Recensioni libri

Stanley Elkin

Stanley Elkin biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Stanley Elkin
Stanley Elkin
Modifica bioCronologia

Elkin è nato a New York City, figlio di immigrati russi Philip Elkin e Zelda "Tootise" Feldman, da una famiglia ebrea Newyorkese.
Nel 1933 con la depressione americana, la compagnia di Elkin trasferì Phil a Chicago, dove Elkins affittò un appartamento a sud.
Nonostante il crollo economico del paese, Phil prosperò come rappresentante nei supermercati degli stati centro occidentali.
In pochi anni Elkins costruì una casa nella foresta del parco a nord di Chicago.
Chi l'ha conosciuto lo ricorda come una persona energica, aggressiva, assertiva, e narratore nato.
Aveva un desiderio ossessivo per il successo artistico e la tendenza ad usare il linguaggio come un'arma per intimidire.
Una delle sue prime storie "A poetic for Bullies" del 1965 è costruita sulle strategie di intimidazione praticate da "push the bully"
il protagonista narrante.

Quando Stanley completò gli studi alle scuole superiori aveva già deciso di voler diventare uno scrittore. Si laureò in giornalismo all'università dell'Illinois quando un professore lo convinse che la letteratura inglese era la migliore preparazione per essere uno scrittore.
Si laureò nel 1952, con la sua prima storia, "The Dying".
Ritornò l'anno seguente in Illinois per completare gli studi col master l'anno seguente.
Nel febbraio del 1953, Elkin e Joan Marion Jacobsen di Chicago convolarono a nozze. Un'unione che durerà per 42 anni fino alla morte.
Elkin e Joan, un'artista di grande talento ed eventuale fama , decisero che un dottorato in letteratura avrebbe provveduto ad entrate stabili ma la guerra fredda lo fece entrare nell'esercito nel 1955.

La sua esperienza nell'esercito fu deludente. Come l'eroe del suo romanzo nel 1972 "The Dick Gibson Show", trovò che la via universitaria non l'aveva preparato adeguatamente per questa vita.
Un saggio successivo, "Where I read What I read" del 1982, ricorda i suoi tentativi di riconciliarsi con la sua scelta di vita, come uomo di lettere e la durezza che caratterizza l'obbligo militare.
Una volta ricevuto il congedo, Elkin tornò all'università dell'Illinois come candidato per il dottorato ed editore alla rivista "Accent".
Le sue storie venivano regolarmente respinte dalle principali riviste, ma riuscì a pubblicarne due nel 1957.
Molte delle sue storie circolavano ma portò la sua attenzione ad una tesi di dottorato sul simbolismo religioso in William Faulkner, che completò nel 1961.
L'università 25 anni dopo lo insignì del dottorato onorario. Completando la sua tesi, fece la mossa più importante della sua vita, prendendo un posto da istruttore all'Università di St. Louis.
Una volta completato il dottorato, Elkin potè gioire del primo successo artistico e letterario.
Le sue storie vennero accettate dalle riviste con una buona reputazione ed un vasto consenso dei lettori.
Nonostante il successo era infelice. L'insegnamento gli portava via molto del tempo che avrebbe voluto dedicare alla scrittura.
La sua raccolta di brevi fiction, "Criers" e "Kibitzers", incontrarono il benestare unanime della critica, e ricevettero delle proposte per portarle nell'industria cinematografica, anche se nessuna delle storie venne poi trasformata in film.
Passò molto tempo in California, Wisconsin e Massachusetts.
Il suo nuovo romanzo, basato sull'aneddoto che un amico di St. Louis gli aveva raccontato, su un avvocato, che dovette scontare un anno di prigione, ricevette molti riconoscimenti e "A bad Man" venne pubblicato nel 1967. Elkin ricevette una "Guggenheim Fellowship" per scrivere questo romanzo
ed un viaggio stravagante a Madrid organizzato da un produttore Holliwoodiano venne organizzato per trasporre il libro in film.
Nel Maggio del 1973, a Londra, la vita di Elkin ed il suo lavoro cambiarono per sempre. Quello che era cominciato come un tremore alla mano venne diagnosticato come sclerosi multipla, malattia degenerativa del sistema nervoso, incurabile.
A 42 anni Elkin dovette affrontare la prospettiva di una dissoluzione entropica delle terminazioni nervose e dell'abilità di mandare segnali al cervello con un incremento del dolore all'estremità.
Da quel momento il lavoro di Elkin prende molto più seriamente la fragilità dell'essere umano.
Nonostante rimarrà uno degli scrittori più divertenti, la sua visione del mondo, temperata dalla compassione e dalla realizzazione che il grande gioco è manovrato da qualcuno diverso da noi.
Continuò a lavorare nonostante il deperimento fisico ed il continuo bisogno di cure mediche intensive.
Durante uno degli ennesimi ricoversi, cominciò un romanzo basato sulla sua esperienza personale nel seppellire sua madre, che era morta in Florida ma che venne seppellita in New Jersey nel 1974.
Nonostante la sua malattia diventasse sempre più debilitante, Elkin fu capace di mettere le proprie energie in un altro romanzo, "Mrs. Ted Bliss" parla di una donna come protagonista che non poteva prendere decisioni se non sotto la continua supervisione del marito.
Diventata vedova scopre che gli affari del marito non andavano così bene come gli aveva sempre fatto pensare.
La storia di una donna che non aveva mai potuto agire da sola, reagisce con dignità e coraggio.
Prima che il romanzo potesse essere pubblicato Elkin morì di una serie di complicazioni unite a problemi di cuore nel maggio del 1995.

Tradotto dall'enciclopedia letteraria. litencyc.com
A cura di Beat Blue.

Stanley Elkin I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Stanley Elkin?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 20/05/2019

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana