Recensioni libri

Carlo Fruttero

Carlo Fruttero biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20346

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Carlo Fruttero

Carlo Fruttero

Donne informate sui fatti

Otto donne, e ciascuna ha visto o sentito uno spicchio dei “fatti” in questione, ciascuna porta al lettore ciò che sa, o crede di sapere, o non sa di sapere, o finge di non sapere. Otto voci, incalzanti, divaganti, intenerite, rabbiose, pietose, che si susseguono, si intrecciano, si smentiscono lungo quella freccia che il narratore ha scagliato a partire dal cadavere di una misteriosa ragazza, “Milena la bellissima, Milena la santa santissima” (dice qualcuno acidamente di lei). Misteriosa sul momento, perché dalla banca dati dell'Arma arriva in poche ore quanto serve all'inchiesta. Resta sospeso il perché: un truce delitto di malavita, forse. Una resa dei conti, una lezione. O forse un ingorgo più torbido, uno sbocco tortuosamente, crudelmente vendicativo a più alto e insospettabile livello.
Dopo un lustro di silenzio, Carlo Fruttero torna alla scrittura con un romanzo, un “giallo” di classe, originale e arguto che mostra diversi punti di contatto con il best-seller di trentaquattro anni fa “La donna della domenica”: l’ambientazione torinese (anche se i personaggi si muovono su vari sfondi, dalla zona residenziale della Crocetta all'Abbazia di Santa Maria di Vezzolano, dalle risaie del Vercellese ai castelli del Monferrato), un misterioso delitto (viene ritrovato il corpo di Milena, prostituta romena), la struttura corale che qui diventa polifonica. La narrazione degli eventi è, infatti, affidata a otto donne, assai differenti tra loro dove Fruttero ben delinea il carattere e la psicologia di ognuna delle donne che si avvicendano nella narrazione: la bidella, la barista, la carabiniera, la figlia, la migliore amica, la giornalista, la volontaria e la vecchia contessa che si producono ciascuna in una sorta di racconto-soliloquio che, ancor più dei fatti, illumina le singole psicologie. Da evidenziare la versione della vecchia contessa che pensa che nel giardino del castello si stia girando un spot pubblicitario invece di un matrimonio (vero). Osserva, l’anziana signora, che la recitazione di alcuni “attori” è scarsa e che quanto sta accadendo è tutta una finta. Nell’ambito della narrazione la contessa ha torto ma, senza saperlo, è l'unica che dice la sacrosanta verità. Nella vita vera tutti noi non recitiamo un ruolo che non ci appartiene e forse non fingiamo di essere quello che in realtà non siamo? Magistrale nel rendere il concertato di cadenze e inflessioni piemontesi (i personaggi d'origine popolare hanno l’accento delle periferie, laddove le borghesi si esprimono in una lingua inamidata figlia forse di affrettate letture), Fruttero si muove da par suo anche nel tirare i fili della vicenda: godibile, a tratti divertente, il romanzo ha tuttavia una nota dolente di fondo, che si evidenzia appieno nello scioglimento dell'enigma. A dominare, pure nel mutar dei tempi, dei rapporti fra le classi, del concetto d'etica, è ancora e sempre la valenza distruttrice della passione, della vendetta, della gelosia. Motivazioni antiche per scenari nuovi e cangianti, dove eguali rimangono il cuore e la mente delle persone. Un romanzo carino, insomma, con uno stile molto garbato e, a tratti, ironico. Interessante l'impianto narrativo che si arricchisce ancora di più grazie allo stile linguistico che alterna tensione e leggerezza senza mai perdere di vista l'aspetto legato all'attualità dei fatti e nello specifico alle problematiche legate all'immigrazione.
La trama gialla, anche se è un evidente pretesto per creare otto piccoli affreschi di figure femminili, è godibile anche se, alla fine, non risulta certo essere un capolavoro. Il grande merito di Carlo Fruttero è quello di raccontare pezzi di umanità che si perde, si ritrova, vive se stessa e gli altri in maniera quasi distaccata esattamente nello stesso modo in cui sta andando la società: verso un individualismo sfrenato che non lascia spazio al prossimo e anzi cerca di farlo soccombere.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Carlo Fruttero I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Carlo Fruttero
La donna della domenica
La donna della domenica

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News