Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

Raimondo Mirabile, futurista

Già dalle prime pagine l’IO narrante, rappresentato da Gregorio Valli, il maggiordomo di Raimondo Mirabile, l’effettivo protagonista, mi ha fatto venire in mente un altro personaggio, Archie Goodwin, il segretario di Nero Wolfe; poi, nello svolgimento della trama, un vero e proprio feuilleton ambientato in una fosca Milano degli inizi del secolo scorso, l’autore ha attinto a piene mani ad altri generi e sottogeneri. Così, nell’ambito di una vicenda di extraterrestri e quindi propria della fantascienza, si innestano, oltre a elementi del giallo, anche aspetti e situazioni tipiche del gotico, dell’esoterico, con una puntata nell’atmosfera dello steampunk. Nasce così un curioso cocktail in cui Graziano Versace sembra trovarsi, tutto sommato, a suo agio e di questa costruzione narrativa il lettore non potrà che essere appagato, costantemente teso a scoprire come i nostri eroi riusciranno finalmente a sventare una diabolica cospirazione messa in atto da esseri alieni. Giova molto, peraltro, l’agilità di una scrittura dal tono velatamente distaccato, quasi di epoca vittoriana, che più che tendere a drammatizzare induce ad alimentare una curiosità sull’evolversi della vicenda che cresce progressivamente, fino a quasi il parossismo delle pagine finali, con una discesa in una cripta, gigantesca, di una tomba monumentale del cimitero di Milano in cui ritroviamo strumenti e macchinari tipici dei romanzi di Jules Verne Viaggio al centro della terra, Dalla Terra alla Luna, L’isola misteriosa e Ventimila leghe sotto i mari.


L’impressione è così di immergersi nei ricordi delle letture della giovinezza, allorché attiravano maggiormente le avventure narrate dallo scrittore francese anziché quelle di Asimov, forse perché le prime avevano un sapore pionieristico, quasi artigianale, meno tecnologico del mondo dei robot.


Oggi la fantascienza è una proiezione della scienza nel futuro ed è quasi scontato che un giorno sarà così, ma il sapore di qualche cosa che sembra più dimensionato all’uomo si ritrova in opere come quelle di Verne, di Wells e anche in questo piacevolissimo romanzo di Versace.


Peraltro, il richiamo al futurismo non è solo opportunistico, vista l’epoca, ma va ben oltre e sembra avere un significato profetico, con quel delirio di volontà e di potenza con il quale gli alieni intendo asservire i terrestri. Le loro parole circuiscono, nel dire una cosa se ne imprime un’altra nelle menti, un’allusione all’attuale comunicazione televisiva che non libera, ma assoggetta.


Fra trovate geniali, come quella dell’olio sostituito al sangue, e altre con vaghi richiami letterari, come la serata futurista, è un salto nel passato per comprendere il presente, e, secondo me, sta in questo la reale grandezza del romanzo, peraltro godibilissimo anche come letteratura fantastica.


Da leggere, non ve ne pentirete.                


 

Di Renzo.Montagnoli

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News