Recensioni libri

Susanna Sarti

Susanna Sarti biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Susanna Sarti

Susanna Sarti

Maledetto

Mi sono imbattuto in questo romanzo per puro caso, anzi per fortuna. Ero interessato a “Eros maledetto” della Levante, e per saperne di più m'ero messo a cercarlo su IBS. Per pigrizia, per abbreviar le cose, per quelle oscure circostanze che ogni tanto ci prendono la mano nella finestrella di ricerca anziché “Eros maledetto” ho digitato “Maledetto” così che m’è venuto fuori l’intero florilegio dei libri che nel titolo portano il sopradetto aggettivo. Del libro che cercavo ho trovato poco o niente, se non che, guardando appena sotto ho scorto questo titolo che mi colpì per la lancinante perentorietà. Vi entro e subito noto il buon numero di recensioni, rilevante per una scrittrice alla sua prima opera, ma sopra tutto mi strabilia la elevatissima media dei voti che i diversi lettori (vox populi, vox Dei) hanno assegnato al romanzo. Leggo uno per uno, con attenzione, i diversi giudizi, mi persuadono, il libro non costa neanche molto, decido di comprarlo. “Maledetto” è il più bel romanzo che da due anni in qua mi sia capitato di leggere, e vi assicuro che di libri io ne leggo parecchi. Ma è giusto che le ragioni di tutto quest'entusiasmo io le spieghi. Umberto Eco nella prefazione a una nuova edizione del Conte di Montecristo ha scritto che (cito testualmente) “Non conta se un romanzo è scritto male o bene, conta se è una macchina per produrre agonia (nel lettore)”. Fermo che l’agonia cui si riferisce l'insigne professore non è lo stato di pre-morte quanto la lotta (appunto da agòne) di diversi o contrapposti sentimenti, vengo a dirvi che questo romanzo della signora Sarti non soltanto ha suscitato in me le vivissime emozioni tanto attese e proclamate dal professore Eco, ma che è scritto in un italiano limpido e perfetto, che i caratteri dei personaggi appaiono sempre veridici, credibili e ben disegnati e che (spazio tiranno!) la narrazione ha la concinnità dei ultimi quartetti beethoveniani: lucida follia inquadrata in un impeccabile formalismo classico.

8 febbraio 2006
Di Razumichin

Di razumichin

Susanna Sarti I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News