Recensioni libri

Giorgio Bocca

Giorgio Bocca biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20342

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Giorgio Bocca

Giorgio Bocca

Lettera a Giorgio Bocca

Gent.mo dott. Bocca,

Mi permetto di citare un passo della Sua intervista alla Feltrinelli:

La malattia più grave di Napoli non è la camorra, ma come in tutto il Sud, il Centro e il Nord, è l’immoralità e la vigliaccheria della politica, che cerca il consenso costi quel che costi, che fa finta di non vedere...

Scrivo questa lettera per ringraziarla; Ho letto NAPOLI SIAMO NOI, tutto di un fiato, non ho potuto farne a meno! Quello che ha scritto, è un resoconto di una realtà, con la quale convivo (e convive l’Italia intera), da quando sono nato, inaccettabile. La ringrazio perché ha espresso un concetto che ognuno dovrebbe fare proprio e che dovrebbe essere il fondamento della società civile, SIAMO IL MONDO NEL QUALE VIVIAMO, e nessuno ha il diritto di mostrarsi disgustato o fare finta di non sapere.

Il concetto di appartenenza e di responsabilità, che Lei, coscientemente si è assunto ed ha sentito il bisogno di comunicare, dovrebbe risvegliare le coscienze assopite degli italiani.

Potremmo (dovremmo) dire L’ITALIA SIAMO NOI, perché è nostra la responsabilità di quello che ci accade intorno.

In effetti Napoli, (quello che avviene nei Palazzi del Potere giuridico ed amministrativo) è uno specchio al quale la società italiana a forza di specchiarsi sta cominciando ad assomigliare, forse e non lo dico per fare paura e chi ci legge, è il “Sistema Napoli” che ha attecchito con le sue metastasi i “Palazzi del potere” italiani.

Cosa è avvenuto negli ultimi decenni nelle aule di giustizia italiane ed in particolare nel processo “Toghe sporche” lo sappiamo tutti e ce lo hanno ricordato i cari Peter Gomez e Marco Travaglio con il loro “ONOREVOLI WANTED”.

Cosa avviene nelle strade di Napoli e della sua tormentata provincia, ce lo ha ricordato Roberto Saviano nel suo “GOMORRA”; La repulsione che la gente dei vicoli ha nei confronti della polizia, e delle “ISTITUZIONI” è cosa di tutti i giorni.

Eppure nessuno avverte che questi sono campanelli d’allarme; Come può la magistratura sopportare che un suo Procuratore della Repubblica dichiari che a Napoli, una “Loggia massonica, interna alla magistratura stessa, ha condotto una battaglia vittoriosa contro un Capo-ufficio troppo invadente, fino a spodestarlo, di fatto confinandolo, ottenendo che si potesse continuare lo status quo precedente all’arrivo di Cordova?

Tacere, (il silenzio della magistratura) lasciar cadere le accuse di Cordova, senza controbattere, è già una tacita asserzione di incapacità a reagire, una tecnica elusiva di una responsabilità troppo grande, o il segno che la stessa Magistratura non trova la forza di combattere o, peggio, non vuole combattere.

Se è vero, (come si apprende tra le righe del Suo libro) che alcuni poliziotti sono corrotti al punto di consentire il “Malaffare” su ordine dei Boss, quando ricevono il proprio tornaconto, è naturale che la gente di strada, le Mamme, Le Zie, le sorelle e le Conviventi dei ragazzi che fanno gli scippi non comprendono perché i loro congiunti vengono inseguiti dalla Polizia quando commettono un illecito; La domanda è: - Per quale motivo ai Boss è permesso tutto è ai ragazzi che “Pure loro devono campare” li inseguono?

Il popolo assume per “dovuto” quello che ad altri è permesso e, se a pochi è concesso il malaffare, chi “Pure Lui deve campare” si arroga il diritto di rubare e pretende la impunità. Da questo, secondo me, proviene l’astio che sempre più spesso viene dimostrato verso le forze dell’ordine.

Siamo noi a permettere che al Parlamento ci siano delle persone che hanno più volte ottenuto proscioglimenti per prescrizione dei reati (il che significa che i reati li hanno commessi) e addirittura persone con condanne definitive;

Siamo noi a consentire che nelle strade e nei Palazzi del potere avvengono crimini di ogni tipo, che è anche inutile elencare, chi non ha fantasia può ascoltare i TG o leggere i giornali.

Siamo noi a consentire che i nostri rappresentanti al governo ed alle opposizioni possano continuare a fare i propri intrallazzi incuranti degli scandali e senza vergognarsi più di niente.

Se i giovani, nel prossimo futuro, non avranno fiducia nelle istituzioni, come potremo biasimarli?

NAPOLI (e l’ITALIA) SIAMO NOI, nel bene e nel male;

LUIGI IOVINO

Di LG54

Giorgio Bocca I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Giorgio Bocca
Lui con noi. Piccoli sentieri per la coppia
Lui con noi. Piccoli sentieri per la coppia
Storia d'Italia nella guerra fascista (1940-1943)
Storia d'Italia nella guerra fascista (1940-1943)
Le mie montagne. Gli anni della neve e del fuoco
Le mie montagne. Gli anni della neve e del fuoco
Il bandito Cavallero. Storia di un criminale che voleva fare la rivoluzione
Il bandito Cavallero. Storia di un criminale che voleva fare la rivoluzione
Il provinciale. Settant'anni di vita italiana (Universale economica)
Il provinciale. Settant'anni di vita italiana (Universale economica)
L'inferno. Profondo Sud, male oscuro (I libri di Giorgio Bocca)
L'inferno. Profondo Sud, male oscuro (I libri di Giorgio Bocca)
Noi terroristi (Memorie documenti biografie)
Noi terroristi (Memorie documenti biografie)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Eugenio Barba e Julia Varley a incontri possibili
[08-04-2021]
Più libri più liberi torna a Roma dal 4 all’8 dicembre
[07-04-2021]

[11-03-2021]
Incontri possibili con Paola Barbato
[25-02-2021]
Primitivo la nuova personale di Simone Cametti
[14-01-2021]
Festival Bach Montreal 2020
[26-11-2020]
Grande successo del Festival Insieme
[05-10-2020]
L’AMO, LA LETTURA
[30-09-2020]
Leggi le altre News