Recensioni libri

Luigi Calcerano

Luigi Calcerano biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Luigi Calcerano

Luigi Calcerano

Un delitto elementare

Luigi Calcerano Un delitto elementare
Luigi Calcerano Un delitto elementare


Si può parlare in vari modi di questo giallo.


Fare centro sull’originale ambientazione in una scuola romana e sugli operatori scolastici che la abitano, due maestre di tempo pieno, una ambiziosa dirigente scolastica, una manciata di personale amministrativo, tecnico ed ausiliario...oppure  sulla pattuglia di quarantenni che fa di tutto per  tornare sui banchi di scuola, oppressa da un misterioso evento, accaduto quando frequentavano la quinta elementare.


Alcuni di quei bambini nella vita hanno avuto quello che si definisce il successo, un artista del fumetto, un primario neurologo un’editrice, altri si sono comunque inseriti nella società, un commissario di pubblica sicurezza, un operaio specializzato, una funzionaria della Rai, altri  no, uno è diventato un barbone, un altro un sospetto avventuriero; tutti hanno dovuto convivere con una memoria che li ha segnati, tutti pian piano nel procedere della storia danno conto dei cambiamenti che li hanno mutati ma non sono riusciti a smascherarli. Tra i catalizzatori della storia due alunni ed un giostraio che fa anche il detective. Sullo sfondo non manca una realtà di carta disegnata da uno dei protagonisti, lo zingaro Gilas, improbabile Detective di carta, eroe di una fortunata serie di fumetti.


Lo stile è svelto, accattivante, i colpi di scena opportuni, le sorprese continue...il divertimento assicurato; ci si potrebbe fermare qui, perché apparentemente Un delitto elementare, nella moderna ambientazione, recupera lo schema del giallo classico (omicidio / investigazione / soluzione / spiegazione), il modello del racconto basato sull'indagine poliziesca e sulla soluzione razionale di un enigma iniziale. Ci si potrebbe limitare a questo, perché gli autori  sfruttando appieno la lezione dei maestri, - e ci sarebbe abbastanza per scrivere una bella recensione -,  ma si farebbe torto ad un libro che non può essere definito tout court un poliziesco classico, poiché rappresenta, allo stesso tempo, anche una variante di quei gialli che Giuseppe Petronio chiamava  problematici, che appartengono ad una tipologia lontanissima dal mistery!


Questo essere sia un giallo classico che un giallo moderno e problematico è la caratteristica principale di Un delitto elementare.


L’appassionato rispolvera con soddisfazione gli elementi che ha imparato ad apprezzare nel mistery , con in più  alcuni variazioni e particolarità che trovano il modo di investire pesantemente anche il ruolo della detection, delle regole del giallo, della basilare (per i gialli) e indiscutibile lotta dei buoni contro i cattivi.


In queste condizioni se la detection va a buon fine, è paradossalmente solo merito dei colpevoli che debbono sudare le proverbiali sette camicie, inventare cento trappole, osare l’inosabile per prevalere l’uno sull’altro, e sull’impenetrabilità del mistero...


Se non si vogliono tradire i segreti degli autori, a questo punto si può dire solo che, nello svilupparsi della storia, .lo smacco del genere  poliziesco è completo, che il giallo, come onestamente si confessa nella quarta di copertina (ma è l’unica onestà degli autori, più sleali di Agata Christie!) diventa un metagiallo, ovvero una riflessione sul giallo stesso, sulle sue intatte, rinnovate, capacità di illuminare l’attività dello scrivere e perfino, alla fine, quella di giudicare in base a principi morali.


La narrazione, caratterizzata da distinte focalizzazioni,  entrambe tipiche del genere, l’una esterna, in terza persona, l’altra soggettiva, in prima persona, tratteggia  al lettore meno smaliziato  autori che mostrano di sapere molto meno dei propri personaggi. Fino al denoument, alla risoluzione finale dell'intreccio.


Nel romanzo di Calcerano & Fiori la sfida intellettuale, indissolubilmente connessa al genere, si coniuga all’altra sfida della riflessione etica, e la ricerca dell’assassino diventa non tanto l’occasione per una denuncia politica (che so, della bacata rispettabilità borghese) denuncia che rischia di mostrarsi ormai piuttosto datata, quanto la moderna analisi del marcio che si nasconde sotto la maschera di rispettabili pre-giudizi morali.


L’indagine degli investigatori ufficiali o di complemento è fallace proprio perché basata su dati di fatto superficialmente valutati, colpevolmente travisati...e su giudizi prematuri, cioè parziali e basati su argomenti insufficienti, che non possono bastare per scoprire chi ha ucciso o svelare la colpevolezza, o addirittura il Male.


Il misterioso evento del passato non fa eccezione, tutti credono di conoscerlo anche se lo tengono segreto, e quel mantenerlo segreto è il modo migliore per mantenerlo un mistero e farlo diventare l’occasione per compiere nuovi delitti.


 


Per questo non è facile scrivere una recensione per Un delitto elementare. Perché è necessario tenere accuratamente celato l’assassino ed il finale...eppure parlarne.


Specie nei gialli classici il finale è il momento forte della narrazione, il clou della storia, qui non si fa eccezione, anzi! Nel romanzo la storia accelera il ritmo, lentamente ma continuamente, per poi impegnarsi in una sconvolgente corsa verso l'epilogo. Il finale è la scommessa di Calcerano & Fiori con il lettore. E non solo perché, come è necessario, debbono risolvere i conflitti presentati dai personaggi, sciogliere  le tensioni, fugare i dubbi, risolvere le questioni. mantenere la coerenza, rispettare le premesse, trovare una risposta ad ogni domanda. E’ così che devono essere i finali.


In Un delitto elementare  il finale per il lettore è l’unico momento in cui viene a conoscere la  verità degli autori. Diremo solo che questo finale, invece di chiudere, allarga la prospettiva della storia, alza una cortina per tutta la narrazione abbassata a coprire i fatti ed i giudizi, svela una realtà amara che fino ad allora era stata appena abbozzata o suggerita. Una realtà per cui, parafrasando Voltaire, si potrebbe affermare che è  meglio salvare un colpevole piuttosto che lasciarne libero un altro, o meglio, non riuscire a svelarne un altro.


 


 


Un delitto elementare – Luigi Calcerano Giuseppe Fiori


Sovera multimedia -  Roma 2008

Di luigi

Luigi Calcerano I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Luigi Calcerano
Quattrocentocinquantatré
Quattrocentocinquantatré
Colpo grosso alla Serpentara (Guardie e Ladri)
Colpo grosso alla Serpentara (Guardie e Ladri)
Colpevole per forza (Guardie e Ladri)
Colpevole per forza (Guardie e Ladri)
Il grande coniglio bianco (Guardie e Ladri)
Il grande coniglio bianco (Guardie e Ladri)
Quattrocentocinquantatré
Quattrocentocinquantatré

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News