Recensioni libri

Cristina Guarducci

Cristina Guarducci biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Cristina Guarducci

Cristina Guarducci

Mitologia di famiglia

Un padre sadico pienamente realizzato nel suo mestiere di chirurgo, una madre falsamente sottomessa che infetta la prole con l'infamia dell'incesto. Tre fratelli e tre sorelle dall'apparenza magnifica in cui si mescolano mostruosità mitologiche e difetti banalmente umani: una bellissima Lupa mannara, un primogenito che si crede un gabbiano, un Ipocondriaco rinchiuso in camera ad addestrare gli insetti, un ombroso Condottiero che fonderà una setta. E infine, incorniciato dalla natura selvaggia della Maremma, il doloroso amore di una delle figlie con un mezzo uomo troppo vicino alla razza delle scimmie. Sullo sfondo di una provincia toscana semireale, emergono a uno a uno i personaggi di una saga familiare feroce e fantastica, movimentata di avventure, straziata da tradimenti, soprusi e menzogne. La fiorentina Cristina Guarducci, al suo esordio, si sbarazza dei buoni sentimenti che drappeggiano le relazioni di parentela e descrive con ironia dissacratrice l'autodistruzione della famiglia condannata dalle sue stesse perversità. Mitologia di famiglia è un romanzo divertente e spietato. Se fosse un film, dietro la macchina da presa avremmo sicuramente Tim Burton. Se fosse una canzone sarebbe Lullaby dei Cure. Perché è onirico, visionario e gotico. Ma, attenzione, non è dark. Non ha quell’attitudine un po’ snob ed eterea priva di senso dello humour. Non è sozzo di polvere o inzuppato di assenzio. E’ incredibilmente assurdo e divertente come certe favole di Gianni Rodari. Ed è crudele. Ci sono bambini legati a culle invase dagli insetti. Ci sono aborti e incesti. C’è la magia nera. Streghe e licantropi. Cadaveri che abbandonano il proprio giaciglio in cerca di corpi giovani e sani da abitare. Cristina Guarducci ha creato con le parole una geografia ben precisa degna di certi fantasiosi universi cinematografici. La Villa
Paludosa, per esempio, infestata da creature malefiche. Le Isole Difronte coi suoi abitanti selvaggi (verranno sterminati tutti da un raffreddore). Le Spiagge Piatte. Lo Stanzino delle Scope. La temutissima Camera del Pescecane. Tutti con la maiuscola. Tutti luoghi dell’infanzia della protagonista e della sua numerosa famiglia divenuti mitologia e di come con l’ironia si può sconfiggere l’orrore.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Cristina Guarducci I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News