Recensioni libri

Ugo Riccarelli

Ugo Riccarelli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20346

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Ugo Riccarelli

Ugo Riccarelli

Un uomo che forse si chiamava Schultz

Il secondo romanzo di Riccarelli pubblicato nel 1998 a distanza di tre anni dal suo esordio con “Le scarpe appese al cuore” certo non lascia indifferenti. Nel bene e nel male. E’ in apparenza tenero, trascinante, si legge d’un fiato. Ma dietro questa prima immagine in apparenza solida ecco celarsi un’insolita percezione di incompiutezza e disagio che traspare essenzialmente dal linguaggio narrativo. Un linguaggio a volte scarno, a volte saturo di significati troppo reconditi. La storia, ambientata nella cittadina di Drohobycz, in Polonia (oggi Ucraina), non decolla mai completamente. Dà l'impressione di staccarsi da terra da un momento all’altro, ma è un’ illusione. La storia rimane ben radicata a terra. La bottega dove una famiglia ebraica vende stoffe fa da sfondo alla vita dell’ultimo figlio, Bruno Schulz che, per evadere da un mondo che non sa come prendere, dipinge e scrive. Soprattutto sogna. I suoi sogni diventano il punto di riferimento di un’esistenza incerta e timorosa, in contrasto con il mondo esterno, quello in cui accadono le cose. E proprio il rapporto tra Bruno e il mondo esterno lascia il lettore senza parole, a volte senza respiro, senza alcun tipo di reazione, impotente, disarmato. Più interessanti e riuscite appaiono le vicende di una famiglia singolare, ricca di personaggi stravaganti: la forza psicologica e religiosa del padre mercante, il mutismo rassegnato della sorella Hania, la serva Danuta, paziente custode della casa, che riuscirà, lei sola, ad evadere da quell’ambiente angusto. E tanto per mettere altra carne al fuoco ecco i grandi eventi della storia, la Prima guerra mondiale, il crollo dell’Impero, l’arrivo dei nazisti. Tutti avvenimenti che si perdono nella indifferenza generale del personaggio Bruno che, bambino diventato uomo, continua ad essere posseduto dai suoi sogni e a vivere in una realtà immaginaria, lontana quindi dagli strazianti avvenimenti che sconvolgono un intero continente. Eppure il sogno non riuscirà a salvarlo e sarà la pallottola di un nazista a spegnere ogni illusione di libertà. Troppi gli argomenti che l’autore ha voluto toccare insieme perché riuscisse a portarli tutti a compimento. La storia di Bruno avrebbe forse brillato di una luce propria e più brillante senza scomodare grandi avvenimenti storici. Un’occasione persa, una capacità narrativa ineccepibile, certo, ma non sfruttata a pieno. Traspare dietro ad un’ apparente semplicità dell’intreccio una superbia intellettuale inutile e controproducente che poco o nulla può insegnarci.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Ugo Riccarelli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Ugo Riccarelli
Lettera d'amore e d'addio
Lettera d'amore e d'addio

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News