Recensioni libri

Jakob Bohme

Jakob Bohme biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Jakob Bohme
Jakob Bohme
Modifica bioCronologia

Jacob B÷hme nacque nel 1575 ad Alt Seidenberg, presso G÷rlitz nell?Ober-Lausitz (Lusazia), regione della Sassonia orientale al confine con la Slesia. Abraham von Franckenberg nella sua biografia agiografica del poeta (1651) scrive che B÷hme apparteneva ad una famiglia di contadini che, se non propriamente agiata, era capace di mantenersi adeguatamente, anche grazie al redditizio possesso di circa trentacinque ettari di terreno. Di tale famiglia B÷hme era il quarto figlio, oltretutto dalla salute abbastanza cagionevole. Ricevette una rigida educazione protestante, che complet˛ poi da autodidatta, leggendo in modo particolare i testi della tradizione mistica tedesca, sia dei mistici speculativi del XIV secolo (Eckhart, Taulero e Susone), sia quelli della filosofia naturale del XVI secolo (Franck e Van Helmont). Non seguý il mestiere del padre e quattordicenne fu avviato al mestiere di calzolaio che esercit˛ a G÷rlitz; mestiere che esercit˛ fino a quando glielo permisero le persecuzioni nei suoi confronti. Nel 1594 spos˛ Catharina Kunschmanns, figlia di un macellaio, con la quale visse in serena e costante unione fino alla morte; da lei ebbe alcuni figli che avvi˛ a professioni umili come la sua. Il quadro di umiltÓ e serena accettazione delle umane sventure da cui la sua vita Ŕ contraddistinta va tenuto sempre presente, al fine di meglio comprendere la sua figura, tra le pi¨ importanti della mistica tedesca, seconda forse solo a Meister Eckhart. Nel considerare la vita di B÷hme, forte Ŕ la tentazione di scorgervi aspetti provvidenziali, poichÚ ? se da un lato egli fu in qualche modo ?costretto? dalle sue stesse illuminazioni a manifestarle ? ci˛ d?altro canto avveniva in un luogo e in un momento di luteranesimo trionfante, con la conseguente condanna di ogni possibilitÓ di trascendenza diretta, e quindi di ogni atteggiamento mistico-ascetico. B÷hme ebbe la prima esperienza di questo genere ancor fanciullo. Fu poi rapito nella luce divina nel 1600: questa illuminazione intellettiva si sarebbe prodotta a causa di un riflesso solare di un semplice piatto di peltro. Un?altra volta, nel 1610, ed un?ultima sette anni pi¨ tardi. Queste esperienze illuminative (che coinvolgevano tutto il suo essere anche per diversi giorni) non erano da lui vissute come un?unione al Divino pura e semplice, quanto piuttosto come una rivelazione della Sua intima essenza. Da qui lo stimolo costante allo studio delle Sacre Scritture e all?approfondimento con la lettura delle proprie conoscenze in campi che gli permettessero di esprimere in termini terreni le proprie illuminazioni. Procedette in tal senso con una cautela che sempre lo contraddistinse: la sua prima e importante opera, Morgenr÷te im Aufgang (nota anche come Aurora consurgens, l?Aurora nascente) Ŕ del 1612 e sarebbe probabilmente rimasta per sempre in un cassetto se l?autore non fosse stato con insistenza sollecitato da un gentiluomo suo estimatore. Il lavoro si muoveva lungo la linea tracciata da quei pensatori non conformisti che si segnalarono per la lotta in favore di una maggiore libertÓ di pensiero all?interno della chiesa luterana, allorquando il protestantesimo da movimento di ribellione si trov˛ a dover passare alla fase istituzionale di elaborazione successiva. L?opera cominci˛ ben presto a circolare in copie manoscritte, suscitando le ire di Gregorius Richter, pastore protestante di G÷rlitz, che avendovi riscontrato pericolose deviazioni rispetto alla tradizione teologica ufficiale, accus˛ B÷hme di eresia, causandone in tal modo l?arresto. Dopo essere stato subito rilasciato, B÷hme si trov˛ costretto a giurare di non scrivere pi¨ nulla in materia di religione, giuramento che sarebbe stato da lui rispettato per soli quattro anni (ma altre fonti dicono sette). Nel periodo successivo intraprese in contemporanea attivitÓ di predicazione e iniziative di carattere commerciale. Solamente nel 1620 abbandon˛ una volta per sempre quest?ultima al fine di dedicarsi alla ricerca mistico-religiosa, ormai appoggiato economicamente dai soli adepti influenti. Nei restanti anni, la vita di B÷hme fu travolta dalle lotte tra i suoi oppositori (che per due volte lo costrinsero ad abbandonare G÷rlitz e la sua casa, obbligandolo anche per diverso tempo al silenzio) e i suoi sostenitori, che lo spingevano a continuare a scrivere; solo negli ultimi anni, per˛, egli riprese la penna in mano e