Recensioni libri

Josč Saramago

Josč Saramago biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Josč Saramago

Josč Saramago

Oggetto quasi

E’ un’antologia di racconti del 1978 tradotti in italiano da Einaudi solo nel 1997. Proprio la distanza tra tempo della fruizione e tempo della composizione di "Oggetto quasi" ci dą la misura della grandezza dello scrittore, al di lą degli entusiasmi enormi (e meritati) per romanzi di successo internazionale come "Memoriale del convento" o "Cecitą”. Quando, a distanza di vent'anni - e che anni per il Portogallo! -, la prosa mantiene inalterata la sua carica espressiva e formale, nella traduzione italiana grazie all'ottimo lavoro di Rita Desti, allora si puņ ben dire che un'opera assurge al livello di prosa d'arte.
La raccolta si apre con "Sedia", il racconto forse pił significativo, ma che per essere compreso in tutto il suo valore va inserito storicamente nel contesto sociale portoghese del salazarismo. Per il popolo di Portogallo Salazar č sinonimo di dittatore, ma anche di "sovina" e cioč tirchio. Ed č per un'arpagonata che muore: a causa dei postumi della caduta da una consunta sedia che cede di schianto, in una di quelle fortezze sul Tago fatte costruire dal conte di Lippe per proteggere il paese da un possibile attacco dal mare. Questa la realtą. La finzione letteraria trasforma la sdraio di legno e tela in una poderosa sedia di ebano tarlata, simbolo di un regime ormai marcio, ma inconsapevole del crollo prossimo venturo. Del resto poche volte la storia ha voluto essere cosģ fedele a se stessa e al suo lessico costruendo la caduta di un regime sulla caduta fisica - e da una sedia - del suo dittatore.
Saramago coglie la straordinaria possibilitą offerta dalla realtą per interpretare la caducitą delle cose. La sedia e il corpo che avrebbe dovuto sorreggere si spezzano e cadono gił, al rallentatore, in una descrizione cinematografica. Con essi vanno simbolicamente in frantumi le catene di un popolo che si appresta a risorgere dall'annullamento salazarista. Sedia e uomo si uniscono e annullano a vicenda: oggetti quasi.
Come l'uomo imprigionato nella sua automobile nel racconto "Embargo", che ci riporta alla memoria gli anni dell'emergenza petrolifera e del sacro terrore di vedere il nostro universo meccanico improvvisamente spento, collassato. E al destino delle macchine č legato l'uomo, incapace di guidare o anche solo di liberarsi del suo guscio metallico semovente: oggetti quasi.
Come gli uomini-oumi-robot, replicanti alla "Blade Runner", che popolano il racconto "Cose", sostituendosi agli uomini anima-e-corpo, costretti all'esilio. Tutti racconti in cui la distanza tra oggetto inanimato e animato si annulla in una compenetrazione schiacciante, priva di vita: uomini-oggetti appiattiti in una realtą matrigna. Proprio questa visione apocalittica del nostro futuro prossimo - anche se data questi racconti e risente di certa fantascienza un po' anacronistica alla Ray Bradbury - č tuttavia la prova della capacitą di Saramago di guardare oltre la spalla di chi lo precede e intravedere nel futuro la difficoltą di gestire umanamente la realtą, meccanica vent'anni fa, cibernetica oggi.
Poi, con una sorprendente giravolta, il tuffo nel mito classico di "Centauro", rivisitato nell'attualitą, oggetto-quasi reale, ancora una volta uomo-inumano, che trova la sua umana pienezza dei sentimenti e delle passioni racchiuso in un corpo che lo bandisce dal mondo civile. E infine la "Rivincita", dove il protagonista č il ragazzo che prende coraggio e attraversa il fiume verso l'ignota sponda dell'amore, in direzione della donna che lo fissa dall'altra parte dell'acqua, allontanandosi dall'universo della ferocia animale in cui vive con i suoi simili. Oggetti quasi.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)


Di gianpaolo.mazza

Josč Saramago I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Josč Saramago
Storia dell'assedio di Lisbona
Storia dell'assedio di Lisbona
L'uomo duplicato
L'uomo duplicato
Il quaderno. Testi scritti per il suo blog. Settembre 2008-Marzo 2009
Il quaderno. Testi scritti per il suo blog. Settembre 2008-Marzo 2009
Il lucertolone
Il lucertolone
Il lucertolone
Il lucertolone
LA FELICITA' E' EGOISTA: Aforismi mai scritti con un racconto di Maria Jatosti (Millelire)
LA FELICITA' E' EGOISTA: Aforismi mai scritti con un racconto di Maria Jatosti (Millelire)
Memoriale del convento
Memoriale del convento
Storia dell'assedio di Lisbona
Storia dell'assedio di Lisbona
Del resto e di me stesso
Del resto e di me stesso
La zattera di pietra
La zattera di pietra
L'uomo duplicato
L'uomo duplicato
Le poesie. Testo portoghese a fronte
Le poesie. Testo portoghese a fronte
Quaderni di Lanzarote
Quaderni di Lanzarote

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedģ 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News