Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

Il tessitore del vento

Nei sei mesi che lo separano dal fatidico appuntamento con la morte, lo scrittore riempie la sua solitudine dedicandosi a un nuovo romanzo “di clamorosa e complessa bellezza”. È la storia dei personaggi veri o finti che in quegli ultimi giorni attraversano la sua vita di scrittore e di personaggio. È la storia di un amore che potrebbe salvarlo. È la storia del libro che il lettore sta leggendo ma che sa di non poter terminare: il tempo del suo autore è scaduto, “lo specchio specchierà se stesso e il cerchio si chiuderà”. Questa è la trama riportata sulla copertina del romanzo “Il tessitore del vento”. Una cosa aggiungerei: leggendo il libro ci si accorge che Venezia non è “scenario inerte” ma si integra sentimentalmente con l’anima di Federico Grandi, il protagonista. Venezia entra addirittura in scena come personaggio, con le vesti arabescate e lo scettro di corallo, e racconta la sua storia. Eccone un passo suggestivo:


“La notte, per i campi e per i sottoporteghi deserti è solo il vento dell’Adriatico che alita dietro gli angoli, carico di salsedine. Porta con sé qualche voce. Rumori che provengono dal Lido: grida di croupier attorno ai tavoli del casinò e scrosci di applausi per sdentati Leoni d’oro. Mondanità notturne. Un gondoliere stanco, col naso adunco, accompagna attraverso il silenzio dei canali il fantasma di Gustav Aschenbach. Tra un tuffo e l’altro del remo gli mostra i miei sestieri immersi nel sonno: Castello, San Marco, Cannaregio, San Polo, Dorsoduro, Santa Croce. E poi la Giudecca. Nomi evocatori di altri fantasmi, antichissimi. Aschenbach sorride, il ghigno malaticcio, le guance imbellettate. Ad ogni dondolio della gondola i suoi occhietti febbricitanti frugano qua e là in cerca del piccolo Tadzio. Infine si assopisce sotto la larga tesa del suo panama. È il momento supremo. Le mie fondamenta secolari sprigionano una nebbia leggera leggera, che mi avvolge, e con la tenerezza di una madre che parla al suo bimbo mi sussurra: dormi anche tu, Venezia, dormi. Dorma il flusso dei canali. Dorma la sovrumana potenza del mare. Dorma la stupidità degli uomini e delle loro cose. Dimentica, Venezia, e cerca di essere nel sogno ciò che non sei nella vita”. (Parte Prima, cap. 2)

Di romaikos

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News