Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

La zia di Lampedusa

     Suscita ancora interesse un giallo che, senza indugiare al (cattivo) gusto del macabro e del truculento non sia farcito di schizzi di sangue e di brandelli di carne umana?


   Sulle tracce di quei modelli che tanto successo ebbero quasi mezzo secolo fa,  questo è un tentativo di riscrivere il “giallo classico perbene” ove  i personaggi di oggi, sulle orme lasciate da quelli di ieri, ripetono, ora come allora, le stesse intenzioni e le stesse azioni. La storia (pur gravata di ingredienti drammatici e attuali) fa riecheggiare, dal fondo della memoria sopita, il suono di lievi e antichi ricordi. Pur mutando contesto, tempi, luoghi e persone, qualcosa permane di magicamente immutato: così nella Sicilia di oggi, come nella vecchia campagna inglese di ieri, i palpiti del cuore, le emozioni e i sentimenti, resistono alla corrosione del tempo come costanti universali intatte: proprio come fari rassicuranti, nel mare tempestoso dell’esistenza.


     I titoli dei capitoli sono stati sostituiti con i titoli di canzoni che si possono considerare ormai, a tutti gli effetti, parte integrale del patrimonio artistico e culturale delle isole Pelagie: sono quasi tutte di Claudio Baglioni (ad eccezione dell’ultima che è di Domenico Modugno).  L’attinenza fra titoli e contenuti è un enigma che si svela di volta in volta (per chi non conoscesse i testi) con l’ausilio di alcuni versi riportati alla fine di ogni capitolo. È un doveroso omaggio a coloro che per primi hanno “scommesso” con l’impiego del loro talento, puntando ad un’opera di concreta valorizzazione delle Pelagie.


    Infatti, dietro la trama, affiorano le condizioni di precaria emergenza delle isole minori che coronano la Sicilia, ove i cittadini vivono subendo la condizione di “dimenticati dallo Stato”, di cittadini di serie B. Il loro isolamento paradossalmente contiene in sé il seme di una grande ricchezza, e potrebbe germogliare, se solo alcune risorse venissero impiegate con più attenzione. Parallelamente scorre il dramma dell’emigrazione clandestina con la condizione dei “dimenticati dal mondo”, che produce un altro paradosso tutto italiano: piaga, ma contemporaneamente risorsa che, provvidenzialmente, colma alcuni vuoti occupazionali tanto vitali quanto disattesi.


     È il tema essenziale intorno al quale si dibatte, e si stenta, per trovare un accomodamento giuridico soddisfacente, che attui il proposito già lanciato in versi e musica, proprio a Lampedusa, da Baglioni:  “Fa che il prossimo tuo sia non soltanto chi ti è accanto, ma anche il prossimo che verrà qui”.


 

Di laziadilampedusa

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News