Recensioni libri

Carlo Bernari

Carlo Bernari biografia

Recensione

Foto

Libri


Autori
A B C D E F G
H I J K L M N
O P Q R S T U
V W X Y Z

Scrittori presenti: 20377

Menu

Recensioni libri
News
Autori del giorno
Top20
Le vostre Recensioni
Newsletters
Percorsi Narrativi
I nostri feed RSS
I premi Nobel per la letteratura
Albo d'oro Premio Strega
Albo d'oro Premio Campiello

Biografia Carlo Bernari
Carlo Bernari
Modifica bioCronologia

Carlo Bernari (pseudonimo di Carlo Bernard), romanziere, poeta, saggista, drammaturgo, sceneggiatore e giornalista, è stato uno dei maggiori narratori meridionalisti e un precursore del Neorealismo. Nacque a Napoli il 13 Ottobre del 1909 da una famiglia di origine francese (il padre dirigeva un’azienda per la tintura dei tessuti). Adolescente difficile e inadatto alle regole scolastiche, condusse studi da autodidatta (a 13 anni, aveva subito un decreto di espulsione permanente con l’accusa di aver sobillato i compagni di classe). Ancora giovane, fondò a Napoli (insieme a Guglielmo Peirce e Paolo Ricci) il movimento culturale d’opposizione detto “Udaismo” (Unione Distruttivisti Attivisti). Andò quindi in Francia nel 1930, ove si avvicinò all’avanguardia e al surrealismo di André Breton. Ritornato in Italia, ispirato dai problemi del mondo operaio e influenzato dai romanzi europei e americani del tempo (amò soprattutto John Dos Passos), nel 1934 scrisse il romanzo “Tre operai”, opera ben strutturata e non populista che descriveva la vita triste della classe operaia italiana e il suo difficile rapporto col regime dominante. Il libro ebbe un’accoglienza incerta e numerose stroncature (compresa quella di Elio Vittorini); inoltre, lo scontento di Mussolini gli costò l’intervento della censura fascista, sicché non ebbe recensioni e scomparve dalle librerie (divenendo “invisibile e irreperibile”). Nei primi anni ’40 Carlo Bernari scrisse su “Primato”, la rivista quindicinale di Giuseppe Bottai (nonostante l’impegno politico e le idee antifasciste); con Cesare Zavattini e Alberto Moravia fondò a Milano nel 1939 la rivista “Tempo” e nel 1944 creò la “Nuova Biblioteca Editrice” mentre nel 1945 diede vita con Vasco Pratolini alla rivista “La settimana”. Antifascista e partigiano italiano, nel dopoguerra si guadagnò da vivere come collaboratore di numerosi periodici (firmandosi spesso sotto vari pseudonimi) e come schedatore di libri antichi (era un funzionario della Hoepli antiquaria). Scrittore prolifico, pubblicò: “Quasi un secolo” (1936) che narra la storia di una famiglia italiana attraverso tre generazioni, “Il pedaggio si paga all’altra sponda” (1943), “Napoli guerra e pace” (1945), “Tre casi sospetti” (1946) che vinse il premio Brera, e “Prologo alle tenebre” (1947), favoloso grande affresco di vita napoletana imperniato su cinque personaggi legati da un segreto. Del 1949 è “Speranzella”, romanzo attraversato da un afflato neorealista, privo di retorica e denso di tensione etica e realismo (vincerà nel 1950 il Premio Viareggio): questo libro si pone nell’ambito di quel fenomeno letterario italiano degli anni anni ’20-’30 definito “Realismo” e narra storie di miseria e di degrado nella Napoli del dopoguerra, durante il referendum costituzionale del 1946 (e Speranzella è il nome dell’antica via di Napoli nella quale convivono caldi sentimenti e dure contraddizioni). Seguirono “Siamo tutti bambini” (1951) e “Vesuvio e pane” (1952) vincitore del Premio Salento, stupenda saga in cinque libri (Si vende Napoli per due soldi, Debito sopra debito, Vedi Napoli e poi muori, Il ventre della Vacca, Napoli è sempre Napoli). Con questo grande romanzo si chiude la stagione neorealista di Bernari e incomincia un periodo lungo e febbrile tutto dedicato non più alla società napoletana quanto piuttosto al problema meridionale, in una visione marxista del rapporto individuo-società e degli aspetti psicologici ed esistenziali umani). Scrisse: “Domani e poi domani” (1957) - stupenda pagina di letteratura d’amore - , “Amore amaro” (1958) che si aggiudicò il Premio Borselli, “Era l’anno del sole quieto” (1964), “Per cause imprecisate” (1965), “Le radiose giornate” (1969), “Alberone eroe e altri racconti non esemplari” (1971), “Un foro nel parabrezza” (1971), “Tanto la rivoluzione non scoppierà” (1976), “Ventisei cose in versi” (1977), “Il cronista giudizioso” (1979), “Dall’Etna al Vesuvio” e “Dal Tevere al Po” (1980), “Il giorno degli assassinii” (1980), “Il grande letto” (1988), e “L’ombra del suicidio (Lo strano Conserti)” e “Gli stracci” (pubblicati postumi nel 1993). Bernari fu anche un acuto e lucido saggista (e i suoi testi erano prevalentemente concentrati sull’amata Napoli, contemplata da Roma): “Napoli pace e guerra” (1946), “Omaggio a Corrado Alvaro” (1957), “Bibbia napoletana” (1960), “Non gettate via la scala” (1973), “Napoli silenzio e grida” (1977) e “Non invidiate la loro sorte” (1991). Scrisse anche il libro di viaggio “Il gigante Cina” (1957) - preparato in seguito a uno straordinario viaggio fatto in Cina nel 1955 per incarico de “L’Europeo” - , in cui risaltano spirito di osservazione, approfondimento psicologico, analisi sociale e giudizio politico, nel desiderio di dare un senso a un’antica civiltà popolare, a costumi di vita misteriosi e a rapporti particolari tra gli uomini. Il Consiglio Comunale di Gaeta (città che amava e dove si ritirava a scrivere) gli conferì la cittadinanza onoraria. Carlo Bernari morì a Roma il 22 ottobre del 1992. Con i suoi temi sulla condizione operaia e sul proletariato, con la sua esigenza di giustizia sociale, con la sua vigile attenzione civile e con la sua adesione alle problematiche vere e profonde del suo tempo, Carlo Bernari è stato il testimone di un mondo difficile ove le persone erano inquadrate nella dura realtà di tutti i giorni, nella necessità di misurarsi col potere dominante in grado di limitarne fortemente l’esistenza. Il suo linguaggio narrativo è originale per la vivace commistione - molto prima di Andrea Camilleri - di lingua e dialetto napoletano.

