Recensioni libri

Ugo Grozio

Ugo Grozio biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20339

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Zam è anche

Recensioni Film
Canzoni
Programacion TV
Programme Tv
Programação TV
Tv Programm

Ugo Grozio biografia

Ugo Grozio Il filosofo Ugo Grozio (forma italianizzata di Huig De Groot) nacque il 10 aprile 1583 a Delft, in Olanda, da Jan De Groot, sindaco di Delft e curatore dell'università di Leida, discendente da una famiglia nobile di lontane origini francesi.

Bambino prodigio, già all'età di otto anni G. componeva versi in latino e, a 11 anni, iniziò a frequentare l'università di Leida, dove si laureò a soli 15 anni, nel 1598. Nello stesso anno egli accompagnò l'Avvocato Generale dello Stato Jan Van Oldenbarnevelt in missione diplomatica in Francia, dove fu benevolmente accolto dal re Enrico IV (1589-1610) come il miracolo d'Olanda.

Nel 1599, rientrato in Olanda, G. iniziò a lavorare come avvocato all'Aia per la Compagnia Olandese delle Indie Orientali, voluta da Van Oldenbarnevelt, ma quest'attività non gli impedì di scrivere e pubblicare nel 1610 la storia delle origini della repubblica olandese con il titolo di De Antiquitate Reipublicae Batavicae.

Tuttavia, dall'anno successivo, 1604, G. iniziò a scrivere i trattati su temi legali, che lo resero famoso: il primo trattato fu De jure praedae (La legge della preda), di cui un capitolo, noto come Mare Liberum, disquisiva sull'infondatezza della pretesa di alcune nazioni, come il Portogallo, di considerare l'oceano come proprietà privata e quindi sulla legittimità dell'episodio, accaduto in quegli anni, della cattura di un galeone portoghese da parte del capitano olandese Heemskirk, comandante di una delle navi della Compagnia Olandese delle Indie Orientali.

Nel 1607 G. fu nominato Avvocato del Fisco Olandese, che comprendeva i ruoli di Procuratore Generale, Pubblico Ministero e Sceriffo. Questo fu seguito, nel 1608, dal suo matrimonio con Marie van Reigersberch (o Reigersberg), una 19enne proveniente da un'ottima famiglia dello Zeeland e dalla quale G. ebbe tre figli.

Infine nel 1613 egli fu nominato rappresentante della città di Rotterdam presso gli Stati Generali Olandesi, ma la sua buona stella iniziò a declinare quando decise di aderire al movimento degli arminiani, fondato da Jacob Arminius qualche anno prima. Ciò lo portò in conflitto con la fazione calvinista osservante, capeggiata dal teologo Franz Gomar e sostenuta, per motivi di potere politico, dallo stadtholder (governatore) Maurizio di Orange-Nassau (1567-1625).

Quest'ultimo aveva deciso di farla finita con il suo ex mentore, ma ora suo avversario politico, Jan Van Oldenbarnevelt e con il movimento degli arminani, dopo che essi avevano presentato, sotto la guida dei capi Simon Bischop (nome umanistico: Episcopius) (1583-1643) e Jan Uytenbogaert (1577-1644) e su consiglio di Van Oldenbarnevelt stesso, le loro idee con forte spirito polemico (per questo erano stati ribattezzati rimostranti) agli Stati Generali Olandesi nel 1610.

Nel 1618, Maurizio fece convocare il concilio di Dort (Dordrecht) (novembre 1618- maggio 1619), dove l'armianismo fu condannato senza appello, nonostante l'autorevole supporto di Van Oldenbarnevelt e di G. Il 29 agosto 1618 avvenne la resa dei conti: con un colpo di stato Maurizio fece arrestare e processare l'anziano Van Oldenbarnevelt per alto tradimento: fu decapitato il 13 maggio 1619.

Anche G. fu arrestato e condannato, assieme al rappresentante di Leida Rombout Hoogerbeets, al carcere a vita nel castello di Loevestein. Tuttavia, il 22 marzo 1621, la moglie riuscì ad organizzare la sua rocambolesca fuga dalla fortezza: approfittando che una cassa di libri non veniva mai aperta e controllata, Marie riuscì a nascondervi dentro il marito e a farlo portare fuori dal castello dai suoi stessi carcerieri!

Modifica biografia

I Libri di Ugo Grozio

Il diritto della guerra e della pace. Prolegomeni e Libro primo (Biblioteca di Lex naturalis)2010
Mare liberum (Quaderni Dip.filos.-pol.Ist.u...2007
Il potere dell'autorità sovrana in ordine alle cose sacre. Ediz. integrale (Eirenikon)2006
Il diritto della guerra e della pace (rist. anast.) (Politica e storia. Saggi e testi)2002
Conciliazione dei dissensi sulla predestinazione (Eirenikon)1997
Ugo Grozio I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Ugo Grozio?
Inserisci il link su zam.it

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Il grande naso e il grande cuore di Cyrano
[31-07-2014]
Una serata di ricette per genitori
[20-05-2014]
Leonardo. Un ariete nato troppo presto
[04-04-2014]
La Bologna Children's Book Fair per la prima volta apre le porte al pubblico
[31-03-2014]
Gli autori inseriti oggi
[09-02-2014]
Avere cinquecento anni e non dimostrarli!
[23-07-2013]
La ballata lirica
[21-05-2013]
Quali sono i programmi Tv che parlano di libri?
[24-03-2013]
Leggi le altre News