Recensioni libri

Carlo Cassola

Carlo Cassola biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Carlo Cassola

Carlo Cassola

Celebrazione anniversario della nascita di Cassola

Cassola, lo scrittore della provincia e della quotidianità

Cassola nacque nel 1917 (è il 90° anniversario della sua nascita) a Roma ma fece della Toscana e della Maremma la sua patria spirituale, «il luogo dell’anima» come disse il poeta Mario Luzi. Quella difficile terra di provincia divenne una metafora della fatica del vivere e della condizione umana ma, d’altra parte, fu anche un simbolo di salvezza e d’integrità morale, ambiente di vita e fonte di felicità nell’intrecciarsi di rapporti semplici e genuini. Visse schivo e ritirato tra Grosseto e Cecina, lontano dalla critica e dall’editoria ma sempre molto amato dai suoi lettori. E’ ritenuto un rappresentante del neorealismo italiano: il suo stile è infatti semplice ed essenziale, i suoi contenuti sono scarni e senza fronzoli.
Iniziò a scrivere racconti brevi nel 1937 e, pur laureato in Giurisprudenza, divenne insegnante liceale di filosofia, rimanendo però in seguito disgustato dalla scuola e dal suo fallimento (nel 1969 parlò di «scuola di criminalità… grande spacciatrice di droghe… autentico oppio del popolo»). Antifascista, visse in prima persona la Resistenza, testimoniandola col racconto autobiografico “Fausto e Anna” che diede origine a polemiche stilistiche e ideologiche.
La sua attività letteraria è divisibile in periodi: inizialmente fu affascinato dalle tematiche storico-politiche per divenire in seguito un intimista dai toni dimessi, volto a cogliere la realtà nascosta dell’esistenza nelle apparenze della quotidianità e «sotto la soglia della coscienza pratica». Parlò di «realismo subliminare» e in ciò si sentiva vicino al J. Joyce di “Gente di Dublino”: «In Joyce scoprii il primo scrittore che concentrasse la sua attenzione su quegli aspetti della vita… di cui gli altri sembravano non accorgersi nemmeno»). Nel 1949 dopo la morte della moglie, ebbe un momento di crisi umana e letteraria che gli ispirò il racconto “Il taglio del bosco”. In diversi romanzi e saggi, come “I Minatori della Maremma” (1953), descrive con asciutta semplicità la Maremma e i suoi ruvidi abitanti, interpretandoli anche da un punto di vista sociale. Un altro suo libro, “La ragazza di Bube”, vero bestseller della narrativa italiana che racconta di una ragazza che sposa un partigiano colpevole d’omicidio, ha imposto l’autore all’attenzione di tutti ed è stato premiato con lo Strega nel 1960. Ne è stato tratto anche un dignitoso film di L. Comencini con una Claudia Cardinale giovane e bellissima. Nel 1978 vinse il premio Bagutta con “L’uomo e il cane”. Nell’ultimo periodo di vita, dominato dal senso di frustrazione per la caduta di quegli ideali per i quali era vissuto e per l’inevitabilità della storia e degli eventi umani, coltivò interessi di ecologista e antimilitarista. Paralizzato per mesi, si spense infine nel 1987 (questo anno celebriamo anche il ventennale della sua morte).
La sua opera è stata al centro di polemiche feroci. Italo Calvino rispose con parole durissime ad alcuni articoli di Cassola, attaccando la sua tematica astorica, priva d’impegno e proiettata sulla sfera interiore e sul privato (disse tra l’altro: «Romanzi sbiaditi come l’acqua della rigovernatura dei piatti, in cui nuota l’unto dei sentimenti ricucinati»). Pier Paolo Pasolini denunciò in un epigramma «la morte del Realismo» e la «restaurazione dello stile», che imputava soprattutto a Cassola che, contrario all’uso del dialetto ma pur ritenendosi dalla parte del Realismo, aveva scritto: «Mi ritengo uno scrittore realista nel senso che amo la realtà e non desidero evaderne. Nel senso che amo il mio tempo.». Fu stroncato in malo modo (e forse ingiustamente) anche dal “Gruppo 63” (del quale facevano parte Eco e Sanguineti), corrente di neoavanguardia i cui componenti anticonformisti e dissacratori dell’establishment letterario bollarono lui e altri consacrati dalla fama col termine ironico di «Liale».
Malgrado tutto ciò, Cassola è stato e resta un grande della letteratura.

Di Silvia iannello

Carlo Cassola I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Carlo Cassola
I minatori della Maremma
I minatori della Maremma
Geometria solida per le gare di matematica
Geometria solida per le gare di matematica
Cassola e il disarmo: La letteratura non basta
Cassola e il disarmo: La letteratura non basta
Fogli di diario. Elzeviri per il corriere
Fogli di diario. Elzeviri per il corriere
L'uomo e il cane
L'uomo e il cane
Un cuore arido
Un cuore arido
Il taglio del bosco
Il taglio del bosco
Geometria piana per le gare di matematica. Teoremi, tecniche e problemi
Geometria piana per le gare di matematica. Teoremi, tecniche e problemi
Una relazione
Una relazione
Paura e tristezza
Paura e tristezza
Fausto e Anna
Fausto e Anna
Un cuore arido
Un cuore arido

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News