Recensioni libri

Andrea Di Consoli

Andrea Di Consoli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Andrea Di Consoli

Andrea Di Consoli

LA NAVIGAZIONE DEL PO

Andrea Di Consoli è narratore, poeta, critico letterario e consulente editoriale. Dopo il grande successo del romanzo d'esordio "Il padre degli animali" (2007), edito da Rizzoli, torna alla poesia con "La navigazione del Po" per i tipi di Aragno (euro 15).
Un’opera in versi, questa, che prosegue il discorso incentrato sulla paternità già affrontato nella silloge di poesie di “Discoteca” e con il romanzo “Il padre degli animali”, ma che segna anche l’evolversi di una riflessione avviata in toni aspri e forti nei racconti di “Lago negro”.
Qui la ricerca dei padri si fonde con la scoperta e la consapevolezza dell’essere padre e con i forti riferimenti alla tradizione, alla famiglia e alle radici.

Segue un’intervista all’autore.

- Andrea Di Consoli si sente più narratore o poeta?

"Mi sento più poeta, avendo sempre, della poesia, gli scatti improvvisi, le irrazionalità, le ustioni interiori di una conoscenza per epifanie e per rivelazioni. Sono uno scrittore irrazionale, quindi poetico".

- Qual è il ruolo della narrativa e della poesia, oggi? Ritieni che riescano a rappresentare l'animo e la vita dell'uomo del nuovo millennio?

"La letteratura non deve rappresentare niente. Deve tentare, sempre, ogni volta, di acciuffare barlumi di verità, cioè di eternità. Brancoliamo tutti nel buio, scrittori e non scrittori. E io immagino questo viaggio - la vita, intendo - come una caccia collettiva dove qualcuno, ogni tanto, grida: "Venite, l'ho trovato". Ci lanciamo dei segnali tra di noi. Ma la posta in gioco è l'eternità, la luce eterna".

- In questo nuovo libro rappresenti anche l'universo famigliare mettendo in risalto le figure del padre e della madre, della moglie e del figlio. Quanto è importante il ruolo della famiglia, oggi?

"La famiglia è il nucleo primigenio - il primo cerchio - dove troviamo forza, comprensione, amore. Nella famiglia facciamo la vera esperienza dell'amore. Qui ci disfiamo della parte più ottusa di noi - dell'egoismo, dell'accecamento individualista. Lo scrittore è un fragile cacciatore di verità, e senza un nucleo protettivo così forte, la ricerca della verità diventa difficile, o forse impossibile".

- Tra le altre cose affronti, ancora una volta, i temi classici della malattia e della morte. Sono temi fondamentali e universali. Ritieni che la società odierna li consideri con la dovuta profondità?

"La nostra società è ottusa, perché considera la malattia e la morte come prevedibile e accidentale. Insomma, ammalarsi e morire non è una sfortuna. E' un destino. E noi siamo disabituati a dialogare con il nostro destino. Come scrittore mi sento indignato dal modo indegno con cui viene affrontata oggi la malattia e la morte. Non si muore perché ci si ammala, ma ci si ammala perché bisogna morire. Si ama di più, con la prospettiva della morte nel cuore. Ma questo i dietologi, i medici-profeti, gli ottusi ottimisti del nostro tempo non possono capirlo".

- Questa silloge di poesie è stata edita da "Aragno", piccola casa editrice diretta (fino a qualche mese fa) dal compianto Raffaele Crovi. Cosa ha significato, per te, vedere pubblicata questa tua opera dopo la scomparsa di questo grande letterato?

"Il mio libro di poesia è stato l'ultimo a cui ha lavorato Raffaele Crovi prima di lasciarci per sempre (conservo le minute delle sue correzioni). Crovi è un amico che è morto. E' nel mio cuore e nei miei pensieri. La sua opera e la sua presenza è in me, come non fosse mai morto. Lo immagino che dorme sorridente nel piccolo cimitero appenninico in cui è sepolto".

- Progetti per il futuro?

"Il 2 aprile esce per Rizzoli il mio nuovo romanzo, "La curva della notte". Poi ho in mente di scrivere dei racconti, e poi un altro romanzo".

Massimo Maugeri
www.letteratitudine.blog.kataweb.it

Di Massimo Maugeri

Andrea Di Consoli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Andrea Di Consoli
Cani sciolti
Cani sciolti

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News