Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

Afrodite - Internòs Edizioni - 2

Una storia di raffinata e crudele sensualità nell’Egitto di Berenice

Prima di tutto qualche nota sull’autore:
Pierre Louÿs (1870-1925), condotto a Parigi fanciullo, vi rimase per tutta la vita, legandosi d’amicizia particolarmente con André Gide, che era stato suo compagno di scuola, e con Paul Valery.
Cominciò prestissimo a scrivere versi e nel 1891 si rivelò poeta di tendenze parnassiane nel suo primo volume Astarté.
Tradusse i poeti greci e fu a sua volta poeta di forma pura. Così quando nel 1894 pubblicò le sue “poesie in prosa” intitolate Le canzoni di Bilitis non gli fu difficile farle credere opera di un’ignota poetessa contemporanea di Saffo da lui soltanto tradotta.
Il suo romanzo di maggior successo, Afrodite, fu pubblicato nel 1896.
Ebbe una grande influenza sui letterati del suo tempo, in Italia in particolare su D’Annunzio.
Le Canzoni di Bilitis furono musicate da Debussy e dal romanzo d’ambientazione spagnola La donna e il burattino il regista Von Sternberg ricavò un celebre film interpretato da Marlene Dietrich.

AFRODITE è considerato unanimemente un capolavoro della letteratura erotica.
Considerato licenzioso dalla morale dell’epoca, narra una vicenda che si svolge nell’antica Alessandria, al tempo della regina Berenice, sorella di Cleopatra.
Lo scultore Demetrio, amante della regina e idolo di tutte le donne, incontra una sera una tra le più belle cortigiane della città, la galilea Chrysis. L’amore per lei lo induce a cedere al capriccio dell’ambiziosa ragazza che gli chiede, come prezzo delle sue carezze, di compiere azioni che condurranno entrambi verso un destino segnato dal delitto e dal sangue di vittime innocenti.

Nota conclusiva: di questo romanzo sono il traduttore: è stato un lavoro durissimo. Per fare un esempio, potrei dire che è stato come, per un francese, tradurre D’Annunzio nella propria lingua. L’autore usa un vocabolario raffinatissimo, con continui richiami al greco classico. Basti pensare alla ricostruzione di luoghi, usi e costumi dell’antico Egitto, compresa la gastronomia. Ne valeva la pena, però, perchè il romanzo è veramente affascinante e credo sia giusto averlo riproposto ai lettori italiani.

Di goffredo

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News