Recensioni libri

Monica Ali

Monica Ali biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Monica Ali

Monica Ali

Alentejo blu

Alentejo blu parla di vite e di choc culturali che si incrociano nel villaggio di Mamarrosa, luogo immaginario e sperduto nella campagna portoghese, crocevia di speranze e disillusioni per chi vi abita e per chi è soltanto di passaggio: bambini e anziani, espatriati e turisti, contadini e fuggitivi. Le case bianche arroccate sulle colline, le porte e le finestre dipinte di blu, le strade contorte. In un’atmosfera che sembra carica di una purezza ormai perduta qualcuno è venuto a cercare la pace, qualcun altro il risveglio dell’anima. Teresa, una bellezza del luogo la cui momentanea aspirazione è fare la ragazza alla pari a Londra cercando di evadere a ogni costo da un orizzonte asfittico; Vasco, l’obeso barista che abbonda in cocktail, ma si deprime pensando alla moglie americana morta e che si aggrappa alle tradizioni per sfuggire alla solitudine; Harry Stanton, un romanziere inglese che affonda nel brandy le sue delusioni d’autore e si fa coinvolgere dalla disperata fama di attenzione del figlio dodicenne dei vicini che lo attira nel gorgo di una famiglia malata e conturbante; una giovane coppia alla prima crisi, una famiglia invadente per la sua turbolenza, il vecchio Joao, memoria storica del paese, che percorre instancabile i sentieri dell’Alentejo con il suo toro, rivivendo nella mente l’infanzia misera, gli anni della dittatura, la caduta di Salazar, fino alle comuni agricole e ai sogni negati. Vite al bivio sullo sfondo di qualche telenovela brasiliana. Tutti personaggi che aspettano che accada qualcosa, permettendo in tal modo di mettere a fuoco gli avvenimenti, come l’atteso ritorno al villaggio del figliol prodigo. Si può individuare nel personaggio di Marco quello in cui ciascuno vede rispecchiate le proprie speranze, i propri pensieri, le proprie situazioni e cerca di uscire da una possibile cristallizzazione, differenziando i suoi comportamenti. Monica Ali che ha poco meno di 40 anni, di madre inglese e padre bengalese, nata a Dacca, ma bambina trasferitasi a Londra, dove è cresciuta e partorito due figli, in questo romanzo riflette in pieno le contraddizioni di quella parte di cultura islamica che l’autrice conosce bene e che ha saputo arricchire col sale dell’intelligenza e della modernità che inevitabilmente interviene nelle nuove generazioni di figli e nipoti degli immigrati di qualunque origine. La scrittura è certo intensa, ironica e drammatica, ma qualcosa manca all’appello. La storia non si àncora definitivamente nella mente del lettore, ogni pagina è un precipitare in un abisso di non ritorno. La trama è confusa e mal delineata e anche lo sfondo portoghese è trattato con superficialità. La lettura è faticosa, non coinvolgente e disorganica. Avrebbe reso forse di più una raccolta di racconti che un romanzo.

Gianpaolo Mazza (gianpaolo.mazza@virgilio.it)

Di gianpaolo.mazza

Monica Ali I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News