Recensioni libri

Yasmin Crowther

Yasmin Crowther biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Yasmin Crowther

Yasmin Crowther

La cucina color zafferano

Yasmin Crowther La cucina color zafferano
Yasmin Crowther La cucina color zafferano

Maryam Mazar,  iraniana trapiantata a Londra da ormai quarant’anni e sposata ad Edward, vive la propria vita in apparente tranquillità  finché due terribili eventi vengono a sconvolgerle l'esistenza: la morte della sorella a Teheran e la prematura interruzione di gravidanza della figlia Sara. Da lì ripartirà il desiderio di Maryam di tornare in Iran.  luogo dove, per sua stessa ammissione,  abita ancora il suo cuore


Figlia di un uomo molto influente, soldato dell’allora Scià, Myriam in gioventù era stata ingiustamente incolpata di aver passato una notte con Alì, uomo di fiducia alle dipendenze del padre che in realtà l’aveva solo tratta in salvo durante i  disordini comuni in quel periodo di confusione politica. Rifiutato il matrimonio riparatore offertole con un uomo  di alto rango, era stata  scacciata dalla famiglia per non farvi più ritorno. 


Maryam  in tutti quegli anni non ha raccontato a nessuno il motivo della sua improvvisa partenza dall'Iran  e ora, resasi conto di come siano esili le  radici che la legano ad una  Londra che le appare così cupa e grigia in quel terribile inverno, sente il  bisogno di condividere con qualcuno il proprio passato. Decide quindi di tornare  in quella casa dove è cresciuta fra il profumo di coriandolo e  di zafferano.  Lo zafferano, infuocato come il tramonto, come il sangue che sgorga da una ferita,  come l’hennè sulle dita di una mano o come quella  terra iraniana da cui lei stessa proviene,  è il colore della passione verso un mondo perduto ingiustamente e prematuramente.  Il  ritorno di Myriam in Iran è come un tuffo nel passato e nel guardare le montagne avvicinarsi, una terra color ambra  ocra e zafferano,  sentirà scomparire lontano alle sue spalle la casa che ha lasciato in Inghilterra, con le sue siepi curate e i prati opulenti che le appaiono ora di  un verde assolutamente intollerabile. Maryam ricorda anche con sgomento come negli anni successivi alla sua partenza   in Iran, nel 1979  la fuga dello Scià ha cambiato ogni cosa   e l’arrivo di Khomeini, ha ricoperto  tutto di nero riportando un mondo dalle soglie della modernità nel medioevo più profondo.


 


Mentre Maryam si trova in Iran la figlia Sara a Londra  elabora il lutto per la perdita del figlio e cerca, nel contempo, di  comprendere i motivi della fuga della madre. Nel far questo si rende conto di come siano radicate in lei  le tradizioni  da questa trasmesse. Rimasta sola a casa si aggira nel giardino ricordando gli odori e i sapori  che Maryam le ha insegnato ad apprezzare fin da bambina. Nella sua casa c'e sempre stato odore di cannella e di chiodi di garofano. Ricorda anche le vesti dell’Iran,  i chador di  stoffa leggerissima,  di mussola e chiffon a pois multicolori che la facevano sembrare una farfalla e con cui si ammantava allegramente. In tutto questo la fitta dell’assenza  della madre è forte ed in lei è presente il  ricordo di una frase che  diceva sempre “Se mi mostravo debole mi punivano. Per rendermi forte”.


 


Maryam ,  tornata in Iran e finalmente sollevato quel velo di dolore che aveva cercato di non vedere o di dimenticare, attraversato  il tempo come  in mezzo a tendaggi appesi fra una stanza e l'altra, dopo aver rivisto Alì  che ora fa il maestro e non si è mai sposato, decide di scrivere alla figlia per invitarla e per svelarle  finalmente il suo passato.


Sara sente dalla viva voce  della madre  quale alto prezzo Maryam ha dovuto pagare per ottenere la libertà nonché ascolta da lei il racconto  della terribile scena di violenza subita dal medico  il quale, dopo aver verificato, su richiesta del padre, la sua verginità, assieme agli altri soldati,  abuserà di lei.


A questo punto  Mayriam confessa alla figlia il desiderio di restare in Iran consapevole  ormai  del fatto che  l’Inghilterra è   solo  un  posto dove, pur non avendo il velo a coprirle  le orecchie, deve  concentrarsi con tutte le  forze per figurarsi che cosa si dice  e si pensa intorno a lei e come, oramai, sia  intollerabile non avere nessuno con cui condividere i ricordi del passato. Aver rivisto Alì è stato poi, come  spalancare le ali a quella farfalla che era rinchiusa dentro di lei.


 


Un libro molto bello, dal linguaggio semplice e diretto intenso e poetico, in un intrecciarsi continuo di luci e profumi di spezie,  dove il dolore e la collera fra un padre e una figlia si stemperano solo col trascorrere del tempo ed in cui il tentativo molto sincero e realista di unire due culture così diverse come quella iraniana e anglosassone sembra fallire totalmente. Soltanto Sara, figlia di  un’iraniana e di un inglese, nata e cresciuta in Inghilterra, sarà   capace di confrontarsi con la tradizione di un mondo antico come quello iraniano e con la contemporaneità del mondo anglosassone, riuscendo così ad amarli e a comprenderli entrambi.  E' quindi lei la prima vera figlia di una nuova cultura (anglo iraniana) dove sarà bello, significativo oltre che divertente, colorare “La cucina color zafferano” da cui trae spunto il titolo del libro.


 


A cura di Tania Maffei

Di 9gatti

Yasmin Crowther I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News