Recensioni libri

Monica Farnetti

Monica Farnetti biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Monica Farnetti

Monica Farnetti

TUTTE SIGNORE DI MIO GUSTO

Monica Farnetti TUTTE SIGNORE DI MIO GUSTO
Monica Farnetti TUTTE SIGNORE DI MIO GUSTO

Luana Trapè


 


Tutte signore di mio gusto, di Monica Farnetti, La Tartaruga, 2008


 


Un libro indispensabile per chi si occupi di scrittura (non soltanto femminile), e condivida le preferenze dell’autrice per le scritture “necessarie”, quelle che “non solo collaborano alla trasformazione del mondo, ma di colpo lo sovvertono … agiscono insomma profondamente e con forza sulla polis.”


Le “signore” sono state scelte, oltre che per l’attrazione dell’opera, anche per la circolazione tra loro di idee ed esperienze che istituiscono un’affinità, una correlazione, la condivisione di un tessuto comune: prima di tutto “la centralità dei corpi, la cura del mondo e la relazione con l’universo.” E poi il loro sguardo sempre vigile sulla scrittura, “la coscienza storica e la volontà politica di dare inizio, svolgimento e nutrimento a un’altra letteratura, la quale, rispetto a quella di tutto il passato, cambia il modo di pensare la vita e di stare in contatto con lei.” Una parola sempre strettamente connessa al pensare, dunque, ma un pensare “che lascia spazio all’impensato e al pensare altrimenti.”


Il panorama geografico e storico, molto ampio, scorre da Colette a Azar Afisi, passando attraverso Anna Maria Ortese, Dolores Prato, Cristina Campo, Fabrizia Ramondino e altre. Nel breve corso delle pagine di ciascuna appare un ritratto nitido e illuminante (spesso con tocchi inediti) che amplia e completa la conoscenza che se ne aveva, o la costruisce in pochi tratti; un modo di procedere che avvicina “la signora” per farne cogliere qualità insospettate, oppure la allontana, per delineare un tutto tondo: prossimità e distanza.


In Virginia Woolf e la scrittura saggistica femminile è contenuta un’aperta dichiarazione d’intenti sul modo di concepire tale tipo di scrittura da parte dell’autrice. Se dall’etimologia del termine saggio risulta il significato di “prova ed esperimento, misurazione e verifica…”, ebbene, si può affermare che Farnetti si misura mentre misura; ponendosi di fronte alla Woolf e alle altre come in uno specchio, argomentando della scrittura altrui, dipana le ragioni della propria. “Il saggio è un mettersi alla prova, attraverso la lingua, su un dato argomento; è la verifica e insieme la ricerca, di un sapere su qualcosa; è infine l’esercizio del gusto” (un evidente richiamo al titolo, questo). Della scrittura saggistica delle donne peculiare è inoltre l’attenzione alla figura di lettrice/ lettore - continua l’autrice, accogliendo la teorizzazione “anche in ambito ermeneutico, di una postura femminile fondata sul partire da sé, sulla relazione con l’altro/a, e su un’esperienza intellettuale che ha radici nel sentire e che si esprime nelle pratiche”.


I testi contengono notazioni dense da appuntare e meditare, come quelle su tempo e spazio. Della scrittura di Dolores Prato (D. P. una piazza tutta per sé) - in grazia di una relazione “di grado più elevato” da parte delle donne col tempo “classico” - Farnetti sottolinea la capacità di opporsi alla disgregazione infinitesimale apportata dal tempo, “restituendo la parabola di una vita tramite l’accumulo di queste particelle in nome di una precisione, di una capillarità e di una meticolosità che sono indispensabili quando si voglia rendere conto di una vita”. Quanto allo spazio, ecco evidente lo spasmodico desiderio (tipicamente femminile) di un spazio più ampio, privo di delimitazioni prestabilite, “non disordinato”, ma ordinato in una nuova organizzazione “aderente agli affetti e disponibile all’accadere”.


In ogni ritratto, partendo dall’indagine sulla scrittrice di turno, si prendono di petto questioni culturali affascinanti e spinose, per le quali si suggerisce e si costruisce, non una soluzione, ma almeno una maniera di affrontarle. È il caso del concetto di canone: di comportamento, di pensiero, di scrittura, prescindendo dal quale si rischia di finire fuori dai manuali letterari e dalla memoria dei propri compagni di strada, come avviene a Joyce Lussu (J. L., l’ eccentrica). Farnetti si chiede se sia possibile coniugare “l’ideologia del canone con la libertà femminile, che è relazionale e non individualistica,” oppure conciliare “la storia, sinonimo di durata e contrario di assenza … con la storicità originale della tradizione femminile … che a ogni passo tradisce il passato mentre lo riconosce e gli è riconoscente…”. Una risposta può venire proprio dalla Lussu (che dell’eccentricità ha fatto il proprio contrassegno), nella proposta di “assunzione di modelli non canonici, ma semmai canonizzanti.” Ciò non toglie che il saggio termini con la riproposizione del dubbio iniziale: “se gli eccentrici, e le eccentriche ancor meglio, debbano sempre chiedere il permesso per entrare nei manuali, fornire prove della propria attendibilità, documentare con rigore la propria grandezza”. 

Di periferie

Monica Farnetti I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Monica Farnetti
Dolceridente. La scoperta di Gaspara Stampa
Dolceridente. La scoperta di Gaspara Stampa

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News