Recensioni libri

Natalia Ginzburg

Natalia Ginzburg biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Natalia Ginzburg

Natalia Ginzburg

E' stato così

Romanzo scritto tra l’ottobre 1946 e il gennaio 1947 e pubblicato nello stesso ’47 da Einaudi. Narra la storia di una moglie che uccide il marito dopo una drammatica e umiliante vita in comune. La narrazione, che si apre e si chiude con lo sparo che uccide Alberto, si snoda su lunghissimi flash-back che, ricostruendo minuziosamente la vita della giovane protagonista prima e dopo il matrimonio, spiegano i motivi che l’hanno condotta al tragico gesto. L’incontro con Alberto ha cambiato radicalmente l’esistenza di un’insegnante di provincia, che vive in una modesta pensione e a cui nessuno prima si era mai interessato. Ella accetta il matrimonio, pur sapendo che l’uomo è da molti anni innamorato di Giovanna (a sua volta sposata e madre di un bambino) con cui intrattiene una relazione tormentata e dolorosa. Il fallimento familiare appare subito evidente ai due sposi, molto diversi tra loro e assolutamente incapaci di comunicare. Nemmeno la nascita di una figlia riesce a migliorare la situazione e a fermare le ripetute e prolungate “fughe” di Alberto e Giovanna. Ruotano intorno ai due protagonisti-chiave anche personaggi secondari ma non meno importanti dal punto di vista emozionale, quali Francesca, cugina della protagonista, di facili costumi e nauseata dagli uomini e Augusto, amico di Alberto, isolato e malinconico (anch’esso una volta innamorato di Giovanna). La situazione precipita tragicamente quando la piccola muore per una meningite: la giovane donna, disperata per la perdita della sua unica ragione di vita e di gioia, tenta un’ultima riconciliazione con il marito. Quando la loro vita insieme sembra, per la prima volta, ottenere risultati positivi, Alberto torna a pensare a Giovanna; all’annuncio di un ennesimo viaggio, lei prende la rivoltella che il marito tiene nel cassetto e gli spara “negli occhi”. Nel suo tono tragico, che l’autrice riproporrà solo in alcune situazioni della sua posteriore produzione teatrale, il romanzo risulta ben diverso da quello d’esordio, “La strada che va in città”, che si snodava in allegro, pur poggiando sul medesimo tema: l’impatto della Ragazza col mondo, il bisogno, l’imperativo di uscire dall’infanzia come ci si libera da un torpore e ci si disintossica da un veleno. Il linguaggio della Ginzburg risulta semplice e immediato, ridotto all’osso, ma nello stesso tempo indagatore e trivellatore dell’anima.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Natalia Ginzburg I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Natalia Ginzburg
La città e la casa
La città e la casa
La strada che va in città
La strada che va in città
Famiglia
Famiglia
È stato così
È stato così

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News