Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

IL NOSTRO NEMICO,LO STATO

“Lo stato e' un congegno per prendere denaro da un insieme di tasche e metterlo in un altro” Voiltaire “Dato che il ruolo del potere è troppo piccolo perchè ci si possano rannicchiare tutti insieme,esiste una eterna gara per vedere chi riuscirà a scacciare gli altri.A questo fine sono divisi in due partiti:quelli dentro e quelli fuori” Jefferson E' difficile negare che il saggista americano Nock(1870-1945) sia stato uno dei piu' significativi rappresentanti del movimento anarchico individualista al pari di Tucker,Spooner e Thoreau e abbia contribuito ad anticipare Rhotbard.Consapevole della rilevante influenza esercitata sulla genesi del suo pensiero da Spencer,Paine e soprattutto da Oppenheimer Nock -usando ora l'ironia ora il sarcasmo-muove una critica impietosa e radicale insieme non solo alla costituzione americana ma soprattutto al concetto stesso di stato.Se la politica roosveltiana viene letta come una variante dello statalismo autoritario europeo-i cui teorici l'autore individua in Hegel e Fichte-,se il centralismo di Washington viene letto come un palese tradimento della Dichiarazione e dei suoi presupposti giusnaturalistici,se il liberismo smithiano viene intepretato non come la difesa della liberta' di commercio ma come la giustificazione teorica dei possidenti terrieri e dei proprietari di filande,-e' perche' tutto cio' è la conseguenza diretta dell'affermarsi di quel mostruoso leviatano che e' lo stato che ha ridotto la societa' civile all'acquiscienza trasformandola in un solerte ed ubbidiente esercito in marcia.Storicamente la societa' civile ha inconsapevolmente trasferito la propria liberta' da un leviatano ad un altro-cioe' dalla chiesa allo stato-non rendendosi conto che l'istituzione statale e' sorta dalla confisca e dalla conquista determinando in tal modo una innaturale distinzione di classe ,una innaturale distinzione tra chi sfrutta e chi e' sfruttato, finendo per porsi al di sopra dell'individuo e della societa' e consentendo che al proprio vertice vi fossero veri e propri criminali di professione- usualmente noti con l'espressione demagogica di 'elite politica' -che abilmente hanno saputo creare un sistema clienterale dispensatore di benefici e favori.Se la societa' civile non sara' in grado di porre un argine allo stato,l'inevitabile conseguenza sara' la degenerazione nel collettivismo economico e nel dispotismo politico-militare.D'altronde-conclude ironicamente l'autore-lo stato ha avuto la capacita' di fare qualcosa di efficiente,disinteressato ed onesto nel corso della sua lunga storia?La risposta non puo' che essere interamente negativa.


GAGLIANO GIUSEPPE

Di prupitto

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News