Recensioni libri

Marcello Scurria

Marcello Scurria biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Marcello Scurria

Marcello Scurria

Continentaria

Prefazione di Tomaso Romano
Marcello Scurria e la scrittura errante


Dopo l’esordio narrativo Sognando il Paradiso (Ananke edizioni di Torino 2000 con una acuta lettura di Franco Pappalardo La Rosa) Marcello Scurria, palermitano di nascita e di temperamento, siciliano verace, torna con questo denso romanzo Continentaria che già nel titolo echeggia suggestioni.
Opera della maturità, Continentaria dà al lettore numerose occasioni di “visionare” il tessuto ispirativi, le scelte simboliche (la nave, la storia, i luoghi, il viaggio, i sentimenti, la morte) con il registro di una scrittura fluente e umorosa.
Ne deriva un andamento narrativo spesso labirintico eppure vitale, come ci ha insegnato Borges. La stessa varietà e singolarità dei nomi dei protagonisti e dei comprimari è volutamente involuta, quasi un richiamo simbolico attestante un preciso destino. Non mancano nel testo di Scurria richiami ed echi letterari propri della vicenda letteraria novecentesca frutto di letture plurali (a cominciare dal magistero di Gesualdo Bufalino) e di originali considerazioni sulla storiografia e sulla cronaca già padroneggiata dall’autore a proposito della mafia.
Pare, allora, in questo contesto opportuno inserire l’opera di Scurria nell’ambito delle “scritture erranti” come “viaggio di sé nel mondo”, seguendo la magistrale lezione di Duccio Demetrio nelle sue realtà multiformi, a cominciare dalla teoria e dalla pratica autobiografica fino al viaggio “errante” metafora della conoscenza insaziabile fra la propria esperienza personale di scrittura ed il mondo. Se è vero che la scrittura “cristallizza il fluire della vita, ma nello stesso tempo la rimette in moto, ne sollecita la dimensione dinamica sempre in trasformazione” (Andrea Ciantar) ci appare così decisamente in autoanalisi l’avventura narrativa di Scurria. Nell’accezione più seria ed impegnativa di narrare come narrarsi, anche con violenza, anche con delicata ironia, terapeuticamente, per evitare di smarrirsi ad ogni momento (etty Hillesuum, Diario 1941-1943) per dare un senso, significato e pienezza alla scrittura stessa e, in sostanza, all’esistenza propria, quindi al riconoscimento ed alla comprensione degli altri.
Qiesta esperienza ho colto immergendomi nella narrazione inquietante, abilmente tortuosa, in tensione di Scurria che, al di là della trama che si consegna al lettore, resta un richiamo alto, speranzoso, convincente di ciò che “ditta dentro”.

Tommaso Romano




Di marcello scurria

Marcello Scurria I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Marcello Scurria
Jorge Luis Borges: metafora, struttura e spazio-tempo
Jorge Luis Borges: metafora, struttura e spazio-tempo
Scurria e il suo poemetto poetoso e mai pietoso
Scurria e il suo poemetto poetoso e mai pietoso
Le Glumelle di Bromeliadi
Le Glumelle di Bromeliadi

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News