Recensioni libri

Loriano Macchiavelli

Loriano Macchiavelli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Loriano Macchiavelli

Loriano Macchiavelli

Sarti Antonio e l'assassino

Loriano Macchiavelli Sarti Antonio e l'assassino
Loriano Macchiavelli Sarti Antonio e l'assassino

Due complici per un bell’intreccio
Di Luigi Calcerano
Loriano Macchiavelli,autore teatrale, attore, regista, grandissimo scrittore che unisce alla leggibilità la continua ricerca sperimentale di narratore, è il creatore della più simpatica coppia di investigatori del giallo italiano, il sergente di polizia Sarti Antonio, amante del caffè, tormentato dalla colite, testardo e non particolarmente intelligente e il geniale Rosas, uno studente contestatore, politicamente molto attivo. «Sarti - annota Loris Rambelli, lo storico del poliziesco italiano - si chiede come mai Rosas riesca a capire tante cose che lui, pur avendo memoria pronta non riesce a vedere e Rosas gli risponde: "Perché tu non leggi i giornali"».Il teatro delle avventure di Sarti è Bologna, una città amata e indagata, descritta dall’autore come imprevedibile, complessa e misteriosa.
Il giallo, in Italia, è stato ed è caratterizzato, almeno da Scerbanenco in poi da una forte localizzazione, è un giallo “domiciliato”, la città in cui si svolge ricopre un ruolo importantissimo.
Una città è come un organismo particolarmente complesso dalle infinite sfaccettature. Trascegliere aspetti particolari, fermare l’attenzione su una dimensione piuttosto che su un’altra, su una componente speciale, mentre tante se ne sorvolano, vuol dire disegnare una città costruirla - inventarsela come gli scrittori della F.S. fanno coi pianeti e le diverse società che li colonizzano. Nei nostri gialli la città non serve solo per fondale spazio-temporale , non è solo un topos necessario, accanto ai personaggi della vittima, del colpevole e dell’investigatore. Nel giallo italiano, la città è uno dei personaggi. Ed è uno dei personaggi che più svelano, smascherano l’autore. Madame Bovary sono io diceva Flaubert…La Bologna di Macchiavelli, insomma rappresenta lo scrittore più di Sarti Antonio e Rosas.
Grande personaggio Sarti Antonio, molti lo ricorderanno in diverse serie televisive impersonato da Gianni Cavina, che ci era entrato tentro con scarpe e calzini. Tutti sanno, o dovrebbero sapere, che condivide con Sherlock Holmes la ventura di esser stato barbaramente soppresso dal suo autore e di esser stato resuscitato, per così dire, a furor di popolo per le richieste di lettori ed editori, quasi avesse una sua vita tanto concreta ed autonoma da potersi imporre agli stessi convincimenti del suo autore.
Morto in Stop per Sarti Antonio (Cappelli, 1987), il questurino torna,senza nemmeno le convincenti spiegazioni di Conan Doyle, (ma Loriano è così, si diverte a non essere schiavo del realismo) sette anni dopo, in Sarti Antonio, un poliziotto, una città (Mondadori, 1994).Poi era quasi sembrato che gli interessi di Macchiavelli seguissero altre strade, fino a che nei Sotterranei di Bologna (Mondadori 2002) tutti noi appassionati della saga abbiamo potuto goderci una specie di dumasiano “Vent’anni dopo” ricco e dolce come un cannolo siciliano, con la Biondina, la bella di notte che ogni tanto fa compagnia al nostro antieroe, che si attrezza per l’Aids e Rosas che all’università ci torna, dopo tanto studiare, come ricercatore o associato.
Chi ha già letto anche un solo libro della saga non può perdere questo, chi per sua disgrazia non conoscesse né questi personaggi né la Bologna di Macchiavelli, ha l’occasione di entrare in un universo di piacere della lettura, come passasse per una porta spazio-temporale che gli permetterà di accedere a dei veri tesori del giallo, magari recuperandoli, via via sulle bancarelle dei libri usati.
Macchiavelli, l’ho già accennato, è autore curioso ed originale, che ama mettersi in discussione, cercare sempre nuove strade, non riposare sugli alori.Ci ha così regalato ben quattro libri scritti in coppia con Francesco Guccini,(che in questo libro fa una comparsata godibilissima) libri saporosi e densi, spessi di esperienze e di sapienza umana oltre che di bravura narrativa.
Il lavoro a quattro mani è particolarmente diffuso tra i giallisti. Dietro Ellery Queen ci sono Frederic Dannay e Manfred B. Lee (solo pochi appassionati sanno che si tratta di altri pseudonimi, dietro i quali si possono finalmente trovare, forse, dei soggetti reali come Daniel Nathan e Manford Lepofsky). Per non parlare di Robert Wade e di Bill Miller, che oltre come Wade Miller, hanno pubblicato come Jonathan Stagge.
Il Italia basti pensare a Fruttero e Lucentini, a Felisatti e Pittorru, Carmen Iarrera e Federico Zeri, per non fare esempi più personali.
Sarti Antonio e l’assassino Loriano l’ha scritto con Sandro Toni, autore di libri umoristici e gialli, giornalista, traduttore e sceneggiatore; col partner il Nostro ha generosamente messo a disposizione il suo patrimonio letterario ed ha incrociato con scioltezza due narrazioni in una, un delitto visto da due punti di vista.
Grazie alla maestria dei due compari succede come per le vedute del paesaggio della valle che si ammirano da due diverse montagne: sono diverse eppure coincidono.
Che altro posso dire senza rovinare la lettura? Leggetelo!Vi garantisco il divertimento e l’intrigo personale.
Fidatevi, anche se, lo confesso, posso passare per un recensore parziale perché Macchiavelli ha sempre incoraggiato la mia scrittura e almeno una volta all’anno ci incontriamo nella Casa dell’Impiccato, sull’appennino tosco–emiliano, dove si rifugia per scrivere in pace, a parlare dei nostri progetti letterari ed a mangiar le tigelle di Franca.
Leggetelo, non foss’altro che per godervi l’originalità sciolta della voce dell’autore che ogni tanto fa capolino nella scrittura e commenta, interloquisce, borbotta.E’ una voce tutt’altro che onnisciente, simile quasi a un avatar informatico, che insieme rappresenta oltre che l’autore, anche il lettore e lo inserisce in medias res, in un rapporto provocatorio e sperimentale che per molti ha un effetto accattivante, familiare, friendly, per altri concreta invece, assieme ad altri lineamenti non veristi, una specie di straniamento alla Brecht. Perché, lo sapete anche voi, nella pubblica sicurezza non c’è mai stato il grado di sergente!

Di luigi

Loriano Macchiavelli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Loriano Macchiavelli
Tempo da elfi. Romanzo di boschi, lupi e altri misteri
Tempo da elfi. Romanzo di boschi, lupi e altri misteri
Sarti Antonio. Fra gente perbene. Racconti: 1
Sarti Antonio. Fra gente perbene. Racconti: 1
Uno sterminio di stelle: Sarti Antonio e il mondo disotto
Uno sterminio di stelle: Sarti Antonio e il mondo disotto
Appennino di sangue. Tra casi per il Maresciallo Santovito
Appennino di sangue. Tra casi per il Maresciallo Santovito
Passato, presente e chissà
Passato, presente e chissà
Trilogia di Sarti Antonio: Le piste dell'attentato-Fiori alla memoria-Ombre sotto i portici
Trilogia di Sarti Antonio: Le piste dell'attentato-Fiori alla memoria-Ombre sotto i portici
Tempo da elfi. Romanzo di boschi, lupi e altri misteri
Tempo da elfi. Romanzo di boschi, lupi e altri misteri
Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto
Uno sterminio di stelle. Sarti Antonio e il mondo disotto

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News