Recensioni libri

biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione

L'eredità di iside

Ho acquistato questo libro dopo aver letto una bella recensione su internet e, mi vergogno unpo' a dirlo, per la copertina molto bella.
Il crollo di una parete nelle catacombe cappuccine di Palermo svela un cantuccio e una vecchia Bibbia, testa di ponte di un viaggio programmato da un frate vissuto in un’altra epoca. Tale Bibbia è un primo indizio, la cima di una fune che i membri di un’organizzazione segreta operante in scala internazionale non mancheranno di afferrare. Si apre così una caleidoscopica narrazione e una sorta di caccia al tesoro che condurrà i protagonisti di ‘L’eredità di Iside’ ad un lungo e pericoloso pellegrinaggio. Di nazione in nazione, da indizio a indizio.
Le previsioni catastrofistiche di Al Gore e di buona parte della scienza contemporanea dicono che se il surriscaldamento globale non verrà arrestato, i paesi scandinavi saranno tra i primi a sparire. Ecco dunque nascere il GRIV, una branca dei servizi segreti svedesi, pronta a combattere l’emissione di gas serra e l’inquinamento ambientale in scala globale. L’ambientalismo per la stessa sussistenza; La salvaguardia della natura per la conservazione della propria vita.
L’io narrante, agente segreto futuropatico, condurrà così il lettore per l’Europa e l’Africa e infine nella foresta pluviale d’Ituri dove le due correnti investigative del romanzo troveranno risposte. Da un lato le ricerche sul misterioso frate, detentore di un segreto ingombrante; dall’altro la salvaguardia del grande lago Vittoria, messo in pericolo sul fronte ugandese dalle mire delle compagnie minerarie.
L’eredità di Iside vive di thriller, mistery, noir, avventura. È un romanzo impossibile da incanalare in un solo genere. È romanzo storico e di denuncia. È una superba narrazione psichedelica. Come mettere nel cesto la scientificità di Rollins, le sinistre scenografie di Dan brown, la crudezza di Bunker, il nervosismo di Quentin Tarantino e frullare il tutto. Rifinite il risultato con spruzzate di Pinketts e ciliegina alla Clusker e avrete un’idea di questo libro succulento.
Chi sono i pigmei dagli occhi di gatto? Da dove deriva la loro belluinità? Quali misteri nasconde il diario di guerra di Pernille Christensen? Tutto si compie in un turbinio d’emozioni; il velo infine cadrà e l’eredità di Iside, insieme al suo volto, sarà rivelata.
In definitiva un libro che mi ha appassionata, fatto partecipare attivamente ad una serie di enigmi ingarbugliati che però nel finale hanno trovato risposta. consigliatissimo

Di antonella83

I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News