Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

Invincibili

Quando vidi “2001 Odissea nello spazio”, il celebre film di Stanley Kubrik, rimasi fortemente impressionato dalla capacità del regista inglese di narrarci la genesi dell’umanità fino al suo compimento finale.


Analogo stupore ho ritratto dalla lettura di Invincibili, di Jolanda Catalano, un vero e proprio poemetto sull’evoluzione della specie, attuata con continue dilatazioni temporali che colgono gli aspetti essenziali dello sviluppo dell’essere umano, con stacchi sul passato e proiezioni sul futuro, in una continua e costante tensione armonica che riesce ad avvincere e a coinvolgere il lettore.


Dalla nascita della vita alla conoscenza prima animalesca dell’amore, poi alla sua sublimazione, è un percorrere poeticamente e con estrema capacità di sintesi la storia dell’uomo, di questo essere dapprima inconsapevole di esistere e che poi prende possesso della sua realtà oggettiva in una visione soggettiva che gli fa credere di essere l’unico, imponente, importante, sovrano assoluto del mondo.


La scoperta, o meglio le scoperte, in un essere che crede di essere invincibile della sua estrema vulnerabilità, non solo ai fattori esterni, ma alla sua dimensione intima, a quella sfera psichica che tende a esaltarlo, ma anche a deprimerlo, sono versi di accorata impotenza, la constatazione della nullità del suo smisurato orgoglio ( Non ti dirò di tutte le vergogne / che videro i miei occhi nel passare, / sappi soltanto che l’animale è buono / e l’uomo invece è perfido e crudele. /…).


Questa immagine riduttiva della propria capacità conduce l’uomo alla ricerca di chimere, a sprofondare nei sogni che esulano la realtà, in un viaggio, novello Ulisse, che non porta da nessuna parte se non a un malinconico ritorno a se stessi, con il rimpianto di quanto si è perso del poco che si aveva e che pur invece è tanto ( E piansi, finalmente piansi, / a lungo prostrato su me stesso / e mai un pentimento fu così grave / mai più ci fu una nave per il ritorno. /…).


Ciò che si è perso nel tempo non ci verrà restituito dal tempo, ciò che credevamo superbamente di essere sarà il motivo della nostra rassegnata sconfitta. Invincibili non eravamo, né mai lo saremo, e anche se il volo poetico è pura illusione, un separarsi dalla realtà per trascorrere inconsapevolmente dei giorni forse perduti, è l’unico che può dare un senso compiuto alla vita.


Non aggiungo altro, se non l’invito a leggere questi versi stupendi, accostati in un’armonia di grande effetto, e che alla fine, nella consapevolezza della nostra imperfezione, ci pervaderanno di un profondo senso di serenità.  


 

Di Renzo.Montagnoli

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News