Recensioni libri

Elfriede Jelinek

Elfriede Jelinek biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20347

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

 

Recensione Elfriede Jelinek

Elfriede Jelinek

La pianista - recensione

Attenta alle ipocrisie ed alle false certezze della borghesia, Elfriede Jelinek, premio Nobel per la lettura nel 2004, scrive un romanzo impietoso e disperato.
La protagonista del libro, Erika kohut, vive una relazione simbiotica con la madre.
Fin da piccola Erika è stata educata a diventare una grande pianista, la sua vita è stata immolata alla musica.
L'unico spazio che le viene concesso è lo studio del pianoforte. Tutte le esperienze naturali di un'adolescente, le esperienze con l'altro sesso e la scoperta di se stessa come donna vengono castrate dalla madre gelosa di perdere l'amore della figlia.
Il padre è malato di mente ed è stato internato in un manicomio. La madre ha soltanto Erika e farebbe di tutto per trattenerla con sè.
Madre e figlia dormono nello stesso letto matrimoniale a sottolineare come la figlia ha assunto il ruolo del marito nella famiglia.
Un fiasco durante un importante concerto per la carriera di Erika, la costringerà a rinunciare ai sogni di successo e diventare una semplice insegnante al conservatorio.
Perduta la possibilità di una piena maturazione sessuale, Erika ricerca la propria sessualità femminile nel voyerismo in spettacoli di peepshow e spiando le coppie tra gli alberi del Prater.
Sfoga l'aggressività verso l'altro sesso da cui si sente tradita con atti di automutilazione, gli unici che riescono a darle piacere.
Istruita per diventare una donna di successo è costretta a ricadere nella mediocrità ed anche l'amore dovrà scadere in una insoddisfacente e devastante perversione.
Gli istinti sessuali repressi si manifestano sotto forma di desideri distruttivi e sadomasochistici. Il rapporto con la madre è di amore ma un amore fagocitante che non risparmia liti frequenti e furibonde.
L'equilibrio viene travolto dalla relazione con lo studente del coservatorio Walter Klemmer.
Erika vuole dettare le regole di questo amore e le mette per iscritto in una lettera che consegna al giovane.
Il giovane Klemmer rimane sconvolto e turbato dalle richieste sadomasochistiche della lettera. Vede distrutto il proprio amore dalle richieste ripugnanti di questa donna che non riconosce.
Non capisce che la lettera di Erika è un'ultima disperata richiesta d'amore e che non desidera realmente essere picchiata.
Walter Klemmer, ferito nel proprio orgoglio, sfoga la propria rabbia su Erika. La picchia e la violenta come lei gli ha scritto, non potendo capire nella propria furia narcisistica, che i desideri di Erika erano opposti alla fantasie descritte.
Erika viene sopraffatta e l'ultimo tentativo di trovare finalmente l'amore viene distrutto in modo drammatico.
Erika dovrà tornare nella propria solitudine e nell'indifferenza della società che l'ha espulsa come un rifiuto.



di Beat Blue

Elfriede Jelinek I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

 

Ultimi libri pubblicati di
Elfriede Jelinek
La pianista
La pianista

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Premio Sulmona di giornalismo
[28-09-2018]
Mangia come scrivi: e la cena diventa spettacolo
[17-09-2018]
settimana dal 17 al 21 settembre 2018 a Fahrenheit
[17-09-2018]
La settimana di Fahrenheit
[11-09-2018]
Portoday 2018 una giornata dedicata alla scrittura a Treviso
[11-09-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedi 3 settembre
[01-09-2018]
Riapre il Cinema Spazio Oberdan di Milano dal 16 agosto. Il Programma
[17-08-2018]
La prossima settimana a Fahrenheit da lunedì 13 agosto
[10-08-2018]
Leggi le altre News