Recensioni libri

Fabrizio Gabrielli

Fabrizio Gabrielli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Fabrizio Gabrielli

Fabrizio Gabrielli

L’inafferrabile Weltanschauung del pesce rosso

Cosa si aspetta, il lettore, da una raccolta di racconti? Storie avvincenti, forse. Intrecci onirici o pischedelici, può darsi. Un tourbillon d’emozioni in un morso, snack letterari da consumarsi nei pochi spiragli di tempo libero, quello sì.
E da una serie di racconti intitolata “L’inafferrabile Weltanschauung del pesce rosso”, cosa sarebbe lecito attendersi? L’ergersi a protagonista di un pesce rosso, almeno.
Invece, di scodinzolii vermigli c’è traccia solo nel primo dei racconti – “3 secondi (loosin’memory)” –, anche se con modalità del tutto inaspettate, in quello che vuole essere, in maniera nemmeno troppo velata, un tributo al Cortàzar di “Lettera a una signorina a Parigi”.
Eppure, nei rimanenti quaranta e più racconti brevi-anzi-brevissimi, permane la forma mentis di quell’animaletto che si fa, riga dopo riga, icona di una Weltanschauung, di una visione del mondo, appunto, inafferrabile, vertiginosa, precaria, smemorata.
In un panorama dominato dalla frenesia, la slowitudine si fa viatico. Come il trovare un’oasi di tranquillità nei gesti ripetitivi di “Un altro giorno, un’altra notte…un’altra volta” o in quelli fini a sé stessi di “Mario (ossia, un elogio all’inutilità)”, oppure nella scrittura per la scrittura – come i divertissements di “Centoparole”, polaroid scattate con cento-parole-cento, provate a contarle.
Sono istantanee saporose di serate primaverili – “Suonatori” – o profumi d’infanzia – “Agenore ed il dolce del mattino” –, nei quali si fa largo prepotentemente una passione travolgente per il cibo come rituale – “The sweetest thing” –. E poi ci sono gli spaccati nostalgici e senza tempo di “La chapelière”, o le dagherrotipie di città lontane eppure così familiari – “Sacher”.
Familiare e per nulla lontana è invece la Civitavecchia che trasuda dai quattro racconti centrali, “terra sia pur non natale ma da ricordarsela per sempre”, dominata da personaggi che – seppur con toni macchiettistici – mostrano col petto gonfio la propria civitasvetulina veracità in risposta ad un’atmosfera di precarietà diffusa, di una città, di una comunità, della vita intera.
Precarietà come quella, per antonomasia, di “Mezza patata”, ma anche – più sui generis – come fil rouge che trapassa l’intero corpo della raccolta. Racconti come contratti a termine, dieci pagine oggi, cento parole domani, che vivono nell’ansia perenne di un rinnovo agognato.
Ed infine, proprio in zona Cesarini, ecco entrare in tackle scivolato una serie di racconti calcistici, ché come dice Camus “tutto ciò che sappiamo della vita lo apprendiamo dal calcio”.
Non importa quanto tempo abbiamo a disposizione, novanta minuti – come una partita – o tre secondi – come la memoria del pesce rosso. Ciò che conta è concentrare, nell’intervallo tra una tabula rasa e l’altra, tutto il mondo all’interno di una bolla di vetro soffiato.
Lì risiede l’essenza dell’inafferrabile Weltanschauung del pesce rosso.

di Fabrizio Gabrielli



Altri articoli:


http://mangiaebbina.blog.espresso.repubblica.it/mangiaeabbina/2008/06/linafferrabile.html
http://www.raccontidicitta.it/?p=166

Fabrizio Gabrielli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News