Recensioni libri

Guenter Grass

Guenter Grass biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Guenter Grass

Guenter Grass

Il Tamburo di Latta e la solitudine dell’uomo

parte di una massa senza nome e senza eroi

Guenter Grass, grande e scomodo scrittore tedesco, è nato a Danzica, all’epoca tedesca e non polacca, il 16/10/1927 (cade l’ottantesimo anniversario). Col primo e più significativo capolavoro “Il tamburo di latta”, divenne il rispettato portavoce letterario, la “coscienza di una generazione” che, cresciuta durante il Nazismo e sopravvissuta alla guerra, aveva preso le dovute distanze da tutti i suoi orrori. Nella nativa Danzica, aveva fatto parte della gioventù hitleriana - ma giovanissimo e del tutto inconsapevole (credeva di arruolarsi nella marina) - ed era andato in guerra negli ultimi tremendi mesi del disastro finale, venendo subito ferito e fatto prigioniero dagli Americani. Aveva sempre sottaciuto il fatto di essere stato un volontario e non un coscritto - e questo episodio gli ha procurato un senso di vergogna e rimorso perenne - ma nell’agosto del 2006 l’aveva dichiarato apertamente in un’intervista, così giustificandosi: «Il motivo fu comune per quelli della mia generazione, un modo per girare l’angolo e voltare le spalle ai genitori». La rivelazione scatenò una vera e propria campagna d’odio da parte dei suoi detrattori: avrebbero voluto addirittura togliergli la cittadinanza tedesca e fargli restituire il premio Nobel ricevuto nel 1999.
A Dusseldorf studiò arte, divenendo un ottimo pittore e scultore, e si stabilì prima a Berlino e poi a Lubecca, ove vive tuttora.
Nel 1959 a Parigi scrisse “Il tamburo di latta”, una favola cinica e violenta che gli diede un’enorme fama internazionale; ha scritto: «Divenni famoso a 32 anni. E da allora abbiamo la Fama come sottoinquilina. Sta dappertutto, è molto fastidiosa e la si può ignorare solo a fatica. E’ una monella a volte tronfia, a volte senza vita.». Il romanzo è grottesco e surreale, picaresco e metafisico, anarchico e fantasioso; in modo caricaturale, Grass rappresenta il mondo piccolo-borghese polacco: c’è la vita degli adulti falsa e crudele; c’è una nonna, Anna, che accoglie sotto le quattro enormi sottane della sua gonna un piccolo e tozzo polacco in fuga dai gendarmi; ne nasce una figlia, Agnes, mamma gioiosamente adultera di Oskar, un bambino malinconico (personaggio letterario leggendario e indimenticabile), che a tre anni decide di fermare il tempo rifiutandosi di crescere. Pur convinto «che l’uomo è solo, e fa parte di una massa solitaria senza nome e senza eroi», egli si sente un eroe con «una volontà che esercita da solo e senza seguito», trovando conforto nel suo inseparabile tamburo di latta, col quale rifiuta gli adulti ed esprime tutto ciò che deve essere espresso. In mezzo alla disperazione dei familiari, lo lascia parlare per ore e, quando tentano di toglierglielo, Oskar lancia urla potenti e vetricide (in grado, cioè, di distruggere tutti i vetri che gli stanno attorno) Divenuto adulto, è rimasto uno «gnomo», un «pollicino» volontario che vive in un’eterna infanzia ma che ha acquisito «una grandezza messianica». A 30 anni, ricoverato in manicomio, appunta su «500 fogli di carta vergine» con cura maniacale, giorno per giorno, la storia dei suoi «anni grigi» e del suo disagio personale. Sul tamburo, batte con foga infernale tutta la sua rabbia, tutto il suo odio allucinato per il mondo (e per «le esistenze caricaturali» degli altri): alla sua deformità fisica fa da contraltare la cieca ferocia e il mostruoso degrado della Germania tra le due guerre. Alla fine, Oskar, superando gli incubi privati e le tragedie collettive, deciderà di ritornare a crescere. Nel 1979 il libro, con la collaborazione di Grass, divenne lo stupendo film di Volker Schlondorff.
I romanzi di Grass hanno sempre suscitato polemiche a non finire; da H.M. Enzensberger, fu definito: «rompiscatole… pescecane nello stagno delle sardine… solitario selvaggio della nostra letteratura addomesticata». Uomo di sinistra e attivo pacifista, fu impegnato nel partito socialdemocratico battendosi per il coinvolgimento politico-sociale dell’élite letteraria e analizzando in profondità il rapporto-confronto tra letteratura e politica. Coi suoi testi, ha combattuto l’olocausto nucleare, la guerra in Vietnam e l’inquinamento ambientale, e ha difeso i movimenti studenteschi, le istanze operaie e i diritti degli stranieri. La sua opera politica e letteraria ha mirato alla crescita culturale ed etica della nazione tedesca, a suo giudizio, stanca e non così brillante come potrebbe apparire.

Di Silvia Iannello

Guenter Grass I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News