Recensioni libri

Stefano Lorefice

Stefano Lorefice biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20346

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Stefano Lorefice

Stefano Lorefice

L'esperienza Della Pioggia

Stefano Lorefice L'esperienza Della Pioggia
Stefano Lorefice L'esperienza Della Pioggia

La poesia di Stefano Lorefice nel suo libro “L’Esperienza Della Pioggia” si dipana in due parti.


La prima nel mondo definito Corpo/Città dove il corpo è qualcosa di materiale, metropolitano, che si destreggia nella durezza della vita, nell’incompiutezza che lo porta a navigare verso un microcosmo interiore versus il macrocosmo definito come città, popolo.


Un’interiorità in cui non si torna mai indietro, si procede sempre avanti nonostante si sia fustigati dal dolore.


C’è nella sua poesia una solitudine nella moltitudine, un restringersi in piccole cerchie di chi sa ancora ascoltare e sente. Pur se soffocato ai limiti delle porte dell’anima si lotta, sempre.


La città traslata come folla che non ci ascolta, che continua a “vagare” nei suoi ritmi prestabiliti è solo un’apparenza, una maschera per proteggere la propria anima, che invece vorrebbe folleggiare, pasteggiare nel dolore e nei sentimenti.


L’io poetico è in netta contrapposizione con la civiltà che frenetica spazza via l’unicità dell’essere frammentato in brevi attimi di respiro, senza senso nello scorrere della moltitudine dove le voci si smorzano, affievoliscono e muoiono dimenticate.


Come cita il poeta “…manca il fiato per capire i nostri angeli muti…”.


Mai piegarsi all’omologazione “…che c’abbiamo la mano sinistra legata dietro/ perché da sempre ci hanno obbligato ad usare la destra.”


Un grido che s’eleva dalle profondità per squarciare i cieli cupi, per farci udire il suo grido ed odorare tra le callose amenità il senso intimo della nostra vita.


Nella seconda parte chiamata Corpo/Frontiere si definisce il concetto stesso di poesia di Stefano, dove la semplicità tra il corpo e la mente dovrebbe essere diretta, un dentro che si dipana nel fuori, che ci potrebbe consumare ma merita di essere vissuto sempre, poiché la vita senza amore e sentimenti sarebbe una landa sterile ed immota.


La dimenticanza dei gesti d’amore, persi in un altrove, dove a volte neanche la forza della memoria può accedere, come se vi restasse solo l’eco della movenza stessa.


L’amore è qualcosa che lascia scivolare via tutto, il ricordo è l’unica cosa che rimane, ed è già troppo poiché ha strappato via l’unico dio possibile: la propria essenza.


Regna in queste frontiere, un profondo senso di lotta per l’identità e la forza del proprio cuore, contro chi non riconosce tali valori.


Si viaggia al di dentro della propria anima superandone i limiti e giungere così al proprio fulcro.


Vivere non è semplicemente respirare, emulare la quotidianità ma sfrondarla per arrivare all’atto dell’esecuzione stesso della vita.


Come ci dice il poeta stesso “…io devo restituire la mia faccia vera/ quella senza sconti”, “…viaggiare è conoscere al contrario/ partire dal cuore, dove la gola non pensa”.

Di Storming

Stefano Lorefice I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News