Recensioni libri

Albert Einstein

Albert Einstein biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20377

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Albert Einstein
Albert Einstein
Modifica bioCronologia

Albert Einstein (1879 - 1955). Einstein, nato nello stesso anno dei due altri grandi scienziati premi Nobel Otto Hahn e Max von Laue, trascorse la prima giovinezza a Monaco educato nel rigido sistema scolastico bavarese. Nonostante alcune dicerie, era un buon studente, soprattutto nei riguardi della matematica e della fisica, difficilmente riconducibile a un genio in gioventù, specie per certe difficoltà nella prontezza dei riflessi e nella capacità oratoria. In una intervista verso la fine della sua vita disse che le parole gli erano alcune volte di impedimento al pensiero e che le sue intuizioni erano talvolta piuttosto lente, in quanto spesso cominciavano a prendere forma con delle immagini prelevate da alcuni Gedanken Experimenten (esperimenti mentali). Dopo un breve soggiorno a Milano si trasferì a Zurigo, dove continuò gli studi fino al dottorato in matematica e fisica presso il Politecnico. Dopo la laurea continuò a dedicarsi intensamente ad alcuni problemi di fisica teorica, anche quando, per risolvere le difficoltà economiche più immediate, prese la cittadinanza svizzera per assumere un modesto impiego presso l?Ufficio Brevetti di Berna. Anche se si trattava di poca cosa, e non certo di una prestigiosa cattedra universitaria, era ciò che ci voleva per iniziare un nuovo modus vivendi. Proprio in quel periodo, infatti, il giovanissimo Einstein (certe rivoluzioni concettuali le possono spesso fare soltanto i giovani) realizzò alcuni fra i più sorprendenti sconvolgimenti teorici nella storia delle scienze. Nel 1905 pubblicò sugli Annalen der Physik tre articoli, il primo sui quanti di luce, il secondo sul moto browniano, destinato a confermare in modo definitivo l?atomicità della materia, il terzo sui fondamenti della relatività ristretta. Questi ormai storici lavori furono l?avvio di una lunga e brillante carriera accademica, iniziata a Zurigo e proseguita in terra tedesca fino al 1932 quando, a causa delle persecuzioni antisemitiche naziste, fu costretto ad abbandonare la Germania per essere accolto a braccia aperte in USA. Einstein, naturalizzato cittadino americano, si stabilì a Princeton, dove insegnò presso l?Institute for Advanced Studies fino al 1945, anno del suo ritiro dall?attività accademica. Indubbiamente, specie per un uomo mite e semplice, la vita di Einstein, almeno fino al 1932, fu alquanto tumultuosa; alcune frasi tratte dalle sue memorie e dalle sue lettere sono, a questo proposito, significative: ?Sono un uomo senza radici?, ?Un viaggiatore solitario?, ?Non è molto importante dove ci si stabilisce?, ?L?ideale per un uomo come me è quello di sentirsi a casa sua ovunque con i suoi cari? anche se non sono mai appartenuto al mio paese, ai miei amici o alla mia famiglia, con tutto il cuore?. Nella storia del potere creativo del pensiero umano Einstein rappresenta un simbolo, un personaggio che ha colpito la fantasia della gente, uno scienziato che ha dato un alto e qualificato contributo allo sviluppo della fisica moderna. La sua posizione di fronte alla scienza è sintetizzata da queste parole, tratte da un suo scritto: ?Con l?aiuto delle teorie fisiche cerchiamo di aprirci un varco attraverso il groviglio dei fatti osservati, di ordinare e intendere il mondo delle nostre impressioni sensibili. Aneliamo che i fatti osservati discendano logicamente dalla nostra concezione della realtà. Senza la convinzione che con le nostre costruzioni teoriche è possibile raggiungere la realtà, senza convinzione nell?intima armonia del nostro mondo, non potrebbe esserci scienza?. Quest?uomo che disprezzava la violenza e la guerra fu, suo malgrado, doppiamente coinvolto nella realizzazione della più terrificante arma utilizzata nell?ultimo conflitto mondiale. Einstein, infatti, oggi viene considerato dall?opinione pubblica (senza alcuna realtà storica) il padre putativo della bomba atomica: in primo luogo perché uno dei risultati della teoria della relatività, riguardante la cosiddetta equivalenza massa-energia (E = mc^2), doveva rappresentare il punto di partenza del successivo sviluppo dell?energia nucleare; in secondo luogo perché si deve al suo intervento (voluto da altri) e al peso della sua autorità scientifica se il governo degli Stati Uniti d?America mise a disposizione i colossali capitali che portarono alla costruzione (progetto Manhattan) della bomba che fu lanciata su Hiroshima. Nella storica lettera del 2 agosto del 1933 inviata da Einstein al Presidente Roosevelt si legge tra l?altro: ?Alcuni recenti lavori di E. Fermi e di L. Szilard, che mi furono presentati manoscritti, mi convincono che l?elemento uranio possa essere usato come nuova e importante fonte di energia, una sola bomba??. Tornando alle ricerche teoriche di Einstein, dobbiamo ricordare la classica memoria apparsa nel 1916, Die Grundlagen der allgemeinen Relativitätstheorie (I fondamenti della teoria della relatività generale), frutto di oltre dieci anni di studio. Questo lavoro, considerato dallo stesso autore il suo maggior contributo scientifico, riuscì fra l?altro a spiegare alcuni effetti prodotti dai campi gravitazionali, come le deviazioni dell?orbita del pianeta Mercurio, la curvatura dei raggi luminosi e il cosiddetto spostamento verso il rosso delle righe spettrali della luce proveniente dal Sole. A parte qualche primo lavoro giovanile, tutta l?opera di Einstein praticamente è rivolta alla geometrizzazione della fisica. Fino agli ultimi anni di vita egli tentò più volte di elaborare una teoria unitaria dei campi, una teoria capace, cioè, di unificare su una comune base geometrica i fondamentali campi allora meglio conosciuti: il campo gravitazionale e quello elettromagnetico. Nonostante lo sforzo di elaborazione teorica, i risultati non furono quelli sperati. ?La natura non si lasciò convincere a fare ciò che forse non è nella sua stessa natura?. Grande fu anche l?impegno di Einstein nel cercare di presentare in forma accessibile al più largo pubblico i concetti più significativi delle sue qualificate ricerche. Spesso soleva affermare che nessuno pensa con le formule e che le idee fondamentali della fisica si possono anche esprimere in forma chiara, semplice e intuitivamente logica, in modo che queste idee possano incidere sul costume, sul modo di pensare e sul senso comune della gente. Nella prefazione di una sua monografia a carattere divulgativo (Relatività: la teoria speciale e generale) afferma: ?Il libro è scritto per coloro? che non hanno conoscenza del formalismo matematico? Per raggiungere la massima chiarezza mi è parso inevitabile qualche volta ripetermi; senza avere la minima cura per l?eleganza dell?esposizione ho scrupolosamente seguito il precetto del geniale fisico L. Boltzmann, secondo cui i problemi dell?eleganza vanno lasciati al sarto e al calzolaio?. Dopo la Seconda guerra mondiale, Einstein cercò in tutti i modi di favorire la pace nel mondo, promuovendo una vasta campagna popolare contro la guerra e le persecuzioni razziste. Proprio una settimana prima della sua scomparsa, unitamente ad altri sette premi Nobel, compilò insieme a Bertrand Russell una dichiarazione pacifista contro le armi nucleari. Questo messaggio postumo all?umanità, che rappresenta una specie di testamento spirituale dello scienziato, termina con queste parole: ?Noi rivolgiamo un appello come esseri umani a esseri umani: ricordate la vostra umanità e dimenticate il resto. Se sarete capaci di farlo è aperta la via di un nuovo paradiso, altrimenti è davanti a voi il rischio della morte universale?. Per concludere vogliamo sottolineare come l?idea della morte non lo turbava molto; spesso diceva che se ognuno riflettesse sulla ineluttabile realtà della fine a cui è destinata l?umanità, forse gli uomini cambierebbero in meglio il loro modo di vita. Alcuni mesi prima di morire, già fortemente ammalato, disse: ?voglio andarmene con eleganza quando decido io (aveva più volte rifiutato una operazione consigliata dai medici); in fondo ho fatto la mia parte; ormai è ora di andarmene?. Poco tempo dopo queste lugubri considerazioni Einstein moriva il 17 aprile del 1955. Per sua volontà il corpo venne cremato (a parte il cervello) e le ceneri disperse in una ignota località.