produsse una rilevante quantitÓ di opere, quasi come se avvertisse la necessitÓ di sfruttare il poco tempo restante della sua vita terrena per consegnarci i frutti della sua illuminazione. Spir˛ il 17 novembre del 1624. La sua tomba divenne di volta in volta meta di pellegrinaggio, oppure oggetto di intolleranza e profanazione; i suoi manoscritti e le relative copie a stampa vennero acquistate a caro prezzo dai discepoli, soprattutto olandesi e inglesi, ed esse sono ? proprio in ragione della loro costitutiva raritÓ ? maggiormente oggetti di culto che non di autentica ricerca bibliografica. Opere Oltre alla ricordata ed imprescindibile Morgenr÷te im Aufgang, Boehme aveva composto una ventina di altri trattati, tra i quali: una Beschreibung der drei Prinzipien goettlichen Wesens (Descrizione dei tre principi dell?essere divino, 1619), una trattazione Von dreifachen Leben des Menschen (Della triplice vita dell?uomo, 1620), una Von der Menschenwerdung Jesu Christi (Dell?incarnazione di Ges¨ Cristo, 1620), una Physiologia vera (1620), una Von sechs theosophischen Punkten (Dei sei punti teosofici, 1620), i Sex puncta mystica (1620), l?importantissimo De signatura rerum, Von der Geburt und Bezeichnung aller Wesen (Dell?impronta delle cose, della nascita e definizione di ogni essere naturale, 1621). Forse il suo vero capolavoro e testamento spirituale insieme all?Aurora, il Mysterium Magnum, Erklrung uber das erste Buch Mosis (Sommo Mistero, Commento al primo libro della Genesi mosaica, 1623), il trattato teologico Von der Gnadenwahl (Della predestinazione o dell?elezione della grazia, 1623), la Schutzrede gegen Gregorius Richter (Apologia contro Gregorius Richter, 1624), la Clavis (1624) e la Betrachtung g÷ttlicher Offenbarung (Contemplazione della rivelazione divina, 1624). Il pensiero Le tesi pi¨ caratteristiche riguardano le concezioni della vita divina, al cui interno B÷hme postula un processo di automanifestazione: la volontÓ originale (Dio Padre) intuisce se stessa e dÓ luogo al sentimento di piacere che prova nel contemplarsi (il Figlio); da questa intuizione deriva un potere nuovo, il movimento vitale (lo Spirito Santo). L?idea originaria della ricerca teosofico-pansofica di B÷hme Ŕ la ferma convinzione secondo cui l?uomo Ŕ in grado di penetrare e descrivere il mistero dell?oscuritÓ di Dio, l?atto della creazione divina coincidente con la genesi dell?universo. Dio Ŕ ritenuto da B÷hme il momento centrale della creazione, assurgendo in tal modo ad un livello di autonomia ed indipendenza gnoseologica la quale, non riconoscendo intermediazioni di natura ecclesiale nel suo intimo rapporto con Dio, giunge di fatto a profilarsi come il centro emanatore della massima libertÓ possibile. Nasce qui la polemica aspra e inesorabile che contrappose il Philosophus Teutonicus con la Parola divina alterata e trasmutata dall?attivitÓ dei commentatori. Queste concezioni gli procurarono inimicizie, giÓ ricordate, con l?ortodossia e con i rappresentanti della istituzione ecclesiastica luterana, che B÷hme medesimo trov˛ modo di definire un ?ammasso di pietre?, con il quale nessun vero cristiano dovrebbe mai venire in contatto se realmente motivato a salvaguardare il suo spirito. Solamente la figura e la realtÓ divina di Cristo, nella sua duplice natura di reincarnazione e rivelazione di Dio nell?essere umano, deve configurarsi come il punto di riferimento costante del fedele cristiano. Da Dio deriva anche l? intera natura, intesa come mysterium magnum, in quanto Ŕ lo stesso essere divino che si manifesta in modo visibile. Nel suo dispiegarsi, la natura si esprime in qualitÓ contrarie: il bene e il male, l?amore e l?odio, la luce e le tenebre; solo alla fine del mondo questa contrapposizione sarÓ superata, con la vittoria del bene-Cristo sul male-Satana. B÷hme si adopera quindi nel tentativo di cogliere il mistero autentico e profondo inerente alla nascita della natura a partire dall?azione della volontÓ divina. B÷hme si sforza di comprendere perchÚ Dio, in quanto voluntas creatrice, abbia voluto esprimersi nell?unitÓ, a sua volta triadica di spirito, anima e corpo. La riflessione verte in altre parole sul perchÚ Egli abbia scelto proprio la realtÓ terrestre del corpo, che Ŕ diversamente muto e morto, quale strumento concreto di automanifestazione, per incarnarsi nelle trame delle medusee e contingenti forme del divenire. Alla domanda circa il perchÚ Dio tolleri la presenza del male nel mondo microcosmico, B÷hme risponde che l?esistenza di esso Ŕ momento necessario dal momento che nulla pu˛ esistere allo stato impuro della volontÓ giÓ divenuta creazione, senza il suo contraddittorio che lo nega. Alla inesausta ricerca della conoscenza della volontÓ originaria e primigenia, ossia di quella che ha ammesso Bene e Male come elementi opposti nella fase di creazione (nella vita naturale come nell?uomo), il vero cristiano pu˛ arrivare pertanto ad indagare l?oscuritÓ stessa di Dio, il quale non risiede fra le stelle, e nemmeno in nessun altro luogo fisso, bensý in ogni momento e in ogni aspetto della creazione. Dio Ŕ Ur-Grund, il Non-Fondamento Originario, la Non-Natura, l?eterno Nulla, Ŕ divino deserto dell?anima (e solo perci˛ Ŕ anche l?Infinito) che non pu˛ dipendere da altro. Come tale, Egli non conosce il tormento e l?inquietudine della creazione, questo essendo tipico del creato, per esempio dell?uomo in quanto costituito di anima e corpo. Dio-Urgrund Ŕ invece VolontÓ eterna che anela di completarsi facendosi creazione (Wille des Ungrundes zum Grunde), Egli Ŕ il Nulla che brama di divenire Qualcosa (das Nichts hungert nacht dem Etwas). Nel mondo Dio stesso si Ŕ ?voluto?, nella creazione ha segnato la Sua volontÓ. Il Dio-Urgrund, il Dio che Ŕ triadicamente VolontÓ-Non-Fondamento si dimostra nella Creazione fondamento (Grund quale opposto alla profonditÓ insondabile dell?Ur-Grund) origine del mondo nell?atto di creazione pura, prima fase del processo creativo stesso. Dio concede all?amore di manifestarsi in forma edenica, pura. ╔ solo nel momento in cui Lucifero, il Male, cerc˛ di approfittare della libertÓ riconosciuta da Dio alle sue creature che si scatenarono l?ira e la punizione divina; ira e punizione trattenute da Dio nell?amore ed indirizzate nella creazione della materia caduca e dissociata, impura e disponibile al peccato quale Ŕ quella che governa e presiede il mondo terrestre. Dal principio univoco del Bene e del Male si gener˛ pertanto il principio materialistico, il cosmo, la natura, l?uomo. Nello spirito di quest?ultimo si Ŕ tuttavia conservato l?innato anelito verso la celata eternitÓ della forma superiore esistente nella condizione di creazione pura, la cui stessa conoscenza passa attraverso fasi di ansia e tormento, nei quali Ŕ per˛ scritta la promessa salvifica di Cristo, unica fonte e sicura premessa della finale vittoria della gioia operata da Cristo su Satana. L?uomo stesso Ŕ costituito ad immagine della divinitÓ suprema ed Ŕ microcosmo. La sua anima si rivela composta da tre principi, il fuoco, la luce e la bestia. Allo stesso modo, nel corpo si incontrano tre elementi, quello celeste, quello siderale e quello elementare. B÷hme ha una concezione luterana della fede come giustificazione totale; egli esclude tuttavia la predestinazione, non perchÚ confidi nel valore dei meriti dell?uomo, ma perchÚ tutto, caduta e salvezza, rientra nell?ordine provvidenziale divino, che ha lasciato all? uomo la libertÓ di scelta fra il bene e il male. Interpretazioni e lasciti del pensiero B÷hmiano Diversamente valutato a seconda degli aspetti del suo pensiero di volta in volta presi in considerazione, B÷hme sfugge ad una rigida classificazione. ╚ parso ora un cattolico, per il rispetto che nutre verso la Vergine, ora un luterano, per l?esaltazione del primato della fede, ora un panteista, per l?affermata onnicomprensivitÓ dell?essere divino, ora un manicheo per il suo continuo confrontarsi con il male. La sua influenza Ŕ rilevante in seno al pietismo, ma si estende anche al romanticismo e all?idealismo tedesco, in particolare a Schelling e a Hegel.

Jakob Bohme I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Jakob Bohme?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Jakob Bohme
Le sei porte. I sei passaggi per la conoscenza di tutti i misteri del mondo
Le sei porte. I sei passaggi per la conoscenza di tutti i misteri del mondo
The Confessions of Jacob Boehme (Classic Reprint)
The Confessions of Jacob Boehme (Classic Reprint)
Mysterium Magnum: Volume One (English Edition)
Mysterium Magnum: Volume One (English Edition)
Des Trois Principes de l'Essence Divine, Ou de l'Eternel Engendrement Sans Origine. Tome 1
Des Trois Principes de l'Essence Divine, Ou de l'Eternel Engendrement Sans Origine. Tome 1
La preziosissima porta della contemplazione divina e altri scritti religiosi
La preziosissima porta della contemplazione divina e altri scritti religiosi

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedý 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 18/06/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana