Recensioni libri

Marcela Serrano

Marcela Serrano biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Marcela Serrano

Marcela Serrano

L'albergo delle donne tristi

Marcela Serrano L'albergo delle donne tristi
Marcela Serrano L'albergo delle donne tristi

L'Albergo delle donne tristi è un bel romanzo sulla condizione della donna e sul  rapporto con la solitudine in un mondo in cui ognuno stenta a ritrovare le proprie radici.  


In  una   delle quarantadue isole di cui è composto l'arcipelago di Chiloè  nel sud del Cile, un posto magnifico  di cui l'autrice riesce a farci cogliere i colori, i suoni ed i particolari odori  in dettagliate descrizioni di  paesaggi caratteristici e sicuramente inusuali soprattutto per noi europei, si trova un particolare “Albergo” dove per tre mesi consecutivi si ritrovano venti donne di età, estrazione e cultura diverse per  condividere con le altre i propri drammi e sperare  di ritrovare così la pace interiore. 


L'albergo è di proprietà di Elena,  donna forte ed  equilibrata che, pur essendo di estrazione ricca e borghese, della  militanza politica di sinistra ha fatto la sua vita anche se poi se ne è allontanata. Medico, specializzata in psichiatria, dopo aver svolto per anni  il lavoro  nei consultori popolari ha poi deciso comunque di continuare ad aiutare le donne più indifese.


Elena   seleziona le sue “ospiti” (che non vengono mai chiamate né pazienti , né clienti) tenendo solo conto delle sofferenze patite e non guarda mai né  la provenienza geografica né  lo status sociale nè la posizione economica  procedendo essa stessa con i propri fondi   per quelle che non possono pagare. Il suo obiettivo è  guarirle non cambiarle fornendo loro aiuto e consolazione senza giudizi o rimproveri.  L'inoperosità nella casa è vietata  per evitare la depressione e ogni ora è scandita da qualcosa da fare: lavori manuali, ginnastica, passeggiate con molta attenzione verso la natura, ora di silenzio serale, conversazioni di gruppo e individuali. Spirito comunitario, vita di gruppo, solidarietà femminile questi sono i motti di Elena. Qui si può stare sole sapendo di essere sempre in compagnia.


Una delle ospiti dell'albergo è Floreana.  La morte della sorella Dulce, l'ennesimo fallimento  amoroso, la poca autostima che  ha sempre avuto di sé, pur essendo un'affermata storica, hanno indotto Floreana a trovare rifugio  all'albergo di Elena il  DOLCE RIFUGIO DELL'ANIMA dove le  donne abbandonano la loro tristezza e tornano a sorridere.


Le ospiti dell'albergo   lungo il percorso del romanzo raccontano  in modo spontaneo  e complice  le loro storie fatte di sogni irrealizzati, affetti ormai estranei, amori autolesionistici o impossibili senza aspettarsi mai da parte delle altre giudizi o rimproveri ma anzi sicure di essere sempre comprese ed accettate per quello che sono. Belli i dialoghi fra le donne. Le chiacchierate sono dolci  e intime e rivelano una confidenza insperata dovuta  forse al clima di intimità che si crea nell'albergo dove i problemi reali sembrano lontani.  


Le ospiti che arrivano all'albergo sono donne che hanno deciso di non fare più da padri ai loro mariti o di essere da questi considerate come figlie e sono invece andate alla ricerca di un rapporto paritario dal quale sono uscite  però emotivamente ferite in preda ad una grande solitudine. Il sogno di tutte le donne  era quello di raggiungere  maggiore felicità dopo  aver ottenuto più spazio e riconoscimenti ma  le cose non sono  andate così: gli uomini si  sono sentiti minacciati dal senso di  indipendenza delle donne  provocando  in loro il rifiuto di amare  ed in molti casi sono stati spinti ad  abbandonare le loro compagne.


Floreana,  è chiamata  molto spesso nel libro ad interrogarsi  sul significato dell'amore. Un sentimento da cui non si può prescindere, il motore attorno a cui tutto ruota e senza il quale si fermerebbe la vita stessa. Ma è   tuttavia facile constatare  come  oggi l'uomo e la donna abbiano paura di tale sentimento e preferiscano vivere solo l'amore fisico rifugiandosi in quello che più volte nel libro viene definito come  “disamore”.


Nel romanzo compaiono anche due personaggi maschili  il  Dott. Flavian, ed il giovane nipote Pedro scrittore di libri erotici. A loro spetta il compito di descrivere l'altra faccia della medaglia  e di esprimere il punto di vista maschile nei rapporti fra uomo e donna.  Fra Flaviàn  e Floreana inizierà un difficile rapporto fatto  di un intrigo di sentimenti.  Lui forte e refrattario all'amore, rifiuterà  il solito rapporto di coppia che ormai lo ha deluso troppe volte. Lei fragile e al contempo scottata da rapporti sbagliati ma anche consapevole delle insidie che un uomo del genere potrebbe nascondere viene attratta da un uomo che pur non volendolo riconoscere ha ancora dentro di sé una grande potenzialità affettiva. Alla fine quando tutto sembra perduto, in modo forse troppo scontato, in loro trionferà la passione e Floreana troverà il coraggio di rituffarsi in un nuovo rapporto consapevole ormai che l'unico posto a cui può essere dato il nome di patria è il luogo in cui non si sente freddo.


 


A cura di Tania Maffei

Di 9gatti

Marcela Serrano I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Marcela Serrano
Antigua, vita mia
Antigua, vita mia
Quel che c'è nel mio cuore
Quel che c'è nel mio cuore
La Llorona
La Llorona
Arrivederci piccole donne
Arrivederci piccole donne
Quel che c'è nel mio cuore
Quel che c'è nel mio cuore
Antigua, vita mia
Antigua, vita mia
Arrivederci piccole donne
Arrivederci piccole donne
Il giardino di Amelia
Il giardino di Amelia
Il giardino di Amelia
Il giardino di Amelia

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News