Recensioni libri

Asger Jorn

Asger Jorn biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20342

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Asger Jorn
Asger Jorn
Modifica bioCronologia

Asger Jorn arrivò a Milano il 28 marzo 1954 a mezzogiorno... con armi e bagagli, con zaino, tenda da campo ed un violino. Il violino lo dimenticò in treno, per cui, accortosene, si dovette tornare all'Ufficio Oggetti Smarriti, ove fortunatamente fu ritrovato, il che lo dispose favorevolmente verso di me e l'Italia". Così Enrico Baj ricorda la calata di Asger Jorn verso il Mediterraneo, verso Albisola, dove questo nordico "perpetuamente nomade per l'Europa" metterà su casa e che oggi lo ricorda con una mostra allestita nel Museo della Ceramica, a cura di Franco Tiglio. Jorn aveva allora poco più di quarant'anni ed alle spalle le esperienze del gruppo danese astratto-surrealista "Host" e quella fondamentale di CoBrA, il primo grande movimento artistico europeo del dopoguerra - in cui la rivendicazione del carattere sperimentale dell'arte conviveva con una ricerca espressiva orientata verso il primitivismo - di cui con Dotremont e Constant era stato il principale animatore. L'anno precedente Jorn aveva dato vita al Movimento Internazionale per una Bauhaus Immaginista, in polemica con l'"industrial design" propugnato da Max Bill (all'epoca direttore della Höchschule fur Gestaltung di Ulm) "come unica direzione della funzione dell'artista nella società" ed alla concezione statica della forma che vi si riflette. Ed è proprio ad Albisola che, nell'estate del 1954, viene organizzata la "prima esperienza della Bauhaus Immaginista" con gli Incontri Internazionali della Ceramica cui prendono parte Fontana, Baj, Dangelo, Scanavino, Appel, Corneille, Matta, Jorn. Koenig, Giguere e Jaguer. L'estate successiva, al Bar Testa, l'incontro con Pinot Gallizio e Piero Simondo, venuti ad Albisola per un'esposizione delle loro ceramiche: "lo ha visto lì una sera - ricorda Piergiorgio Gallizio - e mio padre che era un tipo piuttosto aggressivo è andato a sederglisi di fianco: Jorn intanto continuava a suonare il violino e allora mio padre ha avuto l'idea di prenderlo sull'archeologia, hanno cominciato a discorrere, si sono sciolti... Dopo tre giorni Jorn lo ha invitato in studio, dopo una settimana era già su ad Alba". Nasce allora il progetto del "Laboratorio Sperimentale di Alba", l'idea del "Primo Congresso Mondiale degli Artisti Liberi" svoltosi nel 1956 nella città piemontese, da cui prenderà le mosse il processo che porterà alla confluenza del M.I.B.I., dell'Internationale Lettriste di Guy-Ernest Debord e del Comitato Psicogeografico di Londra nell'Internationale Situationniste, fondata a Cosio d'Arroscia, in casa di Simondo, nell'estate 1957 e nota soprattutto per aver fornito - con le sue analisi della "società dello spettacolo" - un importante supporto teorico al movimento degli studenti francesi nel Maggio '68. Nell'ottica situazionista si collocano le "Vingt peintures modifiées" (quadri kitsch modificati da rapidi interventi pittorici quali colature o macchie in cui viene perseguita, come ha osservato Mirella Bandini, "una finalità di destrutturazione dell'opera d'arte attraverso la banalizzazione del suo valore d'uso") esposte alla Galerie Rive Gauche di Parigi nel 1959. Sempre del '59 è la realizazione, avvenuta anch'essa nei forni albisolesi, della più grande ceramica moderna (33 metri per 3) destinata al Liceo di Aarhus. Ma il lavoro forse più importante degli anni dal 1956 in avanti (l'ultimo intervento è di pochi mesi anteriore alla scomparsa di Jorn, avvenuta nel 1973) è "Stalingrado" un quadro ispiratogli dal racconto della ritirata di Russia fattogli da Umberto Gambetta, più volte cancellato e ridipinto, "l'unica opera di Jorn, probabilmente" - nota Troels Andersen, che dirige a Silkeborg il Museo ove è ospitata la collezione donata dall'artista danese alla sua città natale - "ad essere segnata dal pathos". La mostra (cui si affianca un catalogo con scritti del curatore e di Theodore Koenig, fondatore - con Havrenne e Noiret - di "Phantomas" la rivista belga nata dopo la dissoluzione di CoBrA) nel documentare l'opera di Jorn rimasta in zona viene a costituire un prezioso pendant di quell'esposizione permanente che l'artista stesso ha allestito sulla collina: quel "Jardin d'Albisola" dove "ciò che è dipinto e ciò che è scolpito, le scale mai eguali fra i dislivelli del terreno, gli alberi, gli elementi aggiunti, una cisterna, la vigna, frantumi d'ogni sorta, sempre bene accetti, disposti nel piu' perfetto disordine, compongono uno dei paesaggi piu' complessi che si possano percorrere in una frazione d'ettaro" (Debord) a dimostrazione di come ciascuno possa appropriarsi concretamente dello spazio, "ricostruendo attorno a sé la terra".     Asger Jorn Nasce a Vejrun (Danimarca) nel 1914 (Aarhus, Danimarca, 1973). Quella di Jorn è una delle presenze maggiormente esemplari e innovative dello straordinario panorama artistico che caratterizza Albissola nella seconda metà del Novecento. Tra i fondatori del Gruppo CoBrA a Bruxelles, nel 1948, egli giunge ad Albissola nel 1954 su indicazione di Baj e Dangelo. Attivo stimolatore di eventi, nel 1954, Jorn è tra i promotori degli "Incontri Internazionale della Ceramica", destinati a lasciare un segno nella cultura artistica italiana, mentre nel 1955 è tra i fondatori del "Movimento per una Bauhaus Immaginista". Partendo dalle radici dell'espressionismo nordico, Jorn giunge alla maturazione del suo linguaggio creativo proprio nel periodo albissolese, quando la forma, liberata da ogni progettualità, germoglia spontaneamente nella materia nel suo farsi. Dal 1959 fino alla sua morte, l'artista danese lavora la ceramica esclusivamente presso le Ceramiche San Giorgio.     Albissola Marina (Savona) Casa Jorn, via D'Annunzio, 8 - Tel. 019400291 - proprietà pubblica - La casa dell'artista contemporaneo Asger Jorn conserva, ceramiche, piatti, vasi, pannelli e tele raccolte dall'artista durante la sua permanenza in Liguria. Prenotazioni e informazioni:Comune di Albissola marina Telefono: 019 400291  

Asger Jorn I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Asger Jorn?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Asger Jorn
La genèse naturelle : sur la situation singulière qu'occupent dans l'humanité les mâles
La genèse naturelle : sur la situation singulière qu'occupent dans l'humanité les mâles
Asger Jorn. Peinture Détournée.
Asger Jorn. Peinture Détournée.

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Eugenio Barba e Julia Varley a incontri possibili
[08-04-2021]
Più libri più liberi torna a Roma dal 4 all’8 dicembre
[07-04-2021]

[11-03-2021]
Incontri possibili con Paola Barbato
[25-02-2021]
Primitivo la nuova personale di Simone Cametti
[14-01-2021]
Festival Bach Montreal 2020
[26-11-2020]
Grande successo del Festival Insieme
[05-10-2020]
L’AMO, LA LETTURA
[30-09-2020]
Leggi le altre News


Autori e film 14/06/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana