Recensioni libri

News della settimana
21 Luglio
31 Luglio
20 Maggio
04 Aprile
31 Marzo
09 Febbraio
23 Luglio

Archivio News
Luglio 2016
Luglio 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Luglio 2013
Maggio 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Novembre 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005

Giugno 2017
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             

Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Zam news

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

Avere cinquecento anni e non dimostrarli! [23-07-2013]


Mandragola, metafora di inganni, ma anche di speranza e di amore

“Un salto all'indietro nel tempo di ben cinque secoli ed eccoci nel pieno Rinascimento Italiano, epoca in cui c'era d'esser fieri del nostro tormentato paese! Eppure, benché autorevoli figure artistiche da Raffaello al Brunelleschi, da Michelangelo a Leonardo... abbiano lasciato tangibili segni nella storia dell'umanità, per quanto riguarda il teatro, non si finisce di stupirci di fronte alla straordinaria partitura, al geniale meccanismo comico, allegorico, satirico di Mandragola, commedia scritta da Nicolò Machiavelli nel 1514.

Una stupefacente metafora che scambia i vizi e la corruzione della vita pubblica dell'epoca con quelli della vita privata e dove già si possono osservare i tipici difetti degli italiani...moderni.” Il geniale meccanismo allegorico, così definito dall'attore-regista Jurij Ferrini è, a parte la meno conosciuta commedia Klizia, pressoché l'unico lavoro teatrale dell'autore di Il Principe e del quale conserva la disincantata filosofia riassunta nel famoso assioma: il fine giustifica i mezzi. Ma non solo. La trama di Mandragola, ispirata a un motivo erotico-cortese d'ascendenza medievale e di sapore boccaccesco, racconta i raggiri ai danni dei mariti sciocchi e creduloni. E' la beffa di Callimaco nei confronti del vecchio Messer Nicia, che, per accedere al letto della sua giovane, bella e onestissima moglie, Madonna Lucrezia, mette in atto una serie di inganni, di corruzioni e piccinerie.

Quelle che ritroviamo pari, pari nelle cronache dei giornali... Compresa la venalità e la cupidigia di un certo Clero, rappresentato dal corrotto Frà Timoteo. La commedia è comunque piena di emozioni e sorprese farsesche. Ed è proprio una esilarante(e pensosa) versione della stessa, fedele al testo e resa modernamente disinvolta dalla regia dell'eclettico Jurij Ferrini (pure vi recita nel ruolo di Callimaco), quella che ha inaugurato il noto Festival Teatrale di Borgio Verezzi. Edizione estate 2013(6/7-11/8), la 47.a dedicata a Mariangela Melato, vera “Signora della scena”, recentemente scomparsa. Cara al Festival che aveva avuto l'onore di ospitarla nel 1995 in occasione del ritiro del Premio Veretium '95, appunto.

Pubblico delle grandi occasioni ed applausi a scena aperta per l'affiatata compagnia del Progetto URT(Unità di Ricerca Teatrale) di Ovada, diretta da Jurij (ci tiene ad essere chiamato con il solo nome) che, sotto una sorniona nonchalance, nasconde grande sensibilità e preparazione ferrea. Non è casuale che con un attore poliedrico e dalla impareggiabile mimica come Paolo Bonacelli, perfetto e perfezionista esegeta di uno stupito, surreale Messer Nicia, si sia creata una talismanica alchimia.

Senza tradire più di tanto l'originale ”machiavellico” vengono introdotte alcune gustose invenzioni come la scelta dei costumi richiamati agli anni Cinquanta(moda atemporale?) o quando alla richiesta di ducati per piegare la morale del prete, il concusso Nicia preleva la somma da un anacronistico “Ducatomat”, mentre lo sfondo musicale è sulle note hip-hop di Soulcé&Teddy Nuvolari.

La scenografia infine ricorda la Piazza del Monte dei Paschi di Siena e gli edifici portano stampigliati le effigi e le sigle che compaiono sulle moderne banconote in Euro, naturalmente...
Efficaci e convincenti anche le interpretazioni dei tre “cattivi”, rispettivamente Matteo Alì nella parte di Siro, il servo adulatore, Michele Schiano di Cola, ovvero Ligurio, astuto e intrigante faccendiere e Angelo Maria Tronca che impersona il terribile(ma molto divertente)Frà Timoteo, prete pronto a qualsiasi inganno sotto compenso. Ecco che il trio escogita la pozione magica alla “mandragola”che renderà feconda Lucrezia e che sul palco ha le scultoree sembianze di Cecilia Zingaro. Poco o nulla importa a Messer Nicia se il medicamento, una volta ingerito, ucciderà il primo uomo che giacerà con la bella sposa(ci risiamo con il fine perseguito con ogni mezzo !?). Sfruttando il desiderio dei coniugi di avere un figlio, Callimaco si spaccia per dottore e propone a Nicia di costringere un giovane di unirsi con l'inconsapevole e, all'inizio, riluttante mogliettina. Con l'aiuto dell'impenitente religioso Timoteo e della madre Sostrata (impersonata con temperamento da Alessandra Frabetti) anche lei ignara dell'inganno, ma forse anche un po' per turpe compiacenza, Lucrezia viene convinta a giacere con il garzonaccio catturato dal trio...il quale è nientemeno che Callimaco, ancora una volta sotto mentite spoglie. Compiuta la beffa il focoso innamorato rivela la sua identità e il suo amore alla non più ingenua Lucrezia. Mentre Nicia, marito cornuto e gabbato, palesa ai due tutta la sua gratitudine: il bimbo è già in arrivo...
Alquanto controversa la figura della sposa virtuosa, manipolata, certo, ma alla fine lei stessa manipolatrice, prerogativa rivelata soprattutto nella fatidica frase 'quello che 'l mio marito ha voluto per una sera, voglio ch'egli l'abbia per sempre'. Data la capacità di adeguarsi alle circostanze, la giovane donna non avrebbe in sé qualcosa de Il Principe, cioè di Cesare Borgia? La scelta del nome Lucrezia, guarda caso sorella di Cesare, fu davvero casuale?
“Sono convinta -asserisce la bella Cecilia Zingaro- che ad ispirare Machiavelli non sia stata la famosa Borgia, bensì Barbara Raffacani Salutati, un'attrice del tempo e grande fiamma dello scrittore-filosofo. Amore sofferto in quanto Nicolò era spesso condannato all'esilio per le sue graffianti opere in materia politica...”
“A mio avviso -precisa Jurij- Madonna Lucrezia va vista come la personificazione della nostra bellissima Italia, della bellezza delle nostre donne e non solo quella esteriore. Non per niente questa edizione del Festival è dedicata a Mariangela che era una persona incantevole in tutti i sensi.”
Preciso e mirato anche il parere del grande interprete Paolo Bonacelli: “Mettere in scena oggi Mandragola, vuol dire porre più che mai l'accento su temi e problemi sociali e di costume che rimangono più che mai attuali, A parte la storia di 'corna' che suscita fulminante comicità, è meraviglioso che la lingua cinquecentesca arrivi al pubblico dei nostri tempi in tutte le sue sfumature...”
“Beh, anche se sono passati secoli, - Jurij conclude la nostra conversazione post-teatro- il perfetto ingranaggio burlesco ad un certo punto inizia a trascendere gli eventi dei sordidi protagonisti e a parlare direttamente a noi... di noi. Alla fine è l'amore il motore della vicenda, in quanto istinto vitale verso l'immortalità (dal latino a-mors, cioè non morte). Più che mai oggigiorno sono i beni materiali, i soldi e il potere a darci l'illusione di essere vivi in eterno. Tuttavia la speranza di un futuro, in questa commedia disillusa e amara, è rappresentata dalla nascita di un bimbo. La pro-creazione è la vera continuità della vita. Nicia è cornuto... ma felice, non è così?”
Marisa Gorza

Alcune opere teatrali vengono ora trasmesse anche in televisione. su Rai 5, tutti i sabato alle 21:15
Torna alla pagina delle news
 


Top 20

1. Saviano
ZeroZeroZero
2. D'Avenia
Bianca come il latte, rossa come il sangue
3.
  Il mio diario. Violetta
4. Camilleri
  La rivoluzione della luna
5. Francesco
Papa Francesco. Il nuovo papa si racconta. Conversazione con Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti
6. Gamberale
Quattro etti d'amore, grazie
7. Francesco
  Aprite la mente al vostro cuore
8. Gramellini
  Fai bei sogni
9. Lilin
Educazione siberiana
10. Francesco
Il cielo e la terra. Il pensiero di Papa Francesco sulla famiglia, la fede e la missione della Chiesa nel XXI secolo
11. Holt
  Sconsacrato. Carnivia trilogy
12. Zanforlin
  Se ci credi davvero. Come i ragazzi di «Amici» hanno realizzato i loro sogni. Con poster
13. Francesco
Umiltà. La strada verso Dio
14. Nicoletti
Una notte ho sognato che parlavi. Così ho imparato a fare il padre di mio figlio autistico
15. Recalcati
  Il complesso di Telemaco. Genitori e figli dopo il tramonto del padre
16.
  Violetta. Storia di un successo. Dietro le quinte della serie TV
17. Alexander
Milioni di farfalle
18. Mastrocola
Non so niente di te
19. Murakami
  A sud del confine, a ovest del sole
20. Delacourt
  Le cose che non ho

L'ultima recensione

Guido Mazzolini
Giuda

Il Giuda raccontato in queste pagine è un uomo disposto a perdere la propria vita in nome dei suoi ideali di giustizia. E' molto simile alla figura di Gesù. Entrambi perderanno la vita in nome di un ideale più grande. E' un Giuda così simile a ognuno di noi, sempre pronti a chiudere gli occhi di fro
 Continua ...


javfuck.net