Albert Einstein I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Albert Einstein?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Albert Einstein
Relativity (Translated)
Relativity (Translated)
Mathematical Foundation of the General Theory of Relativity
Mathematical Foundation of the General Theory of Relativity
Relativity for Non-Scientists
Relativity for Non-Scientists
Mein Weltbild
Mein Weltbild
The Meaning of Relativity (Classic Reprint): Four Lectures Delivered at Princeton University, May, 1921
The Meaning of Relativity (Classic Reprint): Four Lectures Delivered at Princeton University, May, 1921
Sulla verità scientifica. Saggi e discorsi sulla scienza
Sulla verità scientifica. Saggi e discorsi sulla scienza
Religione cosmica
Religione cosmica
Le due relatività. Gli articoli originali del 1905 e 1916
Le due relatività. Gli articoli originali del 1905 e 1916
''''
''''
Relatività. Esposizione divulgativa
Relatività. Esposizione divulgativa
Scienza e vita. Lettere (1916-1955)
Scienza e vita. Lettere (1916-1955)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Quando le montagne cantano
[26-08-2021]
C'era una volta il re fiamma
[24-08-2021]
La ragazza del treno
[17-08-2021]
Gianluca Gotto, nomade digitale
[14-08-2021]
L'ora più fredda
[13-08-2021]
Nomadland
[12-08-2021]
Mio fratello rincorre i dinosauri
[11-08-2021]
Old
[11-08-2021]
Leggi le altre News


Autori e film 17/09/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana