare la condanna, Ernesto Rossi maturò più compiutamente quelle idee federalistiche che nel 1941 ricevettero il loro suggello nel celebre Manifesto di Ventotene. All’indomani della Liberazione, in rappresentanza del Partito d’Azione, fu sottosegretario alla Ricostruzione nel Governo Parri. Dopo lo scioglimento del Partito d’Azione aderì al Partito radicale, di cui però, sentendosi come “un cane in chiesa” (sono parole sue), rifiutò ogni incarico direttivo preferendo dedicarsi al giornalismo di inchiesta sul “Mondo” di Mario Pannunzio. I rapporti con i gruppi politici ernesto_rossi_al_lavoro_totaleFu la stagione d’oro di Ernesto Rossi, durante la quale egli assecondò il genio profondo che lo agitava dentro e che lo portava a tirare per il bavero anche le barbe più venerande, denunciandone le malefatte, irridendone le asinerie, sbugiardandone le falsità. Da qui la solitudine che lo accompagnò per tutta la vita. Ernesto Rossi fu un uomo solo ma libero. Non ebbe paura della propria libertà e si avvalse di essa per lanciare i suoi strali di polemista arguto e puntuto nelle più diverse direzioni, in primis verso il cattolicesimo, di cui respingeva l’ideale di una società controllata e ubbidiente, e al quale imputava l’allentamento della fibra morale degli italiani. Inoltre si scagliò contro il comunismo, che egli aborriva per il suo programma economico e al quale rimproverava la stessa religione dei cattolici, sia pure nella versione del marxismo-leninismo. Ma neppure ai liberali e ai socialisti lesinava i suoi taglienti giudizi (sempre suffragati dai fatti e confortati dalle cifre). Dei liberali – del “liberaloni con la tuba”, come li chiamava – denunziava i sofismi con i quali essi tradivano i principi della libertà – anche di quella economica – e accreditavano come collettivi quelli che invece erano asfittici interessi di gruppo. Dei socialisti – di questi “comunisti mal riusciti”, come ebbe a battezzarli – sottolineava causticamente il comportamento ambivalente, sempre combattuto tra l’alternativa: o ci fate ministri o diventiamo rivoluzionari. Se è vero perciò che Ernesto Rossi distribuiva le sue bastonate a destra a manca, contro il coriaceo antiliberalismo dei cattolici e dei comunisti e quello più subdolo degli imprenditori e dei sindacati, si capisce bene perché fino ad ieri pochi c’erano che fossero interessati al suo lascito intellettuale. Oggi però che le cose sono cambiate e che le idealità liberali sembrano meno remote all’orientamento degli spiriti è lecito attendersi una maggiore attenzione per un pensiero che non è vecchio. Antico sì, magari; ma vecchio no. Non ancora. E che forse mai riuscirà vecchio per chi è sollecito della dignità del suo prossimo, specie se umile e indifeso. Quella stessa sollecitudine, quella medesima ansia di riscatto che fermenta nell’epistolario di Rossi e cioè nell”Elogio della galera” e in “Nove anni sono molti” la cui lettura veramente potrebbe segnare per sempre i giovani e i giovanissimi. In ogni caso, i migliori tra loro.

Ernesto Rossi I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Ernesto Rossi?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Ernesto Rossi
Il Manifesto di Ventotene
Il Manifesto di Ventotene
Studii Drammatici e Lettere Autobiografiche: Precedute da un Proemio (Classic Reprint)
Studii Drammatici e Lettere Autobiografiche: Precedute da un Proemio (Classic Reprint)
Il manifesto di Ventotene
Il manifesto di Ventotene
Elogio della galera. Lettere (1930-1943)
Elogio della galera. Lettere (1930-1943)
Critica delle costituzioni economiche
Critica delle costituzioni economiche
In difesa della governante di Calamandrei: Ernesto Rossi, mercato del lavoro e libertà (Liberismi italiani Vol. 5)
In difesa della governante di Calamandrei: Ernesto Rossi, mercato del lavoro e libertà (Liberismi italiani Vol. 5)
In difesa della governante di Calamandrei: Ernesto Rossi, Mercato Del Lavoro E Libertà: Volume 5
In difesa della governante di Calamandrei: Ernesto Rossi, Mercato Del Lavoro E Libertà: Volume 5
Il manifesto di Ventotene (rist. anast.)
Il manifesto di Ventotene (rist. anast.)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 19/07/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana