Recensioni libri

Luigi Blanch

Luigi Blanch biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Luigi Blanch
Luigi Blanch
Modifica bioCronologia

Luigi Blanch nacque a Lucera nel 1784. Entrato nell'Accademia militare della Nunziatella, combatté contro i francesi. Fatto prigioniero nel 1806, venne in seguito liberato e chiamato a far parte del nuovo esercito organizzato da Giuseppe Bonaparte, che cercava di accaparrarsi così il favore delle famiglie locali più in vista. Dopo la rivoluzione del 1820 e il suo fallimento, abbandonò definitivamente la carriera militare e si diede agli studi, dimostrando una tendenza politica liberale di stampo moderato e favorevole alle riforme in modo graduale; è di quel periodo lo scritto Memoria sugli avvenimenti del regno di Napoli al 1821. Con acutezza viene descritto l'impatto delle idee giacobine dei rivoluzionari francesi sugli abitanti, soprattutto i popolani del Regno di Napoli, che, quando seppero de «la morte del re e le persecuzioni alla religione e ai suoi ministri, acquistarono una profonda antipatia, che si poteva senza esagerazione denominare odio, per le nuove massime e pei suoi partigiani». Agiva in loro un sentimento di nazionalità che «rappresentava il proprio modo di essere, le abitudini, i costumi e le credenze. Conservarle era indipendenza e libertà, perderle schiavitù. [...] Perciò l'invasione dei Francesi della rivoluzione dava al governo un appoggio che esso non avrebbe trovato forse contro i Francesi di Luigi XVI né contro gli Austriaci o gli Spagnuoli, che avessero invaso il regno e cambiato la dinastia». Blanch venne esiliato dal 1823 al 1825 per propaganda di idee sovversive; rientrato a Napoli collaborò dal 1832 alla rivista «Il progresso delle scienze, delle lettere e delle arti» in cui vennero pubblicati i nove discorsi Della scienza militare considerata nei suoi rapporti con le altre scienze e con il sistema sociale (1834), raccolti poi in un unico volume. In quest'opera egli si proponeva, attraverso una storia militare, di evidenziare quali problemi e condizioni sociali una guerra faccia emergere. Proseguì fino al 1860 la collaborazione con varie riviste napoletane, fornendo con i suoi scritti anche notevoli spunti per l'elaborazione di una storia generale della filosofia, approfondendo talvolta alcuni aspetti dell'opera di Galluppi. (Un'edizione del 1842 delle lettere filosofiche del Galluppi è preceduta da un discorso introduttivo del Blanch). Si riavvicinò alla vita politica nel 1848, quando fu eletto deputato. La sua convinzione politica di tendenza moderata favoriva il ritorno a un dispotismo illuminato o auspicava l'occupazione da parte di una nazione più civile. Non comprese quindi il processo che portò all'unità d'Italia; si dimise nel 1860 e tornò ai suoi studi. Morì a Napoli nel 1872.

Luigi Blanch I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Luigi Blanch?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 25/05/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana