Autore Topic: Il pezzo appresso  (Letto 88 volte)

presenza

  • Administrator
  • Muhuhuhu
  • *****
  • Post: 2839
  • Karma: +122/-122
  • ... le farfalle salgono a cercare ansiose il cielo
    • Mostra profilo
    • E-mail
Il pezzo appresso
« il: Maggio 23, 2017, 18:24:18 »
Stavo lì seduta ad un tavolo e bevevo solo acqua frizzante mentre la donna accanto a me raccontava di quando lavorava e si alzava alle cinque del mattino per preparare il pranzo, i figli che portava a scuola e riprendeva nel pomeriggio e mentre così diceva aggiungeva che se avesse avuto una seconda vita lo avrebbe rifatto, sì, tutto quel grande andare e tornare e preparare, e suo figlio all'altro capo del tavolo che l'ascoltava e i suoi occhi sembravano spenti, o forse ero io che li vedevo spenti. Pensavo a lui bambino che non aveva avuto il tempo di chiedere, o forse che aveva chiesto così tanto che non ricevendo risposta si era rassegnato.
Il padre in fondo al tavolo impettito col suo completo blu sembrava così distante da quella compagnia che ad un certo punto m'ero pure dimenticata che fosse presente, insomma una famiglia, di quelle come ce ne sono tante, appunto, come tutte quelle che si dicono normali, e magari uno ci crede a quella normalità lì, e poi scopre chiedendoselo per la prima volta ma che cos'è la normalità?
A quel tavolo in verità sembravamo tutti un po' sbandati, compresi i bambini che si erano trovati assemblati come i pezzi di una macchina solo perché bambini e si pensa possano stare tranquillamente tra loro anche se non hanno niente in comune.
Ad un certo punto il mio mal di testa continuando a pulsare come un martello pneumatico alla mia tempia sinistra, mi chiedeva di alzarmi da quel tavolo e andare via.
E invece sono rimasta a guardare tutti, me compresa, senza battere ciglio.
Ognuno di noi vuole raccontare la sua storia, vuole essere ascoltato, e per questo se ne porta appresso un pezzo, lo sceglie la mattina  aspettando il momento in cui può tirarlo fuori dalla borsa e raccontarlo. E quel pezzo a volte rimane in silenzio per giorni, a volte per anni e non sempre riesce a farsi avanti.
Così sono rimasta lì, forse anch’io avevo il mio pezzo di storia, forse quella donna lo voleva ascoltare.

nihil

  • Mucchine
  • Drago
  • *****
  • Post: 4991
  • Karma: +71/-71
    • Mostra profilo
Re:Il pezzo appresso
« Risposta #1 il: Maggio 26, 2017, 17:04:40 »
Bravissima, hai sintetizzato la storia di tutti. Tutti ci sentiamo invisibili, sino a che qualcuno ci mette a fuoco e ci dà la possibilità di farci conoscere.  :rose:

Cesare

  • Ippo Noob
  • *
  • Post: 15
  • Karma: +2/-0
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Il pezzo appresso
« Risposta #2 il: Maggio 27, 2017, 23:33:09 »
Lavorando con i " diversamente abili".... e invece noi abilissimi . Mi è capitato che qualcuno di loro mi ha chiesto:< Cesare ! Ma tu sei normale?> Infatti la mia risposta è stata :< ogniuno ha la sua normalità. Che cosa sia poi la normalità non lo so>.

nihil

  • Mucchine
  • Drago
  • *****
  • Post: 4991
  • Karma: +71/-71
    • Mostra profilo
Re:Il pezzo appresso
« Risposta #3 il: Maggio 30, 2017, 19:07:41 »
già, la nornalità è qualcosa che ognuno si immagina, e la applica qua e là, probabilmente sbagliando mira. :rose: