Recensioni libri

News della settimana
21 Luglio
31 Luglio
20 Maggio
04 Aprile
31 Marzo
09 Febbraio
23 Luglio

Archivio News
Luglio 2016
Luglio 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Luglio 2013
Maggio 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Novembre 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006
Dicembre 2005
Novembre 2005
Ottobre 2005
Settembre 2005
Agosto 2005
Luglio 2005

Aprile 2017
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             

Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Zam news

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

Il grande naso e il grande cuore di Cyrano [31-07-2014]


Un uomo che combatte incessantemente per la propria indipendenza e unicità, appartiene al lontano Seicento o a questo mondo attuale, così pieno di contrasti? E' innegabile che Cyrano de Bergerac sia il protagonista di una commedia dallo spirito universale e atemporale, capace di suscitare emozioni immutate e pur sempre nuove. Difatti l'autore Edmond Rostand (1868-1910), ispirandosi ad un singolare personaggio, realmente vissuto nel XVII secolo, è riuscito a mettere insieme una tale miscela di eroismo, esagerazioni burlesque, sottigliezze galanti, fantasia, sentimento... così intensa da spiegare in pieno il successo che l'accompagna dal 1897, anno del debutto della pièce. Coinvolge ed emoziona sempre la poetica guasconata adombrata dal noto difetto fisico di Cyrano(ahi, ahi quel gran naso!) e imperniata sull'amore per la bella cugina Rossana che invece si innamora(o crede di innamorarsi) del cadetto Cristiano. Belloccio e pure coraggioso e leale, ma privo dell'acume e dello spiritaccio propri del Bergerac il quale, con grande generosità, non esita a suggerire allo sprovveduto le profonde parole e a dettargli le liriche che incantano la fanciulla, finché i due si sposano. Cristiano muore ben presto in battaglia e solo dopo molti anni la vedova Rossana scoprirà la verità di quell'inganno che l'aveva ammaliata e si accorgerà che è lui, il fedelissimo cugino e il suo nobile animo che ha sempre amato. Ma è troppo tardi: lo spadaccino avventuriero e spaccone, dal cuore tenero, è in fin di vita.
Ancora una volta la toccante storia d'amore, intrisa d'arguzia ed ironia, ha entusiasmato il pubblico. E che pubblico! Quello esigente e preparato del Festival Teatrale di Borgio Verezzi. Edizione estate 2014 (2 luglio-11 1agosto) la 48.a, dedicata a Aldo Reggiani, scomparso lo scorso anno, del quale restano vive le tante presenze sul suggestivo palco di Piazza Sant'Agostino.
Ed è stata proprio un'intensa versione del capolavoro di Rostand ad inaugurare la rassegna che anticipa alcune tra le più interessanti novità dell'autunno. Novità tra le novità è la regia a quatto mani assolta con grande affiatamento da Carlo Sciaccaluga e da Matteo Alfonso, entrambi in scena come attori, rispettivamente nella parte del Visconte di Valvert e di Ragueneau. Due giovani artisti che hanno diretto Cyrano(interpretato da un appassionato Antonio Zavatteri) in una atmosfera fuori dal tempo e dallo spazio, però fedele agli intensi sentimenti e agli intrecci del dramma.

La nostra ambizione è quella di portare in scena uno spettacolo popolare, nell'accezione più degna del termine, cercando di far apprezzare ad un maggior numero di spettatori possibile il tradizionale buon teatro”- asseriscono Carlo e Matteo, molto disponibili e quindi ne approfitto.
-Dove è evidente la modernità della commedia, nel pensiero scientifico di Cyrano o nella sua opposizione al sistema di potere o, forse, nell'universalità dell'amore?
“E' evidente proprio nel rapporto di opposizione che Cyrano ha nei confronti dei giochi di potere strisciante che assomigliano a quelli del mondo d'oggi. Non si trova nel pensiero scientifico, le cui astrazioni eventualmente vengono usate per fare un'ulteriore critica alla società perbenistica, ma corrotta. Il nostro Cyrano può ricordare Che Guevara, leader combattente, fustigatore dei costumi e poeta. Sono figure che accendono gli animi. Bergerac non combatte solo per l'amore di Rossana(sul palco ha il volto e la delicata civetteria di Silvia Biancalana), ma anche contro il sistema subdolo e per il pensiero affrancato da ogni ipocrisia”
- rispondono in pieno accordo.
-Permettetemi una domanda meno seria: come la mettiamo con il senso estetico frustrato di Cyrano? Se vivesse in tempi moderni si sottoporrebbe alla chirurgia plastica?
“Assolutamente no, soffre per la propria bruttezza, tuttavia la accetta e ne sorride”
Scrosciano infatti gli applausi quando Antonio-Cyrano parla del suo terribile naso. “Dimmi è molle e cascante, siccome la proboscide, forse, di un elefante?....Vilissimo, camuso, siate ben persuaso che dell'appendice mia mi glorio e mi delizio....” Ancor di più il pubblico si delizia con il famoso aforisma declamato da Cyrano “Ma cosa è un bacio? Un giuramento fatto un poco più da presso...una parentesi rosa tra le parole t'amo...” anche se a raccoglierne l'effetto e a baciare Rossana è il prestante Cristiano, interpretato da un convincente Vincenzo Giordano.
Interessanti anche i monologhi che parlano della luna, degli atomi, della libertà immaginativa dell'individuo che si rifanno ai testi originali del fantasioso scrittore Savinien de Cyrano, ispiratore della commedia. Mentre le quinte a gradoni apribili, disegnate da Guido Fiorato, permettono di inscenare pure la battaglia di Arras, senza occultare il fondale del sagrato della chiesa. Suggestioni esaltate dalle musiche barocche, composte appositamente da Andrea Nicolini. La vicenda è dipanata sui versi martelliani della traduzione di Mario Giobbe, con il risultato di una performance entusiasmante e corale dell'affiatata Compagnia Gank. Nondimeno il gruppo ha potuto contare, pure su attori, perfetti nei diversi ruoli, quali Alberto Giusta(Lignière), Roberto Serpi(Le Bret), Filippo Dini (il subdolo Conte de Guiche), Sarah Pesca (la governante), Davide Gagliardini(un ladro, un cuoco, un cadetto, un sacerdote). Prova inappuntabile dell'intera compagnia genovese a cominciare da Antonio Zavatteri che ha espresso un Cyrano in tutta la sua anarchica vena poetica.

Marisa Gorza

Torna alla pagina delle news
 


Top 20

1. Saviano
ZeroZeroZero
2. D'Avenia
Bianca come il latte, rossa come il sangue
3.
  Il mio diario. Violetta
4. Camilleri
  La rivoluzione della luna
5. Francesco
Papa Francesco. Il nuovo papa si racconta. Conversazione con Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti
6. Gamberale
Quattro etti d'amore, grazie
7. Francesco
  Aprite la mente al vostro cuore
8. Gramellini
  Fai bei sogni
9. Lilin
Educazione siberiana
10. Francesco
Il cielo e la terra. Il pensiero di Papa Francesco sulla famiglia, la fede e la missione della Chiesa nel XXI secolo
11. Holt
  Sconsacrato. Carnivia trilogy
12. Zanforlin
  Se ci credi davvero. Come i ragazzi di «Amici» hanno realizzato i loro sogni. Con poster
13. Francesco
Umiltà. La strada verso Dio
14. Nicoletti
Una notte ho sognato che parlavi. Così ho imparato a fare il padre di mio figlio autistico
15. Recalcati
  Il complesso di Telemaco. Genitori e figli dopo il tramonto del padre
16.
  Violetta. Storia di un successo. Dietro le quinte della serie TV
17. Alexander
Milioni di farfalle
18. Mastrocola
Non so niente di te
19. Murakami
  A sud del confine, a ovest del sole
20. Delacourt
  Le cose che non ho

L'ultima recensione

Guido Mazzolini
Giuda

Il Giuda raccontato in queste pagine è un uomo disposto a perdere la propria vita in nome dei suoi ideali di giustizia. E' molto simile alla figura di Gesù. Entrambi perderanno la vita in nome di un ideale più grande. E' un Giuda così simile a ognuno di noi, sempre pronti a chiudere gli occhi di fro
 Continua ...


javfuck.net