Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

Versi e rime sulle cime

Sembra una favola, una di quelle storie in cui il caso ha un’importanza preponderante, ma invece è realtà, cioè non è un parto di fantasia.


Pensate, un ragazzo siciliano che si arruola nell’Arma dei Carabinieri e che in uno dei trasferimenti approda a Venezia. Lì, casualmente conosce una ragazza veneta, si innamorano e si sposano. Tutto qui? No, perché è evidente che sarebbe troppo poco. Infatti, la moglie gli fa conoscere le montagne dell’Agordino, Dolomiti tanto per intenderci, e lui si innamora un’altra volta, rimane folgorato dalla bellezza e dalla serenità dei luoghi, in poche parole scopre un mondo tutto nuovo che gli era sconosciuto.


Alla montagna, alle cime svettanti nel cielo, ai boschi ombrosi di larici, ai torrenti che scendono impetuosi e ai quieti prati alpestri Gaetano Gulisano dedica questo libro, Versi e rime sulle cime, in cui sono presenti racconti, nella prima parte propedeutica della seconda, e poesie, scritti tutti in una sorta di aria entusiasticamente trasognata e in cui si avvertono chiare le sensazioni e le emozioni provate di fronte alla straordinaria bellezza di questa natura.


E’ tanto l’amore per questi paesaggi che Gaetano non si accontenta delle parole, ma vuole immortalarli, per sé e per gli altri, in splendide fotografie, che si alternano nelle pagine, fra un racconto e una poesia.


Non c’è nulla di questa natura che sfugga all’occhio attento dell’autore, che ne coglie l’essenza emotiva, trasferendola in righi che non perdono nulla dell’originaria scintilla che ha pervaso il suo animo, anzi spesso si ha l’impressione che il ripensare a visioni, a incanti, magari improvvisi dopo una curva del sentiero, finisca per fargli riavvertire quell’emozione, rendendolo consapevole di aver tesaurizzato la magia delle montagne.


 


L’odore acre delle


feconde vacche,


colme del bianco


e vitale nettare.


 


 


E’ un mondo visto con occhi nuovi, dove prevale il positivo e in cui immergere cuore e anima è motivo di gioia senza limiti, così che anche nelle piccole cose, purché inserite in quel contesto,  si provi il piacere immenso di essere lì.


 


Stanchi i pastori alle casere  stanno,


mungendo dai loro greggi il bianco latte


fieri di aver l’essenza reso al monte.


 


Non solo natura, ma anche l’uomo con i suoi lavori dei campi, con la mungitura e con la fabbricazione dei formaggi rientrano in queste pagine di spontaneo lirismo, dove tutto sembra, e probabilmente è, in un ordine armonioso, con l’uomo parte integrante e rispettosa del creato.


Nulla è tralasciato, e così fra alpeggi, cascate, ghiacciai, boschi, mucche al pascolo Gaetano si racconta e ci racconta la “sua” montagna, che così diventa anche nostra, un motivo in più per leggere questo libro.


 

Di Renzo.Montagnoli

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News