Di Silvia Iannello

Carlo Bernari I Libri Biografia Recensione Le foto

Ti piace la scrittura creativa, la poesia e parlare di letteratura? Perche' non vieni sul forum di zam per incontrare nuovi amici con la tua passione!

Hai un sito che parla di Carlo Bernari?
Inserisci il link su zam.it

 
Ultimi libri pubblicati di
Carlo Bernari
Tre operai
Tre operai
Roma 335. Via Rasella, 23 marzo 1944: La Fenice dei Teatri/Testi/5
Roma 335. Via Rasella, 23 marzo 1944: La Fenice dei Teatri/Testi/5
Il giorno degli assassinii (Biblioteca Novecento)
Il giorno degli assassinii (Biblioteca Novecento)

 Ora puoi inserire le news di zam.it sul tuo sito.
Pubblica le news

ULTIME NEWS
Quando le montagne cantano
[26-08-2021]
C'era una volta il re fiamma
[24-08-2021]
La ragazza del treno
[17-08-2021]
Gianluca Gotto, nomade digitale
[14-08-2021]
L'ora più fredda
[13-08-2021]
Nomadland
[12-08-2021]
Mio fratello rincorre i dinosauri
[11-08-2021]
Old
[11-08-2021]
Leggi le altre News


Autori e film 19/09/2021

Nessun Risultato

Tutti gli autori dei film della settimana