Recensioni libri

Piero Buscemi

Piero Buscemi biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Piero Buscemi

Piero Buscemi

“Ossidiana” la visione del reale in Piero Buscemi

di Maria Gabriella Canfarelli (09-11-2007, Girodivite)

L’arsura di verità divora il tempo, le giornate, il pensiero. Dove trovare la verità è un problema, un assillo costante che solo una salvifica ironia può tentare di tenere a bada. E i velleitari messaggi al mondo sono sigillati con un ‘pisciamoci sopra’, l’atto simbolico e reale al contempo di svuotare la vescica insostenibilmente gonfia. Monologo in cerca di interlocutori che è tentativo (riuscito) di darsi voce, esternare il malessere di vivere. Lo scenario è la provincia o la piccola città, quella che si porta addosso come un cattivo carattere o un rimasuglio appiccicoso, “Rinnegare se stesso o storpiare i dialetti, non basta a far nascere un nuovo individuo; c’è qualcosa nel D.N.A. che ti salda all’origine”, dice l’io narrante, da che il viaggio è l’esodo che sa “di fuga e odore di sterco”. Le immagini sono forti, lo stile è graffiante, atto a spellare e fare saltare la vernice di tanto perbenismo ipocrita. La sicilianità è colta come bagaglio mistificatorio e ingombrante - “Dovevamo restare a contemplare il silenzio della notte, offeso dalle cazzate dell’adolescenza e scimmiottare i perduti della piazza con le loro mani incrociate dietro la schiena, ad inscenare l’oratoria della cultura.“ Il pregio di questo autore è, a mio avviso, l’anti-sicilianità, l’anti-elegia, il timbro anarchico che da tutto dissente, la dissacrazione della condizione d’essere siciliani come pregio, peculiarità eccellente dai più spacciata come il migliore dei mondi possibili. Buscemi conosce e pratica l’infedeltà ai dettami triti dell’isola in cui vive, fedele solo alla lingua e al dialetto, quest’ultimo in lacerti, frasi, locuzioni o una parola appena come intermezzo da coloritura salace per rafforzare, fare risaltare il rifiuto, il disgusto e la disillusione. Infine, una domanda necessaria che “Nasce dal di dentro, giorno dopo giorno. (...). Guardi gli altri intorno a te, assaporando le differenze che ti allontanano dal branco e te ne fotti delle etichette da dietrologia che alternativamente alla faziosità, t’incollano addosso”.


Associazione culturale “I Siracusani” – menzione speciale Premio Speciale “La Fontanina” - Siracusa (31-10-2002)

Ossidiana è un'opera di difficile collocazione nell'ambito dei consueti generi letterari. Attraverso una larvata impostazione di romanzo (ci sono, infatti, un protagonista, un ambiente, una storia, un contenuto) la prosa di Buscemi acquista una duplice funzione: quella del lungo monologo che prende i toni dell'invettiva e quella prettamente estetica della poesia. Al centro del monologo è un personaggio che molto somiglia all'autore stesso e che, nei panni di un uomo di potere (un politico che, come si dice, ha "le mani in pasta"), ci svela la perversione morale dell'uomo che decide i destini della città. Scorre quindi davanti al lettore un continuo fiume di sensazioni, di ricordi, di riflessioni, di argomentazioni che mettono a nudo la natura umana, incline all'intrallazzo, alla delusione, al bieco profitto, al male. Quest'analisi spietata passa da una visione esterna (la città, gli amici, gli elettori, il mondo nel suo insieme) a una cruda introspezione fino a scoprire la miseria del proprio animo e della propria natura. Ha il tono di un pamphlet amaro ed esasperato, cinico e duro; duro come quell'ossidiana, la nera pietra che nella preistoria serviva per la costruzione degli utensili da taglio, che qui diventa pietra di paragone e metafora stessa del romanzo-monologo; così come la pomice, altra pietra vulcanica, diventa l'elemento morbido, fangoso e putrido, della disperazione umana. La scrittura poi, ha una forte sostenutezza formale, uno stile che poggia su continue architetture metaforiche, su arditi ed inusitati paragoni, su immagini spesso criptiche perché affidate ad accostamenti e a traslati di tipo fantastico, surreale ed onirico. La lingua ha frequenti contaminazioni col dialetto e con altri codici di tipo gergale e tutto, contenuto lingua stile, contribuisce a farne un'opera originale ed inusitata.

Piero Buscemi I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Piero Buscemi
Le ombre del mare
Le ombre del mare
Le ombre del mare
Le ombre del mare
Celluloide: storie personaggi recensioni e curiosità cinematografiche
Celluloide: storie personaggi recensioni e curiosità cinematografiche
Le ombre del mare (Drammatico)
Le ombre del mare (Drammatico)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News