Recensioni libri

Josip Osti

Josip Osti biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Josip Osti

Josip Osti

L'albero che cammina - Prefazione all'antologia

Scrive Sinan Gudzevic nella prefazione:

«Questa scelta offre alcune tra le poesie più mature e più belle di Osti, nelle quali la narratività del poeta ha raggiunto un'espressione suprema e la sua liricità ha ispirato composizioni amorose sublimi. In questa antologia si può vedere meglio l'avventura (lui stesso la indica come «dramma») del passaggio del poeta dalla lingua delle sue poesie allo sloveno, noto come «lingua del duale», rarissima caratteristica delle lingue d'oggi, del quale sono molto orgogliosi molti poeti sloveni, per la sua metalinguistica capacità di servire alla poesia amorosa. Tale avventura è il segno della fede di Osti nella poesia e della sua dedizione ad essa, quella fede che pur cambiando la lingua non tradisce mai né l'arte poetica né il mestiere del poeta. Questo fatto è fondamentale per Osti: mentre diversi scrittori provenienti della ex-Jugoslavia si sono avidamente buttati a tematizzare orrori della guerra, pulizie etniche, stupri e campi di concentramento, perché il mercato dell'Europa occidentale lo richiedeva e persino si potrebbe dire, lo esigeva, Osti, anche se ferito dagli orrori della guerra nella sua intimità più profonda, è rimasto poeta anche in guerra. Sottolineo il fatto che sua madre è stata per tutto il tempo della guerra a Sarajevo, l'appartamento del poeta è stato occupato, i suoi libri preziosi e gli oggetti a lui più cari distrutti, alcuni tra i colleghi si sono schierati con gli assedianti della città. Osti, nonostante tutto, non ha tradito la poesia per diventare uno che danza sulla tomba della Jugoslavia o uno di quelli che «cambiato cappello cambiano cervello», un'attivività che hanno esercitato non pochi scrittori e intellettuali jugoslavi. Osti è rimasto poeta anche nella guera, e soprattutto poeta d'amore. Lo dimostra anche questo libro che contine alcune tra le sue più belle poesie d'amore e anche tra le più belle poesie d'amore del fin de siècle della poesia slavomeridionale. Qui mi sembra doveroso citare la sua poesia Alcuni poeti scrivono come vivono, che lo dimostra, a mio avvviso, meglio di qualsiasi critica:

Alcuni poeti scrivono come vivono, e altri
vivono come scrivono. Sono uno di quelli che scrivono come
vivono e vivono come scrivono. Ogni mia
poesia è una carta di protezione. Con essa caccio via
gli spiriti maligni intorno a me e scaccio il diavolo al di fuori di me.»

Josip Osti I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News