Recensioni libri

Woody Allen

Woody Allen biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20342

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Woody Allen
Woody Allen
Modifica bioCronologia

Heywood Allen Stewart Konisberg nasce a Brooklyn il 1° dicembre 1935 da una famiglia di origine ebrea. A 15 anni, stanco di sentirsi chiamare sempre "Red", si ribattezza Woody Allen e, sotto questo pseudonimo, comincia a scrivere battute umoristiche che invia regolarmente alle redazioni dei giornali di New York. Ben presto riesce a farsele pubblicare e a venderle agli agenti di Bob Hope, uno dei suoi attori preferiti. Da ragazzo è un vero disastro negli studi. Mentre i genitori sognano per lui un lavoro sicuro, nel 1956 si sposa con Harlene Rosen e si guadagna da vivere scrivendo testi per la radio-televisione americana. In seguito si trasferisce ad Hollywood dove apprende tutti i segreti necessari alla buona riuscita di uno spettacolo da Danny Simon, fratello di Neil. Ma il caldo della California non gli piace e ritorna nella sua amata New York. Dopo aver firmato molti show televisivi di successo, nei primi anni '60 esordisce come intrattenitore nei locali del Greenwich Village. Di fronte al pubblico parla di sè, della sua vita privata, del matrimonio con Harlene finito con un divorzio, dichiarandosi disponibile ad aprire un dibattito in proposito. Riscuote subito l'attenzione dei critici, che riconoscono in lui la stoffa di un grande comico. Nel 1964, dopo averlo applaudito al Blue Angel di New York, il produttore cinematografico Charles K. Feldman gli chiede di scrivere la sceneggiatura di Ciao Pussycat (Clive Donner, 1965), film che già rivela quelle che saranno le "ossessioni" più ricorrenti nel suo cinema: il sesso e la psicanalisi. Accanto a Peter O'Toole e a Peters Sellers, compare per la prima volta sullo schermo nel ruolo di un paziente complicato ed insicuro. Ma nonostante il successo del film, si indigna molto per i cambiamenti apportati indiscriminatamente al testo originario tanto da arrivare a dire :"Non farò mai un altro film se non ne avrò il controllo completo". Proposito ambizioso che riesce a mantenere nel corso di una lunga e fortunata carriera, durante la quale colleziona 18 candidature all'Oscar. Arriva a controllare addirittura le sillabe dei nomi dei suoi protagonisti: Alvie, Isaac, Boris, Lenny, Sam, Harry... Tutti rigorosamente brevi, perché si battono a macchina più velocemente. Quando dirige un film, anche i divi più acclamati di Hollywood devono rispettare le sue regole e, all'occorrenza, improvvisarsi cantanti (Tutti dicono I love you, 1996). Proprio di fronte a lui, amante della buona musica e grande clarinettista jazz che si esibisce ogni lunedì sera al Michael's Pub di New York. Senz'altro è sincero quando dice che in privato non è un tipo divertente. A metà degli anni '90, la sua vita privata finisce sui giornali per la storia d'amore (e il matrimonio) con Soon-Yi Previn, figlia adottiva di Mia Farrow, l'attrice con la quale ha avuto una lunga relazione che è culminata con il matrimonio e l'adozione di due bambine. Ma, piuttosto che indugiare sui retroscena giallo-rosa di clamorose disavventure sentimentali, il pubblico preferisce precipitarsi puntualmente alle prime dei suoi film o ricordare i quattro Oscar vinti con Diane Keaton per Io e Annie (miglior film, miglior regia, migliore sceneggiatura e miglior attrice protagonista). Negli ultimi anni ha disertato la sua amata da New York, per questioni di produzione e di costi. Ha traslocato quindi, solo per le riprese, in Europa per raccontare storie, sempre nel suo stile newyorchese, con una nuova musa, anche se questa volta la relazione è unicamente professionale: Scarlett Johansson, la bionda protagonista delle sue produzioni europee, da Match Point a Vicky Cristina Barcelona. Dopo quattro film girati in Europa, Allen torna ad ambientarne uno a New York nel 2009: Basta che funzioni, che ha inaugurato il Tribeca Film Festival, è la storia di un anziano scienziato pieno di amarezza e rancore che dopo due tentati suicidi accoglie in casa una ragazza estremamente ignorante con la quale finisce per sposarsi. E' tornato poi a girare a Londra 'You Will Meet a Tall Dark Stranger' con Naomi Watts, Antony Hopkins, Antonio Banderas e l'attrice indiana Frida Pinto.

Woody Allen I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Woody Allen?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Woody Allen
Eci filmpakket 2
Eci filmpakket 2
Woody Allen on Woody Allen: In Conversation With Stig Bjorkman
Woody Allen on Woody Allen: In Conversation With Stig Bjorkman
Effetti collaterali (I grandi tascabili)
Effetti collaterali (I grandi tascabili)
Citarsi addosso (I grandi tascabili)
Citarsi addosso (I grandi tascabili)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Corso online di organizzazione teatrale
[27-05-2020]
Ulisse
[20-05-2020]
X° edizione del concorso poetico Versi in volo
[11-05-2020]
Ti piace scrivere, vieni sul forum di Zam.
[19-04-2020]
I Nuovi mestieri ai tempi del Coronavirus
[18-04-2020]
Tre settimane ai domiciliari
[31-03-2020]
Nel tempo che ci resta a teatro a Milano
[24-02-2020]
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Leggi le altre News


Autori e film 03/06/2020

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana