Recensioni libri

Carson McCullers

Carson McCullers biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Carson McCullers

Carson McCullers

Il cuore un cacciatore solitario

Il profondo desolato sud americano dellincomprensione e dellodio razziale in Carson McCullers

Quaranta anni fa moriva la grande scrittrice americana Carson McCullers, nata in Georgia nel 1917. Vissuta da bambina a contatto delle contraddizioni e dei conflitti delloppressivo e desolato mondo del Sud americano, fu marchiata a fuoco da questo ambiente triste, che nei suoi testi torn e ritorn ossessivamente (ed era la stessa provincia abulica in disfacimento descritta da W. Faulkner in Lurlo e il furore). Donna infantile e fragile, abile pianista col desiderio di diventare concertista, a 15 anni si ammal di febbre reumatica ed ebbe diversi ictus invalidanti che la portarono giovanissima a essere appena in grado di pestare con un sol dito sui tasti di una macchina da scrivere. Non sorprende che molti suoi personaggi senza tempo n luogo, fossero infermi o tarati psichici, esclusi o emarginati, patetici o talora grotteschi.
Trasferitasi a NY a 17 anni, nel 1940 ad appena 23 anni, pubblic il suo primo romanzo Il cuore un cacciatore solitario (scritto in un momento di grave infermit), nel quale con potente lirismo svolge il tema dellincomunicabilit e del desiderio sempre vano di non essere soli e di poter essere almeno ascoltati, se non proprio compresi. Quattro protagonisti si muovono intorno alla figura del sordomuto John Singer, un mite e tranquillo orologiaio (e proprio il padre di Carson lo era), passivo interlocutore scelto come depositario delle angosce di tutti gli alienati e disadattati di una piccola citt del Sud. Prigioniero del silenzio, John non pu ascoltarli ma, pieno dumana comprensione (ne giustifica anche la violenza e i vizi con i quali tentano di contrastare la solitudine), vorrebbe farsi carico delle loro pene. Tenta di leggere faticosamente le parole sulle loro labbra e di rispondere col movimento delle mani affusolate da cesellatore, per alleggerire il fardello del loro infelice destino (Il ricco lo considerava ricco quanto lui, il povero lo paragonava a se stesso Ognuno descriveva il muto quale lo voleva). Paradossalmente, col suo silenzio riesce a dare una qualche risposta alle urla represse di quelle anime: i suoi occhi sembrano comprendere tutto (E la morte, cos difficile. E la nascita, cos facile. E leterno problema delle razze) e tutto custodire (segreti, dolori, aspirazioni e sconfitte). Tra il muto e i quattro comprimari (un vedovo proprietario di un piccolo caff, una strana ragazzina con la passione per la musica, un fallito agitatore socialista col vizio dellalcol e un medico nero marxista e disilluso) si stabilisce un delicato equilibrio che finir purtroppo tragicamente: Singer, perduto lamico sordomuto, si sentir lui stavolta tanto solo da spararsi. Da questo romanzo fu tratto il film di Robert E. Miller (1968) con Alan Arkin e Sondra Locke.
Segu il breve romanzo Riflessi in un occhio doro (1941), che divenne il film crudo e appassionato di J. Huston (1967) con Elizabeth Taylor e Marlon Brando. Il romanzo, ambiguo e scandaloso, ambientato in un noioso campo militare della Georgia e mostra levolversi di un groviglio di nevrosi nellambito di un bizzarro gruppo di persone: una creatura disinibita e selvaggia, sposata a un brutale e misogino maggiore (che nasconde unomosessualit latente) e amante di un ufficiale (dal quale attratto anche il marito), la cui moglie un essere fragile e tormentato; c pure un giovane soldato introverso e voyeur che cavalca nudo di notte: e tutti i personaggi non sanno n amare n comunicare e si legano in una tragica ragnatela di torbide relazioni.
Questi due romanzi furono un evento letterario di gran successo; Carson fu celebrata come una scrittrice dal talento superlativo e le furono riconosciuti diversi premi della critica. I successivi libri e racconti furono allaltezza dei primi testi e tutti dei bestseller: Invito di nozze (1946) - da cui fu tratto uno spettacolo teatrale premiatissimo che furoreggi a Broadway e un film di Fred Zinnemann (1952) - che narra della crisi esistenziale di una ragazzina, Frankie, orfana e alla vigilia del matrimonio di un fratello pi grande al quale legatissima; Ballata del caff triste (1951) - dal quale pure furono tratti una commedia e un film per la regia di Simon Callow (1990) con Vanessa Redgrave e Rod Steiger - ove nel dolore per lamore impossibile da ricambiare agiscono i tre improbabili protagonisti di un drammatico triangolo amoroso di gusto felliniano (un donnone androgino e scorbutico, un nano deforme e lex-marito galeotto); e Orologio senza lancette (1961), dominato dalla lacerazione dellodio razziale e dallangoscia della morte (questultimo lavoro non ebbe molto successo e gett nello sconforto la scrittrice, abituata al consenso generale).
Carson, in effetti, ha scritto la storia della sua vita; la tragedia e lambiguit del suo privato superavano di molto quelle simili dei suoi personaggi: a 22 anni aveva sposato il militare-scrittore fallito J. Reeves McCullers (entrambi erano bisessuali e talora innamorati della stessa persona), divorziarono nel 1941 (il marito, mantenuto insieme ai suoi amorazzi da Carson, aveva falsificato degli assegni), si risposarono nel 1945, Carson che soffriva dalcolismo tent il suicidio nel 1948, furono entrambi sullorlo di un duplice suicidio nel 1953, e nello stesso anno Reeves (lasciato da lei definitivamente), succideva in un hotel parigino. Unangosciosa rappresentazione di questi episodi di vita si ritrova nel dramma La radice quadrata del meraviglioso (1958). Negli anni 50, la scrittrice visse a Parigi e strinse amicizia con Truman Capote e Tennessee Williams, autori sulla sua stessa lunghezza donda e nella tradizione gotica del Sud americano. Intanto, la sua salute peggiorava in mezzo a depressioni (e cure psichiatriche), pleuriti, polmoniti doppie, angine e ictus devastanti che la costrinsero infine su una sedia a rotelle, impedendole di continuare a scrivere. Negli ultimi mesi tent faticosamente di dettare la sua biografia: la sua canzone interrotta. La vita infelice e disperata di questo astro brillante della letteratura fu stroncata definitivamente da un grave ictus emorragico: moriva il 29 settembre del 1967 dopo 47 giorni di coma profondo.

Di Silvia iannello

Carson McCullers I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Carson McCullers
双语译林·壹力文库:伤心咖啡馆之歌
双语译林·壹力文库:伤心咖啡馆之歌
阅·独:麦卡勒斯精选:心是孤独的猎手+伤心咖啡馆之歌(套装全2册)
阅·独:麦卡勒斯精选:心是孤独的猎手+伤心咖啡馆之歌(套装全2册)
The Member of the Wedding: A Play: A Library of America eBook Classic
The Member of the Wedding: A Play: A Library of America eBook Classic
Collected Stories of Carson McCullers (English Edition)
Collected Stories of Carson McCullers (English Edition)
Invito a nozze (Einaudi. Stile libero big)
Invito a nozze (Einaudi. Stile libero big)
Invito a nozze
Invito a nozze

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da luned 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News