Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

L'Italia in vacca

Un libro come questo è una di quelle piccole scoperte di cui un lettore appassionato va orgoglioso. "L'Italia in vacca" è un breve saggio, forse non ancora noto al grande pubblico, edito da una piccola casa quale Aliberti, e non facilissimo da trovare in libreria, nonostante i media abbiano iniziato ad interessarsene (l'ho conosciuto grazie ad una recensione sul Riformista).
Questo interesse è decisamente giustificato: l'autore infatti è molto giovane, generazione '80, e affronta la crisi italiana da una prospettiva molto particolare, forse derivante dal suo percorso di psicologo sociale, e porta alla luce, in modo ironico ma talvolta anche molto profondo, tanti aspetti del decadimento italiano nella vita quotidiana.
Il libro si apre con una prefazione di Pier Luigi Celli, che augura a Caselli di mantenere la sua "capacità di devianza", ed è proprio questo il punto di forza dell'autore: sapere uscire dal malcostume italiano ormai metabolizzato per criticarlo aspramente. Mi viene in mente Svevo: in una società folle, è il sano ad apparire tale. Ed è questo il pregio della devianza di Caselli, la cui fluidissima prosa conduce il lettore di fronte a un grandissimo problema: l'etica perduta.
Ma Caselli, sebbene in grado di trattare temi di così alto spessore, sembra non volere mai lasciarsi andare a speculazioni troppo teoriche o noiose. Il libro è infatti organizzato come una sequenza di brevi temi, con titoli divertenti (sulla scia di quello in copertina), quali "La mia azienda non fa surf", "L'innovazione e la coda del pavone", "Dio è morto ma per fortuna c'è spiderman", "Il maschio attrae le femmine, Amazon i clienti" e via discorrendo. Ogni argomentazione porta con sè dei riferimenti continui al quotidiano, alla televisione, a personaggi di cronaca, per un libro ben lontano da certi trattati accademici, e invece vicinissimo alla realtà di ciascuno.
L'unica critica che si può muovere all'autore è forse quella di aver eccessivamente condensato tante riflessioni in un pamphlet (anche se innegabilmente il ritmo ne risente positivamente), quando molti spunti meritavano un maggior approfondimento, vista la lucidità e l'appropriatezza con cui sono stati individuati. Speriamo possano costituire materiale per un prossimo libro, visto che questo giovane promette davvero bene.

Di Estragon

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News