Recensioni libri

Franca M. Bagnoli

Franca M. Bagnoli biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Franca M. Bagnoli

Franca M. Bagnoli

Una vita negata

Franca M. Bagnoli Una vita negata
Franca M. Bagnoli Una vita negata

Una vita negata di Franca Maria Bagnoli è un romanzo scritto come si deve e, soprattutto, parla di valori soffocati nell’antichità, ma che non trionfano neppure nell’epoca odierna.


Abbiamo sempre considerato -  perché così ci è sempre stato raccontato - che Santippe, la moglie di Socrate, tediasse il marito con le sue continue sfuriate, che insomma il povero filosofo fosse una vittima di una donna bisbetica e insopportabile.


Il testo della Bagnoli, nel narrarci di questa vita di coppia, ribalta questo concetto che si è perpetuato nel tempo, vestendo Santippe di una nuova dignità che ne fa un personaggio di importanza ben superiore a quella del marito.


Per far ciò si basa proprio su quella storia che viene ora ad essere confutata e in particolare sulle abitudini di vita, sull’aspetto sociologico della società ateniese.


Premetto che ci sono tutti i motivi per credere che Santippe in effetti fosse la vittima di un sistema che vedeva il matrimonio come un negozio giuridico volto a rafforzare la struttura sociale della democratica Atene, con la moglie destinata solo a procreare per la continuazione della specie e il rafforzamento dello stato, oltre a provvedere alle normali faccende domestiche. Quindi, un rapporto basato su una convivenza totale, sul principio che le decisioni comuni spettavano a entrambi i coniugi, non solo non esisteva, ma era addirittura impensabile.


Sarebbe riduttivo, però, limitare l’analisi di quest’opera alla sola condizione della donna in quella società, perché Franca Maria Bagnoli, attraverso Santippe, va ben oltre, contesta la mancanza di libertà di una civiltà, pur fulgida, ma estremamente classista, tanto da considerare normale la condizione della schiavitù, con un’inclinazione tuttavia a mostrare più tolleranza per l’uomo, al punto che solo il maschio schiavo poteva affrancarsi.


Quindi una struttura sociale rigida, ferrea, dove perfino la religione aveva la funzione di conservare lo status quo, imponendo Dei creati secondo le esigenze dei dominanti.


Il riscatto di Santippe, che riceve schiave come amiche, diventa un emblema della dignità umana laddove sostituisce alle divinità correnti un Dio costruito secondo il suo modo di sentire, un amico che non ha bisogno di cruenti sacrifici per essere benevolo, ma che è dentro l’individuo e che assume sempre di più le caratteristiche della coscienza di una donna che ama il suo uomo a tal punto da giustificarlo per il suo comportamento verso di lei, perché anche lui è parte di quel sistema che ha sempre accettato e che lo condurrà alla morte, senza ribellione, da perfetto integrato in un meccanismo di cui è contemporaneamente artefice e vittima.


Scritto in modo assolutamente delizioso, con una scorrevolezza che impone la lettura quasi d’un fiato, misurato nelle descrizioni -  pur splendide -  al fine di lasciare ampio spazio di immaginazione, Una vita negata è molto di più di un testo che si propone di riabilitare la figura di una donna, ma è un commosso, stupendo grido di libertà. 

Di Renzo.Montagnoli

Franca M. Bagnoli I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News