Recensioni libri

Daniele Gogliettino

Daniele Gogliettino biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Daniele Gogliettino

Daniele Gogliettino

La verità vi farà liberi - Tracce di fede

Daniele Gogliettino La verità vi farà liberi - Tracce di fede
Daniele Gogliettino La verità vi farà liberi - Tracce di fede

“Distratto dalla frenesia e dal caos del vivere moderno, non ha neanche il tempo di fermarsi a pensare, a riflettere. L’uomo di oggi è tanto occupato a cercare una soddisfazione personale che non ha neanche il tempo per domandarsi in fondo che cos’è questa felicità e questo bene che tanto brama. È distratto ed è ‘ubriacato’ dalla sua ansia, di volere, di potere, di sapere”. È una delle tante frasi che hanno colpito la mia attenzione quando ho incominciato a leggere, dopo averlo adocchiato sul bancone della libreria, il saggio dell’autore emergente Daniele Gogliettino. Di solito non compro libri senza essermi prima informata sui contenuti, ma se da una parte il commesso, percependo la mia indecisione, è corso in mio aiuto consigliandomene la lettura; dall’altra sono stata attratta, e lo confesso con una certa ingenuità, dalla sensazione di libertà e di calore che ho provato nel guardare la copertina. Ma le attese iniziali sono state ampiamente ripagate. Il libro si snoda veloce attraverso ventidue capitoli, ognuno dei quali non occupa più di una decina di pagine. L’opera è composta da 145 pagine ed è alla prima edizione (novembre 2010). Gli argomenti trattati trovano una loro naturale collocazione all’interno dei singoli capitoli, strutture indipendenti e fruibili anche singolarmente. Si creano spazi di riflessione alla fine di ogni sezione, e il tutto si innesta in un percorso omogeneo che dalla premessa ci conduce sino all’ultimo capitolo. Durante la lettura le nostre attese crescono. Anche se stiamo parlando di un saggio che tratta argomenti religiosi e filosofici, l’autore non annoia mai; anzi riesce ad affrontare, con una spiccata abilità narrativa e una disarmante semplicità, temi quali il senso di colpa, il peccato o l’inferno, che risulterebbero ostici anche ai professionisti del settore. Gogliettino si domanda e ci domanda se la religione cristiana può oggi rispondere ai bisogni più profondi dell’essere umano. L’amare, il sentirci amati e la felicità sono le grandi aspettative che nascono all’interno di ogni individuo, ma che nella nostra modernità sembrano due chimere che si perdono nel tempo. Gogliettino esige aiuto dai grandi pensatori della storia, sia atei che cristiani - cita espressioni di filosofi, psicologi, scienziati, poeti, grandi umanisti del passato e importanti scrittori del presente – e ci conduce in una originalissima ma quanto mai spiazzante riflessione critica. Il tutto avviene alla luce della propria esperienza personale, in modo che da un piano puramente speculativo, si passa di volta in volta agli aspetti più concreti e quotidiani degli argomenti. Il momento culminante del libro è rappresentato dall’idea che ancora oggi è possibile incontrare Dio, poiché la religione cattolica non è la fede in un libro ma in un incontro, in una mano che si avvicina alla tua senza chiedere nulla in cambio. Il saggio è indirizzato a chi cerca nuovi elementi per ritrovare una fede smarrita o compromessa, ma anche al non credente, per i tantissimi spunti di riflessione. L’inquietudine che si fa strada nei nostri pensieri e le passioni che sperimentiamo nella nostra vita cercano una risposta che chiama in causa tutte le capacità del nostro essere sia spirituale che intellettivo e razionale, e che sia convincente per ogni singolo individuo. Gogliettino ci spinge alla riflessione e ci dice che: “La banalità moderna consiste proprio in questo: nella mancanza di idee sulla vita, sugli altri, su noi stessi. E’ nell’apatia e nell’indifferenza moderna che l’uomo si chiude in se stesso, pensa solo a sé e commette appunto il più grande dei peccati, quello di sottrarsi all’amore che gli viene donato”.

Di adapunzo

Daniele Gogliettino I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News