Recensioni libri

Anais Nin

Anais Nin biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Anais Nin

Anais Nin

La casa dell'incesto

Anais Nin è una scrittrice con una vita interiore molto complessa, tra i suoi numerosi libri quello che la rappresenta è “La casa dell’incesto” uscito nel 1935 in Francia.
La storia che viene narrata è quella di un sogno, di un’avventura onirica del proprio sé, esplorandolo con un linguaggio poetico e onirico.
Anais ha una forte dualità tra quello che è il suo corpo e la sua emotività, a volte si toccano altre si allontanano, nel libro l’autrice dipana la sua anima tessendo intricati fili di personalità femminili in un’altissima prosa poetica.
Il suo linguaggio è fortemente influenzato dal Surrealismo, da Breaton e Rimbaud soprattutto.
Questo libro l’autrice stessa ci dice che fonda le basi di tutto le sue idee e futuri lavori, nelle figure che lo vivono, nei sentimenti che lo permeano e lo creano.
Il distacco dell'anima dalla concretezza e lo sfalzarsi della realtà in volti di diverse alterità lo possiamo vedere già da questo estratto.
1- "Posso udire lo strappo, rabbia e amore, passione e pietà. E quando il distacco si è improvvisamente compiuto - o quando non ne colgo più il suono - allora il silenzio è ancora più terribile perché c'é solo follia intorno a me, la follia delle cose strappate, che si strappano dal di dentro, radici che si lacerano a vicenda per crescere separatamente, lo sforzo compiuto per conseguire l'unità".
Quando si parla di un dissolversi della realtà fino ad essere inglobata nel proprio io, nell’inconscio che ci guida ed è come una finestra semiaperta nella propria anima, la Nin diventa come fatta d’aria, senza confini e zone di confine, è lei stessa che diventa mondo e creatore.
2- "Vieni…ti condurrò alla Casa dell’Incesto…
Seguimi!
Non puoi trovarla in altro modo, né il cielo, né l’acqua la contendono.
La Casa dell’Incesto è altrove. E quell’altrove sono io, una scala; e i miei gradini sono consunti...non vedi?
Il mio respiro è atmosfera e tutto attorno a me è immoto. Perché nulla possa scappare, disperdersi. Trattengo tutto, non irradio amore: rovino.
Cammina, su…non pensarci, non c’è tempo. Il tempo è moto e se il moto esiste, si aziona, io scompaio, implodo. Frantumo.
Mi disperdo e rovino.
Nella Casa dell’Incesto c’è una stanza che non si trova, senza orgasmo, senza aria: odora di mare, però, e canta.”

Di Storming

Anais Nin I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Anais Nin
Storia di una passione. Lettere 1932-1953
Storia di una passione. Lettere 1932-1953
La casa dell'incesto
La casa dell'incesto
La casa dell'incesto
La casa dell'incesto

